AngeliPress

    AngeliPress

    BAMBINO GESU’: L’ALGORITMO MUSICALE CHE RIDUCE LO STRESS

    È una tecnica riabilitativa sviluppata dai ricercatori dell’Ospedale Pediatrico della Santa Sede per i bambini  disabili costretti a casa nei periodi di lockdown. I risultati della sperimentazione pubblicati sul Journal of  Telemedicine and Telecare.  

    Un algoritmo musicale migliora il sonno dei bambini disabili, li rilassa e riduce lo stress dei genitori. Si tratta  di una precisa sequenza di suoni, voci, musiche e immagini sviluppata dai ricercatori dell’Ospedale Pediatrico  Bambino Gesù e personalizzata in base alle necessità di ciascun paziente. La nuova tecnica riabilitativa è stata  sperimentata durante il primo il lockdown del 2020 come terapia sostitutiva delle sedute in Ospedale per  garantire la continuità delle cure anche a casa. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista  scientifica Journal of Telemedicine and Telecare.  

    LA TELERIABILITAZIONE 

    Il metodo riabilitativo sviluppato dai ricercatori del Bambino Gesù si chiama “Euterpe”, dal nome della  mitologica dea della Musica. Viene regolarmente utilizzato dai terapisti del Dipartimento di  Neuroriabilitazione del Bambino Gesù, diretto dal prof. Enrico Castelli, per la stimolazione multisensoriale dei bambini con disabilità motorie e neurologiche attraverso l’uso combinato - secondo le necessità del  paziente - di suoni, musiche, immagini, aromi, oggetti, strumenti e luci.  

    Durante il primo lockdown del 2020 questa terapia è stata rielaborata per essere eseguita anche a domicilio  (teleriabilitazione): i ricercatori hanno sviluppato un algoritmo originale per ordinare - in una precisa  sequenza ritmica - molti degli strumenti utilizzati in Ospedale per stimolare i sensi del bambino e raggiungere  gli obiettivi terapeutici (rilassamento, sviluppo delle competenze comunicative, miglioramento  dell’interazione con i familiari). Sono stati così realizzati dei componimenti audio-video personalizzati che  contenevano suoni a particolari frequenze, musiche originali, la voce della mamma e del bambino stesso,  canzoni e ninne nanna familiari, immagini legate a momenti piacevoli registrate durante le sedute al Bambino  Gesù.  

    «In questo studio, oltre agli aspetti scientifici, sono emerse nuove sfumature nella relazione familiare, ovvero,  l’orgoglio di vedere con occhi diversi le capacità e le qualità del bambino non come paziente ma come  protagonista» spiega Tommaso Liuzzi, musicoterapeuta del Bambino Gesù. «Quanto sperimentato potrà  avere un importante impatto terapeutico: dal legame affettivo madre-figlio ad un coinvolgimento familiare  con prospettive di nuovi apprendimenti. Ripetere attività in ambito familiare apprese durante il ricovero  costituisce un processo di continuità riabilitativa, ponendo al centro una nuova consapevolezza dei potenziali  umani inespressi».  

    LO STUDIO 

    Lo studio condotto dai ricercatori del Dipartimento di Neuroriabilitazione del Bambino Gesù ha coinvolto 14  pazienti affetti da diversi disturbi neurologici (paralisi cerebrale infantile, sindromi genetiche, malformazioni  cerebrali), tutti al di sotto dei 12 anni (età media 7 anni e 5 mesi). 

    Nel periodo di sospensione delle visite non urgenti in Ospedale a causa della pandemia Covid-19 (marzo maggio 2020) le famiglie coinvolte nella ricerca hanno ricevuto la composizione audio-video personalizzata  da somministrare ai bambini 3 volte al giorno per 2 settimane consecutive.  

    Al termine della sperimentazione, gli effetti della terapia a domicilio sono stati valutati con appositi  questionari scientificamente validati. Dall’analisi sono emersi dati statisticamente significativi, in particolare  la riduzione dei disturbi del sonno dei bambini, dei livelli di stress dei genitori e il miglioramento della  relazione bambino-genitore. 

    «Oltre ai risultati raggiunti - aggiunge la neuropsichiatra infantile Sarah Bompard - è importante sottolineare  che, grazie a questo studio, i bambini hanno potuto proseguire, seppure in modi e tempi diversi, una terapia  riabilitativa. Siamo riusciti a dare un importante supporto anche ai genitori, preoccupati che la disabilità dei  figli potesse peggiorare con la sospensione delle terapie riabilitative in Ospedale. È importante inoltre  sottolineare che tutte le famiglie hanno proseguito la somministrazione dei componimenti audio-video  personalizzati anche dopo il termine dello studio, dati i numerosi benefici riscontrati. Tra i nostri obiettivi  futuri vi è sicuramente quello di condurre studi su un numero maggiore di pazienti e con patologie diverse».

     

    Parte area dedicata su ortofonologia.it per nuovo approccio pedagogico

    Da oggi 5 maggio sara' online sul sito Ortofonologia.it un'area dedicata alla Scuola per dare il via a un nuovo a un nuovo approccio educativo e pedagogico. Sara' uno spazio realizzato all'interno del progetto 'Scuole in rete per l'inclusione', promossa dall'Istituto di Ortofonologia (IdO) in collaborazione con la Societa' Italiana di Pediatria (SIP).

    "Proponiamo un approccio psicopedagogico ai bambino di oggi che si traduca in un Modello Dinamico Relazionale, per consentire agli insegnanti dei diversi livelli d'istruzione e agli educatori dei nidi di comprendere le loro traiettorie evolutive e favorire cosi' una crescita migliore". Lo ribadisce con forza Federico Bianchi di Castelbianco, direttore dell'IdO, chiedendo che i "notevoli cambiamenti che osserviamo nei bambini e negli adolescenti di oggi non si trasformino in un eccesso di medicalizzazione".

    L'IdO ha una visione a 360 gradi sul mondo dell'infanzia e dell'adolescenza, collaborando con circa 900 scuole su tutto il territorio nazionale. Vista la grande richiesta, decine di migliaia, "ricevuta dai partecipanti alle nostre ultime iniziative formative, nonche' dal corpo docente- prosegue il direttore dell'IdO- avviamo un progetto di collaborazione tra le scuole, che si chiama 'Scuole in rete per l'inclusione', per sostenere il ruolo inclusivo della scuola e dei docenti in relazione ai cambiamenti che hanno coinvolto l'eta' evolutiva e in particolare i minori con Bisogni educativi speciali (Bes), Disturbi di apprendimento (Dsa) e disabilita' di diverso tipo". Sara' una rete rivolta a quelle scuole che vogliono usufruire di continue possibilita' di formazione, approfondimento e supporto nei contesti educativi e che si attiveranno per condividere proposte operative, modalita' e interventi legati ai processi inclusivi attivati nei diversi livelli d'istruzione.

    Tra gli obiettivi del progetto 'Scuole in rete per l'inclusione' il principale e' la valorizzazione delle competenze pedagogiche degli insegnanti, volte a migliorare i processi di inclusione, evitare la dispersione scolastica e la medicalizzazione dei minori.

    Le scuole che aderiranno alla rete potranno usufruire di una serie di servizi gratuiti forniti in una sezione online apposita ('Area Scuola' su Ortofonologia.it) per accedere gratuitamente ai corsi di formazione online, ai laboratori esperienziali (arte, psicomotricita', teatro, giornalismo, gioco, ecc.) per i diversi livelli d'istruzione, e avere il materiale online gratuito di approfondimento aggiornato. Sara' offerta una consulenza via e-mail agli insegnanti per favorire l'inclusione a scuola, fornita da un'e'quipe multispecialistica (pediatra, NPI, psicologo, logopedista, psicomotricista, educatore professionale) attraverso l'email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it., ma non solo. Tra i servizi c'e' anche la consulenza per PDP e PEI; lo sportello d'ascolto online per gli studenti; lo sportello d'ascolto online per gli insegnanti; lo sportello d'ascolto online per i genitori; i video tutorial psicopedagogici che forniranno spunti operativi per la scuola dell'infanzia e primaria; l'invio di libri gratuiti e schede osservative (scheda osservativa 0-2 anni per i nidi; scheda osservativa per la plusdotazione GATES-2; scheda prerequisiti degli apprendimenti; schede di osservazione per gli apprendimenti riservate alla scuola primaria, questionari e analisi dei bisogni per preadolescenza e adolescenza, ecc.).

    L'Area Scuola sara' una "piattaforma" costantemente aggiornata e disponibile, sotto la supervisione e la consulenza da parte di un'e'quipe multidisciplinare (dal docente allo psicologo e al pediatra, ecc.). Inoltre si attivera' uno spazio per lo scambio di esperienze e buone pratiche, cosi' da promuovere un confronto di percorsi inclusivi attivati nei diversi livelli d'istruzione. Cio' consentira' di valorizzare le competenze pedagogiche degli insegnanti, di proporre attivita' che rispondano alle richieste e ai bisogni segnalati dagli insegnanti stessi e di creare proposte educative nuove nate da tale scambio tra docenti e scuole.

    Le proposte e le esperienze realizzate nelle scuole e dagli insegnanti nell'ambito del progetto 'Scuole in rete per l'inclusione' saranno, infine, presentate a ottobre 2021, nell'ambito di un Evento pubblico, ma verranno anche raccolte in un libro. Un testo che ha lo scopo di fornire strumenti osservativi e spunti operativi, volti all'individuazione, alla valutazione e alle modalita' di intervento rivolte ai minori nel contesto scolastico.

    "Si attivera', in ultimo, una riflessione sulle possibilita' che le scuole possono offrire durante l'eventuale apertura estiva, affinche' la scuola non sia solo centrata sulla didattica, ma su tutte le possibilita' educativo/esperienziali che coinvolgono i minori di tutte le fasce d'eta'", conclude Castelbianco.

     

    Fonte: (Red/Dire)

    Save the children: LA STORIA DI MARGHERITA, DALLA VIOLENZA ASSISTITA AL RISCATTO

    Nelle situazioni di violenza domestica in cui sono presenti figli o figlie, si parla di violenza assistita, una vera e propria forma di maltrattamento psicologico. Questo fenomeno viene il più delle volte sottovalutato o addirittura ignorato, perché tendono a perdersi i nessi causali tra il clima di violenza circolante in famiglia e le conseguenze sullo sviluppo dei/lle bambini/e dal punto di vista psicologico (sia emotivo che cognitivo), fisico comportamentale e della socializzazione. 

    Margherita (nome di fantasia) ha 12 anni e vive attualmente in una casa rifugio insieme alla sua mamma, che ha denunciato la violenza che subiva in casa da parte del compagno e padre di Margherita, ottenendo protezione per se stessa e la figlia.

    Margherita ha sempre assistito al controllo e alle continue svalutazioni del padre nei confronti della mamma. La mamma racconta che aveva un lavoro che la appassionava e in cui si mostrava competente, lavoro che aveva dovuto lasciare dopo la nascita di Margherita sotto incoraggiamento del marito, perché così poteva passare il tempo con la bambina e occuparsi della casa, “ci penso io alle mie donne” diceva il padre. 

    Margherita era molto felice di passare il tempo con la sua mamma, anche se avrebbe voluto giocare al parco insieme agli/alle altri/e bambini/e e ai loro genitori. Il papà però non era felice che la mamma parlasse delle loro cose private in giro, così Margherita giocava sempre con la mamma, che era solita raccontarle storie di stelle, pianeti lontani, spedizioni spaziali e viaggi interstellari. Il papà storceva sempre la bocca in quelle occasioni, voleva che la figlia imparasse qualcosa di utile e più adeguato a lei: le aveva comprato una bella cucina giocattolo perché doveva imparare a fare da mangiare per il suo futuro marito e i suoi figli, diceva. 

    A Margherita piaceva giocare con la cucina, anche se pensava con desiderio e nostalgia alle storie avventurose che le raccontava la mamma. Col tempo Margherita si è adattata alle richieste del padre, vestendo e comportandosi sempre più come lui pretendeva. Pensando che magari facendo questo il padre l’avrebbe amata di più.

    Dopo l’ingresso in Casa Rifugio, mamma e figlia hanno potuto sperimentare quella libertà di essere ed esprimersi che era stata loro negata.
    Il 31 Maggio 2020 Margherita guardava la tv sul divano della casa della casa rifugio in cui è ospite insieme alla sua mamma ed ha assistito al lancio del razzo dello “Space X” di Elon Musk. Il suo desiderio è stato risvegliato e Margherita ha passato un’intera estate tra film di spedizioni spaziali e racconti di viaggi oltre l’orbita terrestre, senza avere paura che queste attività non si addicessero ad una femmina. 

    Grazie al rinforzo positivo e agli stimoli che le operatrici della casa rifugio e la sua mamma le hanno fornito, Margherita, con i suoi 12 anni, ha dichiarato che da grande diventerà un’astronauta della NASA. Pertanto, ha iniziato ad approfondire l’inglese da autodidatta con grande dedizione. 

    ALCUNE STATISTICHE DEL FENOMENO

    La storia di Margherita rientra all’interno di un fenomeno, quello della violenza assistita, che in Italia riguarda un bambino su 5 fra quelli seguiti per maltrattamento. Nel nostro Paese sono quasi 402.000 i minori in carico ai servizi sociali e di questi 77.493 sono vittime di maltrattamento. La violenza assistita rappresenta la seconda forma più diffusa di maltrattamento sull’infanzia con il 32,4% dei casi, subito dopo la patologia delle cure (incuria, discuria e ipercura) di cui è vittima il 40,7% dei/delle minorenni in carico ai Servizi Sociali (II indagine nazionale sul maltrattamento dei bambini e degli adolescenti in Italia; CISMAI e Terres des Hommes, 2021).

    Continua a leggere su: https://www.savethechildren.it/blog-notizie/la-storia-di-margherita-dalla-violenza-assistita-al-riscatto

     

    IL SERMIG PARTNER SOCIALE DEL GIRO DI ITALIA. I volontari dell'Arsenale della Pace presenti in ogni tappa della corsa rosa

    La solidarietà, l’impegno per la pace, ma anche un segno concreto per ridurre le distanze in tempo di pandemia. È lo spirito del progetto “3479 chilometri di speranza” che vedrà il Sermig di Torino al seguito del Giro d’Italia.

    Il Sermig - Servizio Missionario Giovani - nasce nel 1964 a Torino da un sogno di Ernesto Olivero e sua moglie Maria Cerrato: sconfiggere la fame nel mondo. Dal 1983 ha sede nel vecchio arsenale militare di Torino. Il lavoro gratuito di migliaia di giovani e volontari e il contributo economico e professionale di tantissime persone comuni, lo trasforma in Arsenale della Pace: rifugio per tanti che vogliono cambiare vita, luogo di fraternità, di incontro per giovani, di cultura e formazione. Negli anni il Sermig ha continuato a portare solidarietà, sviluppo, cure a popolazioni colpite da guerre, fame, calamità naturali con oltre 3700 progetti in 155 Paesi del mondo.

    Il Sermig è stato invitato a partecipare alla manifestazione, come partner sociale, con una presenza dei suoi volontari in tutte le città toccate dalla Corsa Rosa. Nelle varie tappe avvicinerà giovani, scuole, amici e simpatizzanti sparsi in Italia. Consegnerà a tutti loro, ai rappresentanti della società civile e delle istituzioni la "Lettera alla coscienza", manifesto dell’impegno civile del Sermig.

    Il messaggio di speranza si trasformerà anche in un progetto di solidarietà per bambini e ragazzi in Italia e nel mondo: “PER CHI NON HA SPORT”, per sostenere attività sportive organizzate dal Sermig nei tre Arsenali di Torino, di San Paolo del Brasile e a Madaba in Giordania.

    Il Giro d’Italia sarà presente anche nelle scuole con il progetto “Reporter per un giorno” grazie al quale le classi iscritte avranno la possibilità di essere coinvolti e cimentarsi anche come “Reporter di buone notizie”: un laboratorio per gli studenti delle scuole superiori per raccontare il lato positivo del mondo dello sport e non solo.

    “Partecipare al Giro d’Italia per noi è una gioia ma anche una responsabilità – dice Ernesto Olivero, fondatore del Sermig. Siamo convinti che mai come oggi il nostro Paese abbia bisogno di un messaggio di speranza e di impegno per costruire un mondo migliore”.

     

    15 maggio Concerto Etnosinfonico, per la valorizzazione del patrimonio musicale dei Rom Italiani

    L’Orchestra Sinfonica “G. Rossini” (OSR), istituzione concertistica marchigiana di fama internazionale, riconosciuta dal MIBACT e dal MIUR, per il costante apporto in ambito scolastico, organizza, in collaborazione con l’Orchestra Europea per la Pace e l’Alexian Group, un Concerto Etnosinfonico. Questa manifestazione, unica per il suo genere, punterà alla valorizzazione, del patrimonio musicale dei Rom Italiani di antico insediamento.
     
    L’evento si terrà sabato 15 maggio e si svolgerà nei pressi del Monumento al Samudaripen di Lanciano, città medaglia d'oro al valor militare per la Resistenza e unica città in Italia ad ospitare un monumento in memoria dei popoli Rom e Sinti uccisi nei campi di concentramento nazisti. Sarà possibile assistere al concerto in diretta streaming, mediante un collegamento a partire dalle 10:30 fino alle 12:30. Questa scelta è stata pensata per favorire soprattutto l’accesso alle istituzioni scolastiche che vorranno partecipare: si segnalano già presenze da Lanciano, Laterza, Altamura, Torino, Sondrio, Lecce e da diversi istituti della Sardegna. Nella scelta della data di questo concerto, diretto dal M° Nicola Russo, c’è la volontà di celebrare con un giorno di anticipo, la ricorrenza della Rivolta dei Rom ad Auschwitz, nota anche come
    Giornata dell’Orgoglio Romanò. Il 16 Maggio del 1944 infatti, le SS avevano deciso di liquidare lo Zigeunerlager da ogni presenza; i Rom e i Sinti, internati e disarmati, ebbero comunque il coraggio di ribellarsi al tentativo di sterminio da parte dei propri carnefici, mettendo a soqquadro il proprio campo e facendo momentaneamente ritirare i soldati tedeschi.
     
    L’elevato livello artistico dello spettacolo è valso il patrocinio dell’UNAR - Presidenza del Consiglio dei Ministri, nella cui sede di Palazzo Chigi a Roma verrà realizzata una conferenza stampa di presentazione del concerto l’11 maggio alle ore 11 alla presenza del Direttore UNAR, il dott. Loukarelis. Insieme all’OSR, capofila del progetto, i coorganizzatori dell’evento sono: i Comuni di Lanciano, Campobasso e Laterza, l’Unione delle Comunità Romanés in Italia (UCRI), Associazione Them Romanò Onlus di Lanciano, Logos Cultura di Pescara, Movimento Culturale Spiragli di Altamura (BA), le ANPI di Lecce, l'ANPI "Trentino La Barba" di Lanciano, l’ANPI Regionale Sardegna, l’AIZO di Torino, l’Associazione “Il Sorriso di Marinella” di Pescara, l’ISSREC di Sondrio, la CGIL e la Flc-CGIL entrambe di Sassari, Novagro Fertilizzanti Speciali di Arielli (Chieti), Scuola d’Italiano “Penny Wirton" di Senigallia (AN), Clikbus di Vasto (Chieti).
     
    La manifestazione sarà impreziosita dalla deposizione di una corona d’alloro sul Monumento al Samudaripen da parte dei due sindaci dei Comuni gemellati di Lanciano e Laterza e si avvarrà della prestigiosa collaborazione di Michele Andreola, guida italiana ad Auschwitz che ricostruirà le vicende storiche occorse ai Rom e ai Sinti internati nei campi di sterminio. 
     
    Ideatrice di questo progetto l’OSR si avvale di un artista di fama internazionale, nonché autore dei brani che verranno eseguiti, il Dott. Prof. Santino Spinelli. Rom Italiano di antico insediamento e Commendatore della Repubblica Italiana, egli è inoltre scrittore, poeta, saggista, musicista, compositore, musicologo, etnomusicologo e docente universitario di Lingua e Cultura Romanì. Leader dell’Alexian Group, Spinelli si è esibito sui palchi di tutto il mondo insieme ai propri figli. Si tratta di un gruppo che ha nelle sue fondamenta la prima famiglia Rom Italiana in grado di elaborare e suonare proprie partiture e di esibirsi accompagnati da compagini orchestrali. L’OSR, presente nei cartelloni del prestigioso Rossini Opera Festival, kermesse pesarese di rilevanza mondiale dedicata al grande operista pesarese, tiene concerti in Italia ed all’estero portando con sé la freschezza e la potenza delle grandi composizioni sinfoniche e la tradizione dell’opera dal Barocco al Verismo. Tutto ciò senza mai dimenticare la propria “seconda pelle” votata all’innovazione, in particolare alla valorizzazione dei grandi artisti della musica leggera italiana e del Pop e Rock internazionale.
     
    Proprio in virtù di questa capacità di guardare al presente, l’OSR è lieta di collaborare con musicisti del calibro dell’Orchestra Europea per la Pace e dell’Alexian Group. L’evento, infatti, rappresenta in sé una sintesi tra i due importanti elementi prima menzionati, la tradizione, data dalla musica Romanì di stampo italiano, tramandatasi di generazione in generazione dapprima solo in forma orale e successivamente in quella scritta e l’innovazione, data dall’unione di masse artistiche molto eterogenee fra loro e che si incontrano per la prima volta.
     

    Progetto ANICA, “DENTRO LA MACCHINA DEI SOGNI – L’INDUSTRIA E I MESTIERI DEL CINEMA”

     Quinta tappa del progetto ANICA dedicato ai mestieri del cinema, con un incontro in presenza con gli studenti dell’ISISS Magarotto di Roma

    Ultimo appuntamento della seconda edizione della rassegna cinematografica ANICA “Dentro la macchina dei sogni – L’industria e i mestieri del cinema”, realizzata nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promosso da MiBACT e MI all’interno del bando “Buone Pratiche, Rassegne, Festival” 2019. L’iniziativa intende far scoprire agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado tutte le professioni dell’industria cinematografica che stanno “dietro la macchina da presa” e le relative opportunità occupazionali.

    La seconda edizione dell’iniziativa ha portato ANICA, in modalità online, in Campania, Calabria, Puglia e Sardegna, ottenendo un caloroso consenso e partecipazione da parte di tantissimi studenti e docenti: questi, appassionati di cinema e serie tv, hanno potuto comprendere quante e quali figure concorrano nella lavorazione di un film e quali siano le caratteristiche che si possono coltivare per accedere ad un settore in continuo fermento e alla ricerca di professionisti anche molto giovani.

    Oggi, per l’ultima tappa, ANICA coinvolgerà le ultime classi dell’Istituto Statale di Istruzione Specializzata per Sordi “A. Magarotto” di Roma, primo istituto professionale gestito ufficialmente dell’Ente Nazionale Sordomuti (ENS), che dagli anni Ottanta prosegue un percorso di integrazione e inclusione “al contrario” con l’inserimento nelle classi di piccoli gruppi di alunni udenti.  “Con il progetto ANICA – afferma Francesca Medolago Albani, Responsabile Pianificazione Strategica ANICA – vogliamo far comprendere come il mondo dell’audiovisivo sia sempre più inclusivo ed attento a tutti i potenziali talenti. La nostra più grande soddisfazione è quella di sapere che il nostro progetto ha aiutato molti ragazzi ad avere una maggiore consapevolezza del mondo delle professioni e delle opportunità di formazione nel settore cinematografico e audiovisivo. Sin dalla prima edizione abbiamo deciso di dedicare una tappa dell’iniziativa agli studenti con disabilità uditive per offrire loro una panoramica dei mestieri ad alta specializzazione tecnologica e visiva, e siamo felici di aver potuto, nonostante le difficoltà, replicare anche quest’anno”.

    In presenza presso l’Istituto, gli studenti incontreranno Lidia Saccardi- Project Manager di 01 Distribution e Federico Mauro – Creative Director per un approfondimento sui mestieri della distribuzione, a partire dal film “Tutto il mio folle amore” di Gabriele Salvatores, una storia potente ed empatica. Introdotti da Francesca Medolago Albani, gli ospiti presenteranno il proprio ruolo, racconteranno le loro esperienze e spiegheranno come si progetta un’accurata campagna di promozione e comunicazione di un film.

    Impatto Covid-19 su salute mentale e rischio maltrattamento minori: indagine Cesvi e focus con ministra Bonetti

    Domani martedì 4 maggio alle ore 11.00 si terrà la presentazione della quarta edizione dell’Indice regionale sul maltrattamento all’infanzia in Italia

    in diretta sui canali Facebook Youtube dell’organizzazione umanitaria Cesvi.

     

    L’Indice regionale sul maltrattamento all’infanzia in Italia – curato da Cesvi – analizza la vulnerabilità al fenomeno nelle singole regioni italiane, attraverso l’analisi dei fattori di rischio presenti sul territorio e della capacità degli strumenti di prevenzione e contrasto. L'edizione di quest’anno include anche un focus sull'impatto che l’emergenza Covid-19 ha prodotto sulla salute mentale delle famiglie, dei genitori e dei bambini diventando un nuovo fattore di rischio al maltrattamento dei minori.

     

    All’incontro virtuale interverranno:

    Elena Bonetti – Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia 

    Gloria Zavatta – Presidente Cesvi

    Giovanna Badalassi – Ricercatrice Cesvi

    Moderatrice: Cristina Parodi – giornalista, ambassador e madrina di Cesvi

     

    Previsto anche un dibattito con

    Roberto Furlan – Unità di Neurologia IRCCS Ospedale San Raffaele

    Maria Grazia Foschino Barbaro – Policlinico di Bari Ospedale Giovanni XXIII, CISMAI

    Petra Filistrucchi – Associazione Artemisia centro antiviolenza

     

    Qui il link per partecipare alla diretta:

    COVID, SANT’EGIDIO: PRIMO MAGGIO SOLIDALE PERCHE' LA RIPARTENZA SIA PER TUTTI

    A Roma appuntamento dalle 12.00 alla mensa di Via Dandolo e distribuzione di pacchi alimentari in periferia

    Un Primo Maggio solidale con chi è povero ed è stato maggiormente colpito dalle conseguenze economiche e sociali della pandemia. La Comunità di Sant'Egidio sceglie di vivere la Festa del Lavoro insieme a chi - per la crescita della povertà e la perdita del lavoro - ha urgente bisogno di un segnale di speranza. Perché la ripartenza del nostro Paese possa riguardare davvero tutti. 

    Nella mensa di Via Dandolo a Roma, domani 1 maggio, a partire dalle 12, verranno distribuiti pasti caldi da asporto con un menù particolarmente ricco, mentre in altri quartieri della capitale, come a Ostia, saranno organizzati momenti di festa accompagnati da speciali distribuzioni di pacchi alimentari. 

    Hollie: io, sopravvissuta aiuto le vittime di tratta

    Hollie non riesce a non emozionarsi quando narra la sua vicenda. Capita anche durante la conversazione con Avvenire: dalla sua casa di Columbus, nell'Ohio, questa giovane donna bionda ed espansiva come solo le americane sanno essere racconta con le lacrime agli occhi che ogni volta prova pena per quello che è stata, ma che solo così, dicendolo a più persone possibile, tutto l'orrore che ha vissuto trova uno scopo. Hollie Daniels è una sopravvissuta alla tratta: drogata a 11 anni, piazzata a vivere dai nonni e poi prostituìta a 15 anni con la complicità dalla madre tossica, è rimasta alla mercé degli uomini e della dipendenza per 17 anni.

    Ha sperimentato ogni genere di droga e di sopraffazione, ha vissuto in strada, periodicamente affidata ai servizi sociali. «Certe notti pregavo Dio di prendere la mia vita perché non volevo continuare così. Non ero mai lucida: la mia mente era sopraffatta dalla droga e dai miei aguzzini», dice. Durante un'udienza al tribunale della Contea di Franklin, dove era sotto processo per prostituzione, è arrivata la svolta: un operatore sociale le ha proposto un programma di disintossicazione e riabilitazione destinato alle vittime di tratta. «È stata una mano tesa, la prima della mia vita: nessuno, in 17 anni trascorsi in balìa di servizi sociali, famiglie affidatarie e sistema giudiziario, mi aveva chiesto se avevo bisogno di aiuto», racconta Hollie, oggi 38enne. Era il 2015. Ma la rinascita non poteva restare solo sua. Lo stesso anno Hollie Daniels ha dato vita aReaching the Shining Starz ("Raggiungere le stelle scintillanti"), un'associazione che allevia la solitudine delle donne prostituìte, incontrandole sulle strade di Columbus e distribuendo loro pasti caldi, indumenti e kit sanitari. All'inizio Hollie era sola, oggi con lei operano decine di volontari suddivisi in squadre che pattugliano la città il sabato e la domenica notte. «Personalmente ho incontrato almeno 500 donne», racconta ancora Hollie ad Avvenire: «Io le comprendo: ho calpestato le stesse strade. Ho sperimentato la stessa disperazione. Ho subito le stesse umiliazioni. E oggi, quando mi avvicino a una di loro, posso sentire il suo dolore, perché è stato il mio. Distribuiamo pasti, vestiti, l'occorrente per l'igiene. E a chi vuole, anche agganci per uscire dalla prostituzione e dalla droga». 

     Continua a leggere su: https://www.avvenire.it/rubriche/pagine/hollie-io-sopravvissutaaiuto-le-vittime-di-tratta

     

    Cogliamo l'ocassione per condividere la trasmissione andata in onda lo scorso 8 marzo su Radio Rai Gr Parlamento in ocassione della giornata internazionale della donna http://www.grparlamento.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-a08e4c2b-f6df-4c17-92da-beba56be5649.html 

     

     

    FESTA DEL LAVORO, CONFAGRICOLTURA: INVESTIRE IN CAPITALE UMANO E VALORIZZARE LE PROFESSIONALITA’

    “Nel giorno della Festa del Lavoro, che si celebra oggi, 1° maggio, il ringraziamento di Confagricoltura va a tutti gli operatori del settore che, instancabilmente, in questo anno segnato dalla pandemia, hanno lavorato senza sosta per garantire cibo in quantità e di qualità”. Lo afferma Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura, la principale Organizzazione datoriale agricola italiana, con oltre il 50% delle giornate lavoro del settore.

    Con 1.057.000 lavoratori, l’agricoltura mantiene sostanzialmente stabili i livelli occupazionali.

    La presenza femminile, pari al 32% sul totale operai, si concentra soprattutto nei contratti a tempo determinato (34%). Questi ultimi, inoltre, si caratterizzano per appartenere a fasce d’età più giovani (il 56% ha meno di 45 anni) e per una maggiore incidenza della componente di origine non comunitaria, rispettivamente 21% e 16% (Rapporto EBAN 2021).

    La manodopera agricola è prevalentemente impiegata nel Sud del Paese (53% del totale), che detiene anche la quota più rilevante degli operai a tempo determinato (56%). Viceversa, nel Nord si concentra la maggiore incidenza degli operai a tempo indeterminato.

    “E’ doveroso riconoscere il rilevante contributo che il nostro segmento produttivo, insieme agli operatori di tutta la filiera, ha garantito con grande senso di responsabilità in questo periodo difficile – sottolinea il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti -. Lavoratori e imprese vanno aiutati a uscire dal disastro generato dalla pandemia. E’ indispensabile valorizzare le capacità produttive, investire nella formazione del personale, nella trasformazione tecnologica, digitale e sostenibile dei processi produttivi, anche perché il settore sta andando verso un’agricoltura sempre più professionale e strutturata”.

    Le misure contenute nel PNRR potranno avere un forte impatto sul lavoro: creeranno nuove occasioni di impiego, soprattutto per donne e giovani, recuperando centinaia di migliaia di posti di lavoro persi con la pandemia in molti settori.

    Confagricoltura evidenzia l’urgenza di politiche in grado di favorire un’occupazione più stabile e di qualità anche nel settore primario attraverso la rimozione degli ostacoli che scoraggiano le imprese nell’assunzione, come l’elevata pressione fiscale e contributiva sul lavoro, la complessità degli adempimenti, e incentivi per l’assunzione effettivamente fruibili.

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.