Mon Dec 2022 - 04 58

Una mostra d’arte per la Giornata della disabilità. Di Daniele Cardia

Written by AngeliPress

Una Mostra d’arte per la Giornata della disabilità

Sabato 3 dicembre, è stata la Giornata internazionale delle persone con disabilità. Una giornata che l'ONU ha deciso di dedicare, a tutte le persone che affrontano la vita con maggiori difficoltà, ma non si arrendono e non mollano mai.

Sabato, in occasione di questa preziosa giornata, ho partecipato presso la "LUCEM STUDIO" di Michele Piras e Anna Patricolo, ad una mostra d'arte del mio amico pittore Andrea Ferrero, privo della vista a causa di una retinite pigmentosa. La serata è stata presentata dalla Professoressa Marcella Serreli, storica d’arte.

Ho voluto rivolgere qualche domanda ad Andrea e alla Professoressa Serreli.

Andrea Ferrero

Come mai, hai desiderato di realizzare una mostra, oggi?

«Allora, oggi è la “Giornata internazionale della disabilità” e credo che, la cultura e l’arte debbano essere assolutamente accessibile a tutte le persone, comprese le persone con disabilità e quindi il senso, di questa mostra, è proprio quello di fornire una mostra che sia accessibile, una mostra per tutti»

Qual è il messaggio che vorresti dare a tutti, con questa mostra?

«Questa mostra ha anche un altro senso, un altro significato, nel senso che io sono disabile visivo e quindi esporre, dimostrare che una persona che non vede può dipingere per me è una cosa molto molto molto bella, e molto significativa. Solitamente, si pensa all’Artista, come qualcuno che debba utilizzare le mani. C’è chi affronta la disabilità, attraverso la scultura, la musica o canta, suona. Ecco, io, invece, ho deciso di esprimere quello che ho dentro, attraverso la pittura. Vedere sarebbe meglio, però il quadro non è solo la vista, il quadro è anche, idea, emozione, progetto, gesto, immaginazione, creatività. Ecco, quindi ridurre un'attività pittorica, solo ed esclusione dalla vista, mi sembra molto riduttivo»

Marcella Serreli

Perché una mostra qui, oggi?

«Perché qua? è una è stata una bella opportunità, in una giornata così importante, che richiama l'attenzione su una in realtà, su delle attività che riguardano l'arte è un'arte che si diffonde all'interno di una società, dove chiamiamole problematiche della disabilità e che diciamo si stanno normalizzando. Questa è la cosa fondamentale, cioè la diffusione della pratica dell'arte, che coinvolge le persone e che finalmente, grazie anche alla diffusione alla informazione, e alla frequentazione di musei, di ambienti artistici, finiscono a svelarsi, e a riscoprire le loro caratteristiche, le loro sensibilità, anche nello svolgimento di un'arte. E oggi è il caso di Andrea Ferrero che conosciamo tutti e che presenta il suo lavoro, perché la sua grande passione è la pittura. In genere nell'idea più diffusa, il pittore deve essere vedente. Ma l'arte chiama, è quasi una vocazione e soprattutto Andrea risponde con un deposito di memorie iconografiche, e per cui riesce ancora a trasmettere, anzi lo rinnova ogni giorno. Questo bagaglio straordinario di conoscenza e di immagini che ha percepito quando ancora vedeva, ma che ha sempre alimentato nella sua attività e per cui, Andrea è in grado di restituirci sensazioni, anche ricordi per tutti e col suo grande amore nei confronti soprattutto del mare, della sua città, dell'ambiente all'aperto, e riesce ecco a dare ordine, nonostante la grande confusione della nostra società dei nostri tempi. E con la sua progettualità, lui riesce a dare ordine ai ricordi e ordine alle sensazioni attuali.»

Perché secondo lei, la comunità internazionale ha voluto una giornata della disabilità?

«è una questione di civiltà è una questione di maturità e di consapevolezza in un modo o nell'altro tutti abbiamo una disabilità tutti quanti ce l'abbiamo e dobbiamo venirci incontro, capire le esigenze di tutti noi. L’ idea più diffusa era che un sordo, un cieco fossero disabili o un disabile motorio. In realtà, le disabilità sono veramente tante. Per cui un interessamento alle esigenze di tutti, ci porta anche a distribuire l’importanza sulla qualità. Tutti quanti, ognuno di noi ha delle diverse abilità e le compensiamo tutti a vicenda, ecco direi che questa, sarebbe la società ottimale. Il percorso è lungo, lo so benissimo, faticosissimo, son da tanti anni che me ne occupo, però io credo che, con una maggiore livello di consapevolezza, realmente anche tutti noi veramente, potremmo essere più generosi nelle nostra nella nostra composizione, nella nostra offerta.»

Daniele Cardia

 

pubblicato in Disabilità

Latest from AngeliPress

Auser in audizione al Senato sul disegno di legge delega sugli anziani

Assemblea Sinodale Continentale in Europa: il contributo delle Chiese in Italia

"Arturo Paoli e l'Argentina «patria del cuore»" di Marco Roncalli

Proposto il progetto #LaScuolaControilCancro

Presentazione del libro "R-esistenze. Venti storie di quotidiana resistenza" a cura di Rosa Iannuzzi



Anziani

Feb 08, 2023

Auser in audizione al Senato sul disegno di legge delega sugli anziani

Assemblea Sinodale Continentale in Europa: il contributo delle Chiese in Italia

Feb 08, 2023

"Arturo Paoli e l'Argentina «patria del cuore»" di Marco Roncalli

Feb 08, 2023

Proposto il progetto #LaScuolaControilCancro

Feb 08, 2023

Presentazione del libro "R-esistenze. Venti storie di quotidiana resistenza" a cura di Rosa Iannuzzi

Feb 08, 2023