Wed Mar 2022 - 12 13

Alessandra Servidori: 'Siamo con il popolo ucraino'.

Alessandra Servidori, Componente ESN Europe Service Network-Presidente Nazionale TutteperItalia: 'Siamo con il popolo ucraino'.

                       

                         Le notizie sulla morte di  bambini in seguito all'invasione russa dell'Ucraina  sono  una dura realtà del fatto che i civili, in particolare i più vulnerabili, sono le principali vittime della guerra. Altre vite innocenti continueranno a essere perse se gli attacchi della Russia non saranno fermati. In qualità di rappresentanti dei servizi sociali pubblici in Europa, la rete sociale europea (ESN) desideriamo sottolineare il nostro impegno a sostenere le autorità pubbliche e i fornitori di servizi sociali in Ucraina per aiutarli a gestire i loro servizi nel miglior modo possibile in una situazione così difficile. Vorremmo inviare un messaggio di solidarietà a tutti coloro che lavorano nei servizi sanitari e sociali in Ucraina per la loro dedizione e il duro lavoro nel mantenere tutti al sicuro e sostenere i più vulnerabili, che sono particolarmente colpiti da questo conflitto.La situazione in Ucraina è stata molto difficile negli ultimi otto anni da quando è scoppiato il conflitto nelle regioni dell'Ucraina orientale di Donetsk e Luhansk nel 2014. A luglio 2021, c’erano 1,47 milioni di sfollati interni registrati dal Ministerodelle politiche sociali ucraino (MOSP) Secondo i dati del Ministero del 2015, il 12,6% degli sfollati interni erano bambini, il 4,2 erano persone con disabilità e il 60% riceveva un qualche tipo di pensione.Con l'invasione della Russia, gli sfollamenti forzati sono aumentati significativamente nella parte occidentale dell'Ucraina e nei paesi limitrofi. L'entità dello sfollamento dipenderà dalla posizione, dalla durata e dalla letalità dell'invasione, ma la Commissione Europea afferma che il numero degli sfollati sono superiori a 7 milioni.. Prima dell'invasione i servizi sociali ucraini avevano già lottato per sostenere le centinaia di migliaia di sfollati interni e non sono preparati per l'aumento dei livelli di richieste di sostegno dopo le attuali ostilità.Secondo le interviste delle ONG locali, i bisogni più importanti degli sfollati interni sono finanziari (occupazione), di base (cibo e vestiti), alloggi (alloggi permanenti o temporanei) e bisogni medici. Le famiglie sfollate interne sono costrette a fuggire da casa senza vestiti stagionali e un reddito regolare in un luogo sconosciuto. Allo stesso modo, le regioni di Donetsk e Luhansk avevano già esigenze sociali specifiche che richiedevano un ulteriore sostegno da parte dei servizi sociali, tra cui un alto livello di HIV / AIDS, tubercolosi e consumo di droghe.Molti sfollati saranno anche colpiti dalla propaganda di guerra e avranno bisogno di sostegno psicologico. I servizi sociali pubblici dovranno fare i conti con l'esperienza (post)traumatica dei combattenti, dei loro parenti e degli sfollati. I manuali internazionali per l'aiuto psicologico e i programmi dovrebbero essere resi ampiamente disponibili e i professionisti della salute e dell'assistenza sociale dovrebbero essere formati con il sostegno di organizzazioni internazionali con esperienza nell'offrire questo tipo di assistenza.Studi precedenti hanno sostenuto che durante il conflitto armato i servizi sociali ucraini erano stati impreparati ad agire in situazioni di emergenza. Il lavoro sociale è stato approvato dalla legge in Ucraina solo nel 1997 e una professione ufficialmente accreditata dal 2004. Le principali sfide persistono nei servizi sociali pubblici dell'Ucraina, tra cui la sua struttura frammentata, le disposizioni prevalentemente ospedaliere e la scarsa continuità nel fornire servizi a popolazioni specifiche. Tuttavia, ci sono stati passi verso la riforma dell'assistenza sociale che affronterà la questione delle grandi istituzioni e l'introduzione di modelli di assistenza sociale basati sulla comunità.L'Ucraina ha un numero limitato di servizi disponibili, che sono per lo più orientati agli interventi di crisi e al lavoro sociale terapeutico, spiegati da una professione creata relativamente di recente e dalla mancanza di tradizione di risposte rapide a qualsiasi tipo di disastro. Le autorità pubbliche ucraine avranno bisogno di ampio sostegno per affrontare questi problemi attraverso una combinazione di servizi psicologici, programmi di assistenza sociale e sanitaria e programmi di sostegno all'occupazione che combinano strategie a breve e lungo termine. Questi comportano interventi di crisi, assistenza sociale di sensibilizzazione, interventi mobili, ma anche programmi di empowerment e inclusione sociale basati sulla comunità. Le questioni dell'educazione al lavoro sociale potrebbero essere riconsiderate, così come il valore e la percezione dei servizi sociali.Il ruolo delle organizzazioni internazionali di servizi sociali come il membro ESN, SOS Children's Villages, è stato fondamentale. Essendo una delle poche organizzazioni internazionali che lavorano su entrambi i lati della linea di contatto nell'Ucraina orientale, hanno affrontato i bisogni umanitari delle famiglie e fornito supporto attraverso un team di servizi sociali, psicologi, educatori e altro personale.L’organizzzaione ha sostenuto quasi 57.000 bambini e adulti su entrambi i lati della linea di contatto che ha superato la regione di Luhansk tra aree controllate dal governo ucraino e non governative da quando è scoppiato il conflitto nel 2014.I servizi sociali hanno risposto per molti decenni alle tragedie umane che seguono il conflitto. L'invasione militare in Ucraina provocherà la morte, la distruzione di infrastrutture, lo sfollamento su larga scala di persone, le violazioni dei diritti umani, l'emergere di veterani militari disabili e senzatetto e alti livelli di trauma. Un conflitto di questa proporzione si tradurrà anche in un aumento dei prezzi delle materie prime chiave in tutto il mondo, contribuendo potenzialmente ad aumentare i livelli di povertà.Abbiamo già visto la vita di bambini e persone vulnerabili perse inutilmente e la perdita di vite umane in Ucraina mentre la situazione si deteriora rapidamente è spaventosa. È molto probabile che le vittime dei bambini e i danni ai servizi essenziali come scuole, case per bambini, centri sanitari e di assistenza sociale aumenteranno se i combattimenti continueranno, specialmente nelle aree densamente popolate. Ogni sforzo deve essere fatto per trovare urgentemente una soluzione diplomatica, fermare le ostilità e proteggere i civilians dal male.

pubblicato in Autorevoli Editorialisti

Latest from AngeliPress

La Conferenza Stato-Regioni approva il Fondo Inclusione per l'Autismo

La capitana del meteo, Stefania De Angelis: «Noi, donne uragano»

Alla Palazzina Azzurra di San Benedetto la retrospettiva su Capriotti

Lo ScaldaCuore di Paola Scarsi: 100 personaggi noti e meno noti raccontano il loro primo bel ricordo

Mons. Baturi è il nuovo Segretario Generale della Cei



Notizie flash

Jul 06, 2022

La Conferenza Stato-Regioni approva il Fondo Inclusione per l'Autismo

La capitana del meteo, Stefania De Angelis: «Noi, donne uragano»

Jul 06, 2022

Alla Palazzina Azzurra di San Benedetto la retrospettiva su Capriotti

Jul 06, 2022

Lo ScaldaCuore di Paola Scarsi: 100 personaggi noti e meno noti raccontano il loro primo bel ricordo

Jul 06, 2022

Mons. Baturi è il nuovo Segretario Generale della Cei

Jul 06, 2022