Mon Jan 2022 - 08 26

Mai come ora sono al tuo fianco, ma riprendi a mangiare ti prego!

Written by AngeliPress

Mai come ora sono al tuo fianco, ma riprendi a mangiare ti prego! Inizia con queste parole un post su Facebook di Rita Bernardini, che continua così:

"È quanto mi ha chiesto la Ministra della giustizia #MartaCartabia rispondendo ad una mia sconsolata riflessione sulla condizione delle #carceri nel nostro Paese.

È così che mi sono ricordata di quando Marco Pannella usava l’espressione “fare fiducia”, espressione che dal punto di vista grammaticale è forse scorretta, ma dal punto di vista del significato è molto diversa dal più corretto “dare fiducia”. “Fare fiducia” implica un atteggiamento attivo, responsabile, costruttivo da parte di chi la esprime.

Vi sono momenti in cui, per un nonviolento – diceva Marco Pannella - occorre consapevolmente rischiare la vita contro la morte, dar corpo con integrità alla vita del diritto perché il diritto alla vita di tutti non venga messo a morte, FARE FIDUCIA estrema al potere, incoraggiandolo ad operare secondo legge e giustizia.

È quello che ho cercato di fare da dicembre ad oggi, giorno in cui mi concedo una sosta riprendendo ad alimentarmi. Da domani si apre la partita per l’elezione del Presidente della Repubblica, non si sa quanto durerà e che conseguenze avrà sulla maggioranza di governo. Per me se quel ruolo di “garante della Costituzione” lo ricoprisse proprio Marta Cartabia costituirebbe veramente un “nuovo inizio” per la nostra democrazia fiaccata, sfibrata da decenni di violazioni sulla giustizia, sulle carceri, sui diritti civili e sociali, sulle procedure istituzionali.

Dal punto di vista della mia salute fisica questo lungo digiuno, seppure interrotto, mi porta ad avere un calo di peso di 9,1 kg, crampi ai piedi e alle gambe che frequentemente interrompono il riposo notturno, sbandamenti nel camminare, fastidio alle reni con urina color rosso vivo. Dal punto di vista psicologico, invece, mi sento e sono stata molto bene perché qualche scampolo di informazione sullo stato di illegalità delle carceri è pure passata, perché c’è stato tanto impegno da parte di centinaia di persone a partire dalle carceri, perché ci sono stati parlamentari di “quasi” tutti gli schieramenti che hanno manifestato vicinanza con l’obiettivo-necessità-obbligo di decongestionare l’affollamento dei corpi nei penitenziari, perché ho potuto concentrarmi di più sulla sofferenza che vivono le persone recluse, i loro familiari e gli uomini e le donne che a loro vogliono bene. Perché so che affermare una concezione della pena improntata sul recupero della persona piuttosto che sulla vendetta, farebbe diminuire drasticamente i reati e quindi le vittime come è dimostrato da tutti gli studi che sono stati fatti in materia di recidiva.

Con questa sospensione, accolgo non solo l’appello della Ministra Cartabia, ma anche quello dei #detenuti di #Poggioreale del padiglione Firenze, dove – e lo sottolineo – la richiesta di incontro è partita dai “politici” di Forza Nuova Fiore, Castellino che in questa lotta per i diritti dei detenuti hanno ufficialmente dichiarato di voler ammainare le loro bandiere, di voler agire nella legalità e di volere evitare qualsivoglia strumentalizzazione politica. Accolgo l’invito a sospendere dell’ Associazione Marco Pannella - Torino e di Progresso Torino che mi “ristorano” con la prosecuzione del loro digiuno a staffetta tenendo così accesa la fiammella della nonviolenza.

Ci sono due cose ancora che voglio dirvi, per me molto importanti.

La prima: Matteo Salvini ha accettato la mia proposta di visitare insieme un #carcere (lo faremo dopo la partita Quirinale/Governo). Trovo questo molto generoso da parte sua, così come lo è stato nel promuovere assieme al Partito Radicale i 6 #referendum sulla giustizia che il popolo italiano sarà chiamato a votare in primavera. Certo, sulle carceri, le posizioni sono molto distanti ma la nonviolenza comporta, ne sono convinta, proprio il dialogo con i più lontani dalle proprie convinzioni.

La seconda: il dialogo che va avanti e cresce in un modo per me sorprendente (in passato era successo solo con #SantiConsolo) con il #DAP e il suo Presidente #BernardoPetralia, il quale non solo ha partecipato al Congresso di Nessuno Tocchi Caino ma ha consentito che dal carcere di Milano-Opera l’assemblea fosse collegata con i detenuti iscritti a NTC negli istituti di Parma e di Rebibbia.

Infine, un ringraziamento speciale a chi, giorno dopo giorno, è in questa lotta con intelligenza, dedizione e amore:

Radio Radicale tutta, a partire da suo direttore #AlessioFalconio, la Rubrica Radio Carcere con Riccardo Arena, Il Riformista con Valentina Angela Stella, Il Dubbio con Damiano Aliprandi, Tgcom24.

Elisabetta Zamparutti, Sergio D'Elia, #FrancescaMambro, Marco Costantini, Umberto Baccolo, Monica Monique BjLp e tutto il CD di Nessuno tocchi Caino.

I garanti dei detenuti Pietro Ioia e Samuele Ciambriello per come lavorano e per l’accoglienza che ci hanno fatto davanti a #Poggioreale.

Le “ragazze” del carcere Le Vallette di Torino, da dove tutto è partito e prosegue.

Roberto Giachettii, con le sue proposte di legge concrete e immediatamente approvabili."

pubblicato in Argomenti

Latest from AngeliPress

NON PER NIENTE, NON DI NIENTE. Di Paolo Borrometi

Brescia, uno sportello di mediazione per i rifugiati ucraini

CESVI RICONVERTE HOTEL IN POLONIA PER DONNE E BAMBINI IN FUGA DALLA GUERRA

UCRAINA, LA STORIA DI VLADISLAVA, MAMMA 17ENNE IN FUGA DAL DONBASS

I ringraziamenti ufficiali della Presidente della Moldova Maia Sandu per gli interventi di Ai.Bi. a favore dei profughi ucraini



Notizie

May 22, 2022

NON PER NIENTE, NON DI NIENTE. Di Paolo Borrometi

Brescia, uno sportello di mediazione per i rifugiati ucraini

May 22, 2022

CESVI RICONVERTE HOTEL IN POLONIA PER DONNE E BAMBINI IN FUGA DALLA GUERRA

May 22, 2022

UCRAINA, LA STORIA DI VLADISLAVA, MAMMA 17ENNE IN FUGA DAL DONBASS

May 22, 2022

I ringraziamenti ufficiali della Presidente della Moldova Maia Sandu per gli interventi di Ai.Bi. a favore dei profughi ucraini

May 22, 2022