Mon Mar 2021 - 04 00

Festa della donna con disabilità, un articolo di Laura Coccia

Written by Laura Coccia

Oggi ricordiamo il sacrificio delle donne che hanno lottato per i diritti di tutte, per la parità, per le prossime generazioni di bambine e ragazze, affinché si trovino un pezzo di strada percorsa, un pezzo di muro abbattuto. Ma tra le tante vorrei ringraziare e ricordare le donne che hanno lottato e lottano per i diritti delle persone con disabilità. Penso su tutte a Mirella Antonione Casale, la madre della legge 517/77, che ha lottato e vinto affinché sua figlia e tutti gli studenti venissero inclusi nelle classi di tutti gli studenti, abolendo le cosiddette “classi speciali”. Poi c’è Paola Fantato che prima di tutte ha dimostrato che i disabili potevano gareggiare e vincere nelle gare dei cosiddetti “normodotati”, nonostante tutto, come direbbe ancora qualcuno. Penso poi a Valentina Perniciaro, mamma di Sirio, che racconta il mondo attraverso gli occhi di suo figlio con un’ironia tagliente sulla disabilità e i pregiudizi che la circondano, senza però nascondere i momenti difficili, la difficoltà, la stanchezza, la rabbia per risposte e gli aiuti che non arrivano. Ma tutte hanno dimostrato e dimostrano come sia possibile un approccio normale alla disabilità.

Poi ci siamo noi, donne con disabilità, che ci siamo ritrovate a vivere immerse nei pregiudizi che ci vogliono incapaci di essere studentesse, lavoratrici, femminili, mogli e madri, rinchiudendoci in uno stereotipo di eterne bambine angeliche, innocenti e indifese creature asessuate. Invece no, anche noi ci siamo e lottiamo per i nostri diritti, rivendichiamo il diritto ad una vita piena al pieno accesso al mondo del lavoro, nel pieno rispetto del nostro modo di essere. Certo, abbiamo bisogno di strumenti: poter effettuare le visite ginecologiche e di screening in luoghi senza barriere e con lettini elettrici che si alzano e si abbassano con il telecomando, per esempio, o all’istituzione di un codice di esenzione specifico in caso di gravidanza che non sia quello della gravidanza a rischio, se non serve, ma faccia scattare automaticamente una serie di servizi e supporti a domicilio per la gestione della gravidanza ad esempio se si necessita di fisioterapia e del post partum come l’assistenza ostetrica.

Costruire una società in cui anche le donne con disabilità possano entrare a far parte a pieno diritto della pluralità della società, senza che nessuno si fermi all’apparenza è la sfida che ci attende per il futuro, care sorelle. E allora toccherà a noi rimboccarci le maniche per stimolare il dibattito e proporre risposte e strumenti alla nuova Ministra delle Politiche per la disabilità. Ancora una volta la sfida è sulle nostre spalle, ancora una volta dobbiamo essere il motore del cambiamento. E noi siamo pronte, come sempre, a fare la nostra parte.

pubblicato in Autorevoli Editorialisti

Latest from AngeliPress

Martedì 6 dicembre dalle 15 e 30 nella Sala Litza Cittanova Valenzi al Maschio Angioino l’incontro “La creatività urbana tra memoria, dibattito e prospettive”

Una mostra d’arte per la Giornata della disabilità. Di Daniele Cardia

Disabilità. Le iniziative di Aisla Firenze per la Giornata Mondiale

Dichiarazione del Presidente Mattarella in occasione della Giornata Internazionale del Volontariato

Il viaggio di Lettori alla Pari continua



Cultura

Dec 05, 2022

Martedì 6 dicembre dalle 15 e 30 nella Sala Litza Cittanova Valenzi al Maschio Angioino l’incontro “La creatività urbana tra memoria, dibattito e prospettive”

Una mostra d’arte per la Giornata della disabilità. Di Daniele Cardia

Dec 05, 2022

Disabilità. Le iniziative di Aisla Firenze per la Giornata Mondiale

Dec 05, 2022

Dichiarazione del Presidente Mattarella in occasione della Giornata Internazionale del Volontariato

Dec 05, 2022

Il viaggio di Lettori alla Pari continua

Dec 05, 2022