Fri Apr 2021 - 03 00

Maria Rita Parsi su caso Daniela Molinari

Written by Maria Rita Parsi

C'è una donna di 47 anni, malata di tumore, per la quale sarebbe necessario rintracciare una madre che non l'ha abortita ma, per nove mesi, l’ha portata in grembo, aspettando di lasciarla nelle mani delle suore che l'hanno aiutata a partorirla. Il profondo disagio - se non l’odio e il rifiuto - che ha accompagnato l'attesa di partorirla, costituiscono un “imprinting”, definitivo e sostanziale, che, insieme all'abbandono patito dopo il parto prima che altri si prendessero l'onore e l'onere di adottarla, la dice lunga sul tumore che oggi colpisce Daniela Molinari. Queste circostanze, ne sono scientificamente certa, hanno contribuito a fare di quel tumore l'espressione di un dolore e di un abbandono che quella donna ha patito già da quando è stata concepita. Sua madre si è resa irrintracciabile. Non ha voluto neppure che il suo nome, nonostante approfondite ricerche che sono state condotte per ritrovarla, fosse, in alcun modo individuato. E ora si rifiuta non soltanto di incontrare quella figlia, ma di sottoporsi al prelievo del sangue che potrebbe aiutarla a continuare a vivere.

Non ricorriamo a parole, quali “madre inumana”, che subito fioriscono sulla bocca di chiunque, di fronte a tanta omertosa crudeltà. Diciamo soltanto che attribuire al frutto vivente di qualcosa di traumatico per lei, o forse di vergognoso o drammatico o irraccontabile - qualcosa da rimuovere come il “peccato” di nascere non desiderati e considerati nemici di chi ci mette al mondo - è profondamente ingiusto e letale. Proprio come la storia del passato che a quella gravidanza ha dato l’avvio. Le ragioni per nascondersi, per eclissarsi in un modo così deciso, possono essere tante. Probabilmente – anzi, certamente - ricollegabili a un falso sè o alla speranza di rimuovere definitivamente il ricordo di un tempo del quale non si è stati protagonisti, ma vittime. Mi rivolgo, infine, poiché, come sempre, nessuno ne fa menzione, al padre che con il suo seme ha contribuito a tanto impietosa condizione. E oltre che alle donne nemiche delle donne, a lui rivolgo la domanda:"Chi sei? Dove sei?” E, ancora, “Non ti vergogni?” Perché questa è la vera, assoluta vergogna: mettere al mondo dei figli senza avere l’onestà e l'amore di prendersene cura. Perché il crimine che si sta perpetrando ai danni di Daniela è, oltre che di quella madre, anche e, forse, soprattutto, di quel padre.

pubblicato in Autorevoli Editorialisti

Latest from AngeliPress

La Conferenza Stato-Regioni approva il Fondo Inclusione per l'Autismo

La capitana del meteo, Stefania De Angelis: «Noi, donne uragano»

Alla Palazzina Azzurra di San Benedetto la retrospettiva su Capriotti

Lo ScaldaCuore di Paola Scarsi: 100 personaggi noti e meno noti raccontano il loro primo bel ricordo

Mons. Baturi è il nuovo Segretario Generale della Cei



Notizie flash

Jul 06, 2022

La Conferenza Stato-Regioni approva il Fondo Inclusione per l'Autismo

La capitana del meteo, Stefania De Angelis: «Noi, donne uragano»

Jul 06, 2022

Alla Palazzina Azzurra di San Benedetto la retrospettiva su Capriotti

Jul 06, 2022

Lo ScaldaCuore di Paola Scarsi: 100 personaggi noti e meno noti raccontano il loro primo bel ricordo

Jul 06, 2022

Mons. Baturi è il nuovo Segretario Generale della Cei

Jul 06, 2022