Wed Oct 2022 - 11 17

Il terrapieno inaccessibile. Di Daniele Cardia

Written by AngeliPress

«Non è tutto oro quel che luccica» così dice un vecchio proverbio italiano. Anche in una città meravigliosa come Cagliari, con il suo mare del Poetto, la sua cucina strepitosa che spazia dalla cucina di terra con “su porceddu” o più conosciuto come maialetto o maialino, alle prelibatezze di mare con il pesce orata, i ricci di mare, "sa fregula cun sa cocciula" ossia la fregola con le arselle.

Ecco, dopo un succulento pranzo, avrete sicuramente voglia di sgranchirvi le gambe tra i vicoli dell'affascinante centro storico di Cagliari. Ma proprio in pieno centro città, al Terrapieno, un luogo bellissimo dove fare fantastiche passeggiate e ammirare una vista stupenda sulla città, ecco proprio qui, in questo luogo incantato, qualcosa che non va c’è, perché è poco vivibile da una persona con disabilità.

I marciapiedi sono tutti disastrati e distrutti, sempre gli stessi da decenni. Sono già difficilmente percorribili da chiunque, perché una persona può rischiare di slogarsi una caviglia. Figuriamoci allora, quanto possa essere difficile fruire di questo luogo magico se si è costretti in carrozzina o si hanno problemi di deambulazione; è praticamente impossibile. Si tratta di un problema gravissimo, anche per le mamme con un bambino piccolo in passeggino, anche per persone anziane. Ecco tutto questo non va bene, è inaccettabile che una città bella e molto turistica, abbia ancora zone o quartieri impraticabili.

Sempre al Terrapieno poi, “lupus in fabula”, esiste un ascensore che dovrebbe collegare il pian terreno con i piani alti del Castello, il quartiere vecchio. Ecco, anche l'ascensore è guasto. Credo sia stato costruito negli anni 2000, io però non ricordo abbia mai funzionato. Un ascensore pubblico come questo potrebbe avere un'importanza fondamentale per collegare a piedi una città collinare da un punto all’altro.

Mi rivolgo all’attuale Amministrazione comunale ma sia chiaro: nessuna amministrazione precedente, qualunque fosse il suo colore di appartenenza, ha mai risolto il problema.

Un’utilità importantissima non solo per Cagliari e per chi ha una disabilità motoria di qualsiasi tipo, ma per tutti gli abitanti dello storico quartiere che vorrebbero evitare di percorrere a piedi, con le buste della spesa ad esempio, delle salite poco praticabili.

Ritengo inaccettabile che qualsiasi città al mondo debba creare ai propri cittadini disagi così importanti.

Daniele Cardia

pubblicato in Disabilità

Latest from AngeliPress

Martedì 6 dicembre dalle 15 e 30 nella Sala Litza Cittanova Valenzi al Maschio Angioino l’incontro “La creatività urbana tra memoria, dibattito e prospettive”

Una mostra d’arte per la Giornata della disabilità. Di Daniele Cardia

Disabilità. Le iniziative di Aisla Firenze per la Giornata Mondiale

Dichiarazione del Presidente Mattarella in occasione della Giornata Internazionale del Volontariato

Il viaggio di Lettori alla Pari continua



Cultura

Dec 05, 2022

Martedì 6 dicembre dalle 15 e 30 nella Sala Litza Cittanova Valenzi al Maschio Angioino l’incontro “La creatività urbana tra memoria, dibattito e prospettive”

Una mostra d’arte per la Giornata della disabilità. Di Daniele Cardia

Dec 05, 2022

Disabilità. Le iniziative di Aisla Firenze per la Giornata Mondiale

Dec 05, 2022

Dichiarazione del Presidente Mattarella in occasione della Giornata Internazionale del Volontariato

Dec 05, 2022

Il viaggio di Lettori alla Pari continua

Dec 05, 2022