Wed Jun 2022 - 08 21

VIDEO GAME THERAPY: riabilitare i pazienti con disabilità intellettiva tramite l’utilizzo di videogiochi

Written by AngeliPress

Superare difficoltà del linguaggio e del pensiero con l'aiuto dei giochi elettronici, trasforma il giocatore in paziente. È attraverso la Video Game Therapy, una delle nuove frontiere per favorire l'evoluzione emotiva, affettiva e cognitiva in soggetti con disabilità o con difficoltà relazionali e di apprendimento, che si apre un nuovo capitolo di cura affrontato dal Dott. Francesco Bocci, psicologo adleriano padre della Video Game Therapy in Italia.
Non c’è distinzione anagrafica, il beneficio è esteso sia ai piccoli come aiuto ad avvicinare in maniera ludica alla riabilitazione anche in caso di gravi disabilità, ma anche per i disabili adulti come supporto per migliorare la qualità dell’azione educativa.
Il gioco rappresenta una leva evolutiva nella vita dell’individuo che permette il rafforzamento delle abilità motorie, cognitive e interpersonali, ha un ruolo fondamentale nel processo di costruzione dell’identità personale e sociale attraverso l’apprendimento delle regole dello stare con l’altro e alla costruzione di diverse e nuove forme di comunicazione interpersonale. L’attività di gioco è fondamentale non solo in età infantile: cambiano le forme, le modalità, gli strumenti, i significati, ma la dimensione ludica accompagna l’uomo in tutto l’arco della vita.
È attraverso il gioco che si manifestano e si sperimentano creativamente le emozioni primarie dell’uomo, anche per le persone con disabilità.

"Anche le persone con disabilità giocano. Non devono solo "fare" delle cose, ma possono "vivere" delle sensazioni e percezioni di benessere profondo attraverso il gioco. Vogliamo portare l'sperienza del video-gioco nella loro quotidianità, non come un'attività del fare, ma come un momento di piacere e benessere individuale (FLOW), attraverso il quale si manifesta la loro parte più autentica”, sono le parole del Dr Francesco Bocci, ideatore della Video Game Therapy in Italia.

Il gioco, e di conseguenza il videogioco, sono contesti in grado di favorire l’ingresso degli utenti nello stato di flow. Quando giochiamo non siamo forse talmente immersi nell’attività ludica da perdere la cognizione del tempo e di quanto accade attorno a noi? Quando giochiamo abbiamo la possibilità di immergerci in un cerchio magico uno spazio protetto, capace di garantire elevati livelli di sicurezza psicologica e di stimolare, attraverso il divertimento e la motivazione intrinseca, il desiderio di sperimentare e la curiosità. Il gioco rappresenta, infatti, un’esperienza estremamente appagante e gratificante in cui i confini fra lo spazio dell’azione e dell’intenzione, così come quelli temporali, si fanno sempre più sfumati. Ne risulta uno stato di profonda concentrazione in cui la paura del fallimento lascia spazio alla gioia e al piacere del fare.

Con la video game therapy esiste una possibilità di cura innovativa di supporto alla canonica o indipendente per molte persone con disabilità, soprattutto intellettiva. Dato il carico economico e sanitario di tali disabilità, c’è una maggiore richiesta di metodi accessibili ed economici che prevengano l’insorgenza e facilitino la gestione di tali utenti. Questa richiesta è stata esacerbata dopo l’avvento della pandemia di COVID-19 e il conseguente aumento dell’incidenza dei disturbi di salute mentale. Con molti pazienti in lista d’attesa o impossibilitati a ricevere supporto, è importante presentare il potenziale dei videogiochi commerciali per migliorare i sintomi della patologia o alleggerirne il carico quotidiano.
I videogiochi commerciali possiedono molte caratteristiche importanti: schemi, scenari di gioco controllati che possono essere correlati a specifici problemi di salute mentale, design, coinvolgimento dell'utente e stato di flusso immersivo.
 

pubblicato in Disabilità

Latest from AngeliPress

La Conferenza Stato-Regioni approva il Fondo Inclusione per l'Autismo

La capitana del meteo, Stefania De Angelis: «Noi, donne uragano»

Alla Palazzina Azzurra di San Benedetto la retrospettiva su Capriotti

Lo ScaldaCuore di Paola Scarsi: 100 personaggi noti e meno noti raccontano il loro primo bel ricordo

Mons. Baturi è il nuovo Segretario Generale della Cei



Notizie flash

Jul 06, 2022

La Conferenza Stato-Regioni approva il Fondo Inclusione per l'Autismo

La capitana del meteo, Stefania De Angelis: «Noi, donne uragano»

Jul 06, 2022

Alla Palazzina Azzurra di San Benedetto la retrospettiva su Capriotti

Jul 06, 2022

Lo ScaldaCuore di Paola Scarsi: 100 personaggi noti e meno noti raccontano il loro primo bel ricordo

Jul 06, 2022

Mons. Baturi è il nuovo Segretario Generale della Cei

Jul 06, 2022