AngeliPress

    AngeliPress

    LA SFIDA DELLA SOLIDARIETA' "Miracolo a Milano"

    Martedì 6 Aprile, ORE 20, RADIO 1 RAI GR PARLAMENTO
     
    Ospiti di Paola Severini Melograni, Stefano della Casa, critico cinematografico e Gianni Biondillo, scrittore. 
    In occasione dei 70 anni dalla prima milanese del film di Vittorio De Sica, Biondillo
     sta lavorando con le Biblioteche comunali di Milano alla preparazione di un libro su "Miracolo a Milano" in uscita per la prossima edizione di Bookcity (novembre 2021). 
    Il fim è tratto dal romanzo Totò il buono di Cesare Zavattini e nasce dalla lunga collaborazione tra Zavattini e De Sica. 
     
    Per contattare la redazione dei programmi, che si potranno scaricare in podcast dal sito di Radio Rai Gr Parlamento, scrivete a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
     

    Beppe Grillo: La Transizione Ecologica spiegata in 3 minuti

    La transizione ecologica è semplice. La transizione ecologica vuol dire produrre e usare le cose in modo più intelligente, e scoprire che basta produrre molte meno cose per avere la stessa funzione. Per esempio con uno spazzolino ricaricabile basta cambiare dieci volte la testina invece di cambiare dieci volte lo spazzolino.

    Ma questo spazzolino è solo una metafora per tutta la società. E’ la nostra testa che dobbiamo cambiare. Non solo la testina. Questo è uno spazzolino per la mente, non per i denti. Tutta la transizione ecologica si riassume in una sola parola: meno. Meno energia, meno materiali, meno fatica. Che vuol dire più benessere, più salute, più natura, più tempo liberato.

    Se gli spazzolini e tutto il resto li facciamo con meno materiale e meno pezzi, allora consumiamo meno petrolio, produciamo e bruciamo meno rifiuti, inquiniamo meno. E abbiamo anche bisogno di lavorare meno, perché adesso metà del nostro tempo di lavoro lo sprechiamo per produrre spazzatura, non benessere. Il carburante del futuro sarà l’intelligenza ecologica, non il petrolio.

    E se l’intelligenza ecologica ci permette più benessere con meno lavoro, allora si libera tempo per vivere. Tempo da passare con la famiglia, gli amici, lo sport, la cultura. O a far niente.

    Vi sembra meglio una società basata sulle persone e il tempo liberato, o una società come la nostra, basata sulle cose e il tempo di lavoro.

    Fare gli straordinari per comprare a rate il SUV di seconda mano? E’ questa la società che vogliamo? O invece vogliamo una società più giusta e più pulita, dove le persone contano più delle cose e dove il tempo liberato conta più del tempo di lavoro?

    Questo ragionamento però va completato con la cosa più importante: la solidarietà.

    Ecologia non vuol dire essere solidali col panda. Ecologia vuol dire essere solidali con le persone. Ecologia vuol dire essere solidali col mio collega che perde il posto di lavoro, mentre a me fanno fare gli straordinari. Ecologia vuol dire lavorare meno. Ma vuol dire anche lavorare tutte e tutti. L’ecologia è per salvare le persone, non solo il panda. ¨Per questo Papa Francesco la chiama “ecologia integrale”.

     

    Continua a leggere su: https://www.beppegrillo.it/la-transizione-ecologica-spiegata-in-3-minuti/

     

    Fonte: beppegrillo.it

    Al via la collaborazione fra Comune di Capannori e Cesvot

    Al via la collaborazione fra Comune di Capannori Cesvot regionale per semplificare la vita delle associazioni, sia dal punto di vista delle pratiche necessarie per la vita associativa alla luce della riforma del terzo settore, sia da quello dell’organizzazione di eventi, manifestazioni, iniziative pubbliche.

    L’accordo fra i due soggetti si concretizza con l’apertura dello sportello comunale “Comune  Amico per le Associazioni”, pronto a fornire assistenza a 360 gradi alle associazioni del territorio.
    La stretta collaborazione è stata sancita stamani (mercoledì 31) con la firma di un protocollo sperimentale della durata di due anni – primo esempio in Toscana – fra  il sindaco di Capannori Luca Menesini, l’assessore al volontariato Serena Frediani, il direttore regionale Cesvot Paolo Balli e il presidente della delegazione Cesvot di Lucca Pierfranco Severi.

    Grazie a questo patto fra Enti, le associazioni del territorio, che a Capannori sono circa 160, potranno contare su un supporto professionale e gratuito, semplicemente prendendo appuntamento in municipio, con il nuovo sportello pensato su misura per loro.

    “Siamo molto soddisfatti di questo sportello e di questa collaborazione con Cesvot – dichiara l’assessore al volontariato di Capannori, Frediani –. Realizziamo infatti un servizio che le associazioni ci chiedevano da tempo, anche e soprattutto alla luce delle nuove normative. Chi ancora oggi si impegna in un’associazione per tenere viva la comunità e sensibilizzare la popolazione su tematiche importanti, deve essere supportato e facilitato in questa attività. Lo sportello ‘Comune Amico per le Associazioni’ serve proprio a questo: dall’aiuto nelle pratiche tecniche, alla richiesta di suolo pubblico o di realizzazione di un progetto per mettere in piedi un’iniziativa. A dar loro una mano troveranno il personale comunale, professionalmente formato da Cesvot. Il livello dell’offerta è quindi alto e siamo certi che forniremo aiuto concreto alle molte associazioni capannoresi”.

    Grazie al protocollo siglato, Cesvot si impegna a formare gli operatori dello sportello ‘Comune Amico Associazioni’, a fornire loro materiale informativo che potrà essere dato alle associazioni e, infine, ci sarà un filo diretto fra gli operatori comunali e il Cesvot, in modo da avere una consulenza immediata in caso di bisogno.

    “L’apertura dello sportello Cesvot su un territorio come quello di Capannori, tra i più importanti nella provincia per presenza associativa, è un passo fondamentale - ha dichiarato il direttore regionale Cesvot, Paolo Balli - e si presenta come esperienza pilota di un progetto più ampio. E' importante anche per la presenza di operatori impiegati nel  servizio per le associazioni del terzo settore adeguatamente formati e collegati con il know-how di Cesvot. E’ un modello che pensiamo di replicare a livello regionale, in collaborazione con Anci Toscana”.

    “Con il Comune di Capannori abbiamo sempre avuto grande intesa sui temi che riguardano il volontariato - ha detto Pierfranco Severi, presidente della delegazione Cesvot di Lucca - Qui c’è una realtà molto attiva e c’è grande attenzione da parte della delegazione per tutte le attività sul territorio, con un proficuo rapporto di scambio. L’apertura dello sportello si è fin da subito presentato come un progetto di grande valore e ci siamo attivati immediatamente per far partire una nuova avventura che sarà da esempio e modello per tutto il territorio" regionale”.
    La collaborazione fra Comune di Capannori e Cesvot regionale, essendo sperimentale e il primo esempio in Toscana, è a titolo gratuito.

     

    Bonus bici, detrazioni per i disabili: come funziona e chi può richiederlo

    Bonus bici: tra le spese mediche detraibili nella dichiarazione dei redditi c'è anche la spese per bici elettriche o pedalata assistita. Ma soltanto per i disabili, chiarisce l'Agenzia delle Entrate. Una sorta di bonus riservato. Vediamo in dettaglio come funziona e chi può richiederlo.

    Per chi ha disabilità certificate, in caso di ridotte o impedite capacità motorie, la bici elettrica rientra tra le spese sanitarie detraibili al 19% per l’intero importo sostenuto, e senza tener conto della franchigia di 129,11 euro. Tutte le istruzioni su come funziona il bonus fiscale arrivano dall’Agenzia delle Entrate che, tramite la propria rivista online, si sofferma sui documenti necessari per beneficiare dell’agevolazione prevista ai sensi della legge 104. In vista dell’avvio imminente della stagione del modello 730 precompilato 2021, soffermiamoci di seguito sulle informazioni utili.

    Tra le spese sanitarie detraibili (articolo 15, comma 1, lett. c, del Tuir) rientrano dunque anche quelle riguardanti i mezzi necessari all’accompagnamento, alla deambulazione, alla locomozione e al sollevamento e per i sussidi tecnici e informatici rivolti a facilitare l’autosufficienza e le possibilità di integrazione delle persone con disabilità.
    Queste spese si assumono integralmente e, pertanto, la detrazione del 19% spetta sull’intero importo pagato (non soltanto sulla parte eccedente la franchigia di 129,11 euro, come previsto per altre spese sanitarie) e può essere fruita anche dal familiare che ha sostenuto la spesa del quale la persona con disabilità è fiscalmente carico.

    Chi può richiederlo?

    Coloro che presentano una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, certificata dalla Commissione medica istituita ai sensi dell’art. 4 della legge n. 104/1992, oppure da altre commissioni mediche pubbliche competenti a certificare l’invalidità civile, di lavoro, di guerra, eccetera. Come precisato nella circolare n. 19/2020, la detrazione spetta anche per l’acquisto di una bicicletta elettrica a pedalata assistita da parte di persone con ridotte o impedite capacità motorie permanenti.
    Per usufruire dell’agevolazione è necessario essere in possesso di due certificazioni:quella di invalidità o di handicap rilasciata dalla Commissione medica pubblica competente, dalla quale risulti la menomazione funzionale permanente quella rilasciata da un medico specialista della ASL, che attesti il collegamento funzionale tra la bicicletta con motore elettrico ausiliario e la menomazione.

    Cultura Crea si rinnova

    Raddoppia l'incentivo per le imprese turistico-culturali del Sud, promosso dal Ministero della Cultura nel PON “Cultura e Sviluppo” gestito da Invitalia: da aprile due sportelli agevolativi

    Novità in arrivo per Cultura Crea, l'incentivo promosso dal Ministero della Cultura per il so-stegno alle iniziative imprenditoriali nel settore culturale, creativa e turistico nelle regioni del mezzogiorno: ampliamento della platea dei beneficiari e delle spese ammesse alle agevolazioni, ma anche uno sportello ad hoc per sostenere le imprese danneggiate dalle restrizioni legate all'emergenza Covid-19.

    Il programma

    Finanziato a partire dal 2016 con risorse a valere del PON “Cultura e Sviluppo” 2014-2020 per un totale di 107 milioni di euro, si articola in tre differenti aree di intervento con massimali di investimento e di agevolazione differenti:

    1) Creazione di nuove imprese nell'industria culturale per il sostegno alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) e alle cooperative del settore culturale costituite negli ultimi 36 mesi e ai team di persone fisiche che vogliono costituire una nuova impresa;

    2) Sviluppo delle imprese dell'industria culturale e turistico per lo sviluppo e il consolidamento delle MPMI dell'industria culturale, turistica, creativa, dello spettacolo e del settore manifatturiero tipico locale. Si rivolge alle cooperative ed alle imprese costituite in forma societaria da non meno di 36 mesi.

    3) Sostegno ai soggetti del terzo settore dell'industria culturale sostiene lo sviluppo e il consolidamento di soggetti del terzo settore nelle attività collegate alla gestione di beni, servizi e attività culturali, anche favorendo forme di gestione integrata.

    Cultura Crea raddoppia

    Con aprile, Invitalia si appresta ad inaugurare la seconda fase del programma che oltre a raddoppiare il numero degli sportelli, integra con nuove linee guida alcune problematiche emerse nel corso di questo primo quinquennio di attività. Proprio a fronte di un ragionamento sui 55.000.000 di euro che a fine 2020 non erano riusciti ad essere stanziati, il MiC ha introdotto con il Decreto Ministeriale del 10 dicembre 2020 (Direttiva operativa del Ministero della Cultura n. 237 del 29 marzo 2021) alcune misure volte ad allargare la platea dei beneficiare e della tipologie di spese ammissibili per le imprese costituite da almeno 36 mesi, con previsione di localizzazione in tutti i Comuni delle Cinque Regioni interessate. Tra le principali e più importanti novità c'è l'estensione della misura Enti del Terzo Settore (Associazioni, APS, ONLUS o Imprese Sociali) iscritti al Registro unico nazionale del Terzo Settore. Saranno previsti interventi che favoriscano la logica di rete, ma anche un'agevolazione sulle anticipazioni concesse che gli imprenditori potranno richiedere a valere su fondi pubblici anziché in virtù di una di fideiussione bancaria o assicurativa. I programmi d'investimento, inoltre, potranno essere realizzati presso più unità produttive anziché presso una sola purché all'interno delle regioni ammissibili e potranno concludersi in massimo 18 mesi anziché 12. Saranno inoltre ammesse a contributo anche opere murarie nel limite del 20% e un importo a copertura delle esigenze di capitale circolante nel limite del 50% del programma complessivo di investimento. Insieme a “Cultura Crea 2.0”, il cui sportello riaprirà il 26 aprile 2021, è prevista una nuova linea di agevolazione a fondo perduto per sostenere le imprese e i soggetti del terzo settore colpiti dall'emergenza Covid e attivi nel settore culturale e nel sistema dell'intermediazione turistica. Dal 19 aprile sarà dunque operativa “Cultura Crea Plus” (Direttiva operativa del Ministero della Cultura n. 238 del 29 marzo 2021), la misura che prevede il finanziamento fino a 25.000 euro di capitale circolante per sostenere i costi di gestione delle imprese del settore gravemente colpite dalle chiusure. Per finanziare questa seconda fase della misura, il MiC ha integrato i 55.000.000 di euro residui dalla precedenze edizione con 20.000.000 di euro a valere sul POC - Programma Operativo Complementare.

     

    Fonte: ilsole24ore.com

    A Santino Spinelli in arte "Alexian" il prestigioso Premio dell'Istituto De Cultura Gitana di Madrid

    Ancora un prestigioso riconoscimento internazionale per Alexian Santino Spinelli dopo i tanti inanellati nel corso della sua luminosa carriera artistica fra i quali vanno ricordati:

    XXI Premio Iinternazionale Flaviano 1994 per il teatro, 

    2004 conferimento di Ambasciatore dell'Arte e della Cultura Romanì nel Mondo da parte della Romanì Union Internazionale nell'ambito del 6^ Congresso Mondiale dei Rom, Premio internazionale Ruota d'Oro da parte del parlamentare serbo Jovan Damianović (Belgrado 2008, consegna nel Parlamento Serbo) e di Ambasciatore della Cultura (Belgrado 2010), Premio Città di Maratea 2012 con Sergio Zavoli e Giuseppe Ayala, Premio Marco Pannella nell'ambito del XXI Premio Internazionale Gianni Di Venanzo (Teramo, 2016), Il Premio Internazionale Saip Yusuf (Zagabria, 2018), Il Premio Excellence da parte del Partida Romilor (nel Parlamento rumeno, 2018), Premio Emilio Lussu alla Carriera (2020), Nomina a Commendatore Ordine al Merito da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella (marzo 2020) e la Nomina di Cittadino Onorario di Laterza-Taranto (aprile 2016).

    Il Premio da parte dell'Istituto de Cultura Gitana di Madrid è stato conferito a Spinelli per la Letteratura e  l'Arte Scenica. Un riconoscimento importante dopo numerosi concerti, libri, articoli e poesie prodotti e tradotti in numerose lingue. La poesia Auschwitz orna il Roma  Memorial di Berlino inaugurato da Alexian Santino Spinelli assieme alla Cancelliera Angela Merkel e il Presidente della Repubblica di Germania nel 2010.

    La cerimonia di premiazione dell'Istituto De Cultura Gitana di Madrid quest'anno sarà solo televisiva per via della pandemia del coronavirus. L'evento sarà trasmesso a livello internazionale grazie alla televisione TV All Flamenco a partire dalle ore 20 dell'8 aprile, Giornata Mondiale dei Rom. Tra i premiati anche il giornalista rom Orhan Galjus di Amsterdam e la principessa Irene di Grecia  che ha firmato e sostenuto il Manifesto della Cultura Gitana come patrimonio dell' umanità. L'8 aprile

    Spinelli sarà ospite anche della trasmissione ITALIA CON VOI, una trasmissione internazionale condotta da Monica Marangoni, con musica e intervista in onda su RAI Italia. In tale occasione si ricorderà la Giornata Mondiale dei Rom e Sinti e sarà presentato l'ultimo Album pubblicato con i videoclip di Romanò SIMCHÀ, la festa ebraica-rom, con Enrico Fink e l'Orchestra Multietnica di Arezzo prodotta da CNI e distribuito sulle migliori piattaforme musicali a livello internazionale.

    Ogni 3 minuti nasce un bimbo con una malformazione del volto

    Le liste di attesa si allungano e l’emergenza Covid-19 sta peggiorando la situazione in molti Paesi del mondo. Fondazione Operation Smile Italia Onlus lancia la Campagna Sms Solidale “Dona una vita di Sorrisi”: sms e chiamate da rete fissa al numero solidale 45582 per garantire cure tempestive e un futuro più sereno ai bambini nati con malformazioni cranio-maxillo-facciali come la labiopalatoschisi.

    «Ogni 3 minuti, nel mondo, nasce un bambino con una malformazione del volto come la labiopalatoschisi. Un bambino che, se non curato tempestivamente, può avere problemi nella crescita e vivere sofferenze psicologiche legate all’emarginazione sociale e ad episodi di bullismo. Un bambino che rischia di dover aspettare troppo tempo per essere curato: le liste di attesa si allungano ogni giorno e l’emergenza Covid-19 sta peggiorando la situazione, soprattutto nei Paesi a basso e medio reddito». A renderlo noto, in occasione della campagna sms solidale “Dona una vita di Sorrisi”, è la Fondazione Operation Smile Italia Onlus, che da oltre 20 anni, grazie all’impegno di medici e operatori sanitari volontari, è attiva in Italia e nel mondo per il trattamento delle patologie congenite cranio-maxillo-facciali al fine di curare e restituire il sorriso a migliaia di pazienti e alle loro famiglie.

    La campagna sms solidale “Dona una vita di Sorrisi – Insieme per non lasciare indietro nessuno, insieme per portare molto più di un Sorriso” sarà attiva dal 1° aprile al 9 maggio: con un sms o una chiamata da rete fissa al numero solidale 45582 è possibile contribuire a cambiare concretamente la vita di una persona nata con una malformazione del volto, garantendole cure specializzate e un futuro sereno e in salute. Per contribuire alla diffusione della campagna sui social media è possibile utilizzare l’hashtag #moltopiùdiunsorriso. 

    Vivere con una malformazione del volto non curata può compromettere le funzionalità più basilari come mangiare e parlare. Alle difficoltà dello sviluppo fisico si aggiungono spesso anche problemi di carattere psicologico e di integrazione nella società che, nei casi più drammatici, possono sfociare nell’abbandono scolastico e addirittura nel totale isolamento dalla vita sociale. L’emergenza Covid-19 sta peggiorando la situazione, «mettendo a repentaglio la possibilità, per tantissimi bambini, di essere operati con la tempestività necessaria e di essere seguiti con un approccio multidisciplinare, dalla nascita fino alla fine delle cure», aggiungono i portavoce della Fondazione. 

    La Fondazione Operation Smile Italia Onlus fa parte di un’organizzazione medica internazionale che nell’ultimo anno, nonostante i forti disagi legati alla pandemia Covid-19, nel rispetto dei protocolli di sicurezza ha continuato ad assistere i propri pazienti, anche a distanza, sempre con l’obiettivo di garantire ai più fragili cure multidisciplinari tempestive e gratuite.

    Nel 2020 sono stati oltre 15mila i pazienti curati durante le missioni mediche e nei 31 Centri di Cura dell’organizzazione. 

    Molto, tuttavia, resta ancora da fare: nel mondo un neonato ogni mille nasce con labiopalatoschisi e in Europa l’incidenza è di circa 1 neonato ogni 500-700.

    La Fondazione Operation Smile Italia Onlus, oltre a sostenere i programmi medici dell’organizzazione internazionale, è attiva sul territorio italiano con il Progetto Smile House: due ambulatori multispecialistici ad Ancona e Cagliari e tre Centri multidisciplinari di diagnosi, cura, ricerca e formazione per il trattamento delle patologie congenite cranio-maxillo-facciali a Milano, Roma e Vicenza, nati per garantire ai pazienti e alle loro famiglie, in un’unica struttura, cure e assistenza dalla fase prenatale all’intervento chirurgico, fino alla conclusione delle terapie necessarie. 

    «In questo difficile anno – sottolinea il direttore generale della Fondazione Operation Smile Italia Onlus Alessandra Corrias – nonostante gli importanti disagi causati dalla pandemia nei Centri Smile House siamo riusciti a visitare, in piena sicurezza, 6.212 persone, operare 259 pazienti e a garantire 11.486 consulenze multidisciplinari. La Fondazione, con i suoi medici e operatori sanitari, si è inoltre immediatamente attivata in sostegno dell’emergenza Covid-19 supportando sia la Protezione Civile che il personale medico e le strutture ospedaliere in Italia e, all’estero, donando attrezzature e dispositivi di protezione individuale, organizzando corsi di formazione a distanza rivolti al personale sanitario e assistendo, attraverso i centri di cura, i pazienti e le loro famiglie, anche a distanza.  Non appena è stato possibile le attività sono riprese in sicurezza in molti Paesi. Un anno molto complesso e faticoso, che, tuttavia ci ha insegnato quanto è importante, in questi momenti così difficili, restare coesi ed essere solidali».

    La campagna sms solidale “Dona una vita di Sorrisi – Insieme per non lasciare indietro nessuno, insieme per portare molto più di un Sorriso” ha l’obiettivo di curare un numero sempre maggiore di persone con malformazioni del volto sia in Italia che nel resto del mondo, garantendo loro #moltopiùdiunsorriso. L’iniziativa solidale, in particolare, è finalizzata ad aiutare, attraverso la fornitura di materiale medico per il Matagalpa Hospital Partner di Managua, i pazienti in attesa di cura in Nicaragua ed a sostenere, in Italia, il progetto Smile House, attraverso un progetto di ricerca in psicologia dinamica e clinica volto ad indagare gli effetti psicologici nel bambino affetto da malformazioni facciali congenite e gli aspetti psicologici della coppia genitoriale sulla qualità dell’intersoggettività primaria in una popolazione di bambini con schisi facciale.

    I volontari italiani di Operation Smile accreditati a livello internazionale sono 141: 26 chirurghi, 45 anestesisti, 10 pediatri, 28 infermieri, 22 dentisti e 10 logopedisti.

    La campagna è sostenuta da Rai per Il Sociale, Sky per il sociale, La7 e TV2000. Mediafriends ha concesso spazi gratuiti per l'emissione dello spot.

    CARABINIERI NAS: 693 CONTROLLI ANTI-COVID SUI MEZZI DI TRASPORTO PUBBLICO

    Nel corso dell’attuale emergenza sanitaria, il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute ha  realizzato, in stretta intesa con il Ministero della Salute, una campagna di controlli a livello  nazionale al fine di verificare la corretta applicazione delle misure di contenimento epidemico nell’ambito dei servizi di trasporto pubblico, allo scopo di tutelare la salute dei numerosissimi utenti che usufruiscono dei mezzi di trasporto. 

    Gli interventi condotti negli ultimi giorni hanno interessato 693 veicoli adibiti al trasporto, tra  autobus urbani ed extraurbani, metropolitane, scuolabus, collegamenti ferroviari locali e di  navigazione, ma anche biglietterie, sale di attesa e stazioni metro. 

    Tra gli obiettivi controllati 65 hanno evidenziato irregolarità, principalmente connesse con  l’inosservanza delle misure di prevenzione al contagio da COVID-19, quali la mancata  esecuzione delle operazioni di pulizia e sanificazione, l’omessa cartellonistica di informazione agli  utenti circa le norme di comportamento ed il numero massimo di persone ammesse a bordo,  l’assenza di distanziatori posti sui sedili e di erogatori di gel disinfettante o il loro mancato  funzionamento. 

    Complessivamente sono stati deferiti alle competenti Autorità giudiziarie 4 responsabili di  aziende di trasporto, per non aver predisposto le procedure di sicurezza ed igiene nei luoghi di  lavoro a favore degli operatori, e sanzionati ulteriori 62 responsabili per irregolarità  amministrative, irrogando sanzioni pecuniarie pari a circa 25 mila euro. 

    Le attività di verifica sono state supportate dall’esecuzione di 756 tamponi di superficie su mezzi  di trasporto e stazioni (obliteratrici, maniglie e barre di sostegno per i passeggeri, pulsanti di  richiesta di fermata e sedute), svolti in collaborazione con i locali servizi di ASL, Agenzie di  Protezione Ambientale ed enti universitari, che hanno curato anche la fase di esame analitico per  la ricerca del COVID-19. 

    Tra i tamponi di superficie raccolti, sono stati rilevati 32 casi di positività per la presenza di  materiale genetico riconducibile al virus, individuati in autobus, vagoni metro e ferroviari  operanti su linee di trasporti pubblici di Roma, Viterbo, Rieti, Latina, Frosinone, Varese e  Grosseto. Il riscontro della presenza di materiale genetico del virus sulle superficie dei mezzi di  trasporto, seppur non indice di effettiva capacità di virulenza o vitalità dello stesso, rileva con  certezza il transito ed il contatto di individui infetti a bordo del mezzo, determinando la  permanenza di una traccia virale.

    Le attività di controllo dei Carabinieri NAS proseguiranno al fine di tutelare la salute dei cittadini  e della collettività, con particolare riguardo agli aspetti connessi con il contesto di emergenza  epidemica in atto. 

    Pizzaut: i ragazzi autistici ancora in attesa di vaccino

    Oggi 2 aprile è la giornata mondiale per la consapevolezza sull'autismo. Non poteva esserci occasione migliore per inaugurare il secondo truck-food gestito dai ragazzi autistici della Onlus PizzAut, ospiti oggi del programma "O anche no", condotto da Paola Severini Melograni in onda su Rai 2 alle 23:40 circa. Nico Acampora, fondatore del gruppo, ha presentato il camioncino con cui sarà possibile, grazie anche alla partecipazione di Coop Lombardia, fare la pizza superando gli ostacoli delle chiusure dei locali. "Ci sono 600mila persone autistiche – spiega Acampora – e la stragrande maggioranza non lavora, con PizzAut offriamo occasione vere di lavoro attraverso la ristorazione". Il Covid poi ha complicato tutto, stravolgendo i piani anche ai ragazzi di PizzAut. "Purtroppo a causa della pandemia non siamo riusciti ad aprire il nostro ristorante. Non volevamo però tenere i ragazzi fermi a casa e così ci siamo inventati il furgone pizzeria", continua a spiegare il fondatore. Che poi ha aggiunto: "Il nostro obiettivo è quello di sensibilizzare le persone sul tema dell'autismo ma anche dare un lavoro vero ai nostri ragazzi attraverso la ristorazione". Anche per loro la gestione della pandemia non è facile: mantenere il distanziamento e indossare per tante ore le mascherine rende tutto più difficile perché "alcuni dei nostri ragazzi fanno fatica a parlare e a comunicare, con i dispositivi di protezione è tutto peggio".

    A preoccupare ancora di più ora Nico Acampora è il caos vaccini in Lombardia: qui le persone autistiche attendono ancora la loro dose anti Covid. "È un'indecenza che la vaccinazione non sia ancora stata fatta. Eppure uno dei nostri ragazzi in rianimazione o nel reparto Covid è un ragazzo abbandonato". Intanto dal Pirellone fanno sapere che i fragili potranno prenotarsi alla campagna vaccinale dal 6 aprile per poi procedere alla somministrazione del 15 aprile. E ancora: Letizia Moratti ha spiegato che anche i pazienti estremamente vulnerabili potranno aderire alla campagna di vaccini anti Covid attraverso il portale di Poste italiane. Proseguono i lavori anche per la vaccinazione dei disabili, "attraverso gli elenchi che abbiamo ricevuto dall'Inps sulla base della legge 104", ha aggiunto Mortatti, e questa vaccinazione è affidata "agli ospedali che li hanno in carico o ai medici di medicina generale".

     

    Fonte: Fanpage.it

    I nostri auguri. Che sia una Santa Pasqua di Pace, di Speranza lo è già.

    Care e Cari,
    anche quest'anno per la Santa Pasqua ci facciamo aiutare dalla poesia: Mario Luzi, Osip Mandel'stam e Giorgio Caproni.


    Quest'anno la Pasqua arriva proprio nel momento in cui ne abbiamo più bisogno e ci sostiene e ci aiuta non solo a sopravvivere, ma a vivere. Scrive Luzi: "Dove finisce la poesia e dove inizia la preghiera?", e risponde così: "La preghiera comincia dove finisce la poesia, quando la parola non serve più e occorre un linguaggio altro". Ci sono comunque rari momenti di coincidenza, pensiamo a Dante, ma anche a Petrarca. Poesia e preghiera sono forme parallele, a volte non è facile distinguere: "Vergine madre, figlia del tuo figlio", che cos'è? poesia o preghiera? non si può distinguere: è una preghiera così alta perché è alta la poesia, e questa poesia contiene implicita questa preghiera"E Caproni: "Cristo ogni tanto torna, se ne va, chi l'ascolta...", ma poi il Poeta prende"l'ascensore di Castelletto per il Paradiso" e sarà commosso "fino a rompersi il cuore" (vi abbiamo già scritto che noi, ogni volta che facciamo il nostro, proviamo esattamente quella sensazione). Perciò quest'anno vi inviamo poesie-preghiere che chiedono risposte e che cercano verità - come ci dice Mandel'stam, morto di freddo e di fame in un campo di concentramento sovietico - e che possiamo leggere soltanto grazie all'amore della moglie Nadeska, che aveva imparato a memoria tutte le sue poesie: "La tua figura incerta che suscitava pena, non riuscii, dentro la nebbia a toccarla. Gesù, dissi per sbaglio, e nemmeno pensai che a dirlo erano le mie labbra. Il nome divino, come un grande uccello, s'è involato dal mio petto. Folta la nebbia mi ondeggia dinanzi...".


    Tutti noi, a causa del Covid, abbiamo avuto la Grazia, quest'anno terribile, di poter in molti modi toccare Gesù Cristo. Ma é ancora Luzi: "Quello che distingue il cristianesimo è quello che dice San Paolo: se la Risurrezione non è certa, salta tutto. È una grande scommessa che fa l'umanità: il riscatto attraverso la morte. È lo Zero che è il grado infimo della scala nella discesa e nella ascesa. Il sacrificio di Cristo, dolorosissimo perché vissuto in modo totalmente umano, ha questa eccezionale bivalenza, che è anche vertiginosa intellettivamente, ma per la Fede è Trionfale".Che sia una Santa Pasqua di Pace, di Speranza lo è già.


    Paola Severini
    Eugenio Giannetta
    Andrea Battilana
    Michela Maila
    Stefania Viglietta
    Dominique Febin
    e tutti gli appassionati editorialisti di Angelipress

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.