AngeliPress

    AngeliPress

    Trieste: botte a un attivista LGBT. Le reazioni indecenti nel web

    Riflessioni di Massimo Battaglio  per  Progetto Gionata 

    Il “caso” di ordinaria omofobia della settimana è senz’altro quello che ha visto protagonista Antonio Parisi, attivista lgbt di Trieste, vittima di un orribile pestaggio a Monrupino.

    Martedì 16 febbraio scorso, il giovane si trovava con amici in un locale. Un gruppo di ragazzi ha cominciato a prenderli in giro per il loro modo di vestire. Poi le botte: gli attaccabrighe hanno atteso Antonio e i due amici sulla piazza e li hanno aggrediti con forza spietata. Parisi, col volto tumefatto, racconta l’accaduto a Tele Friuli.

    Io sono ridotto così. Il mio amico è ancora in ospedale col naso rotto. Non so quando lo dimetteranno. Io tornerò in ospedale nel pomeriggio […] e, ovviamente, farò denuncia. Siamo stati aggrediti in maniera feroce da un branco di ragazzi giovanissimi, alterati. Sono stati di una ferocia incredibile. Noi stavamo andando al nostro parcheggio. Saranno volati un paio di vaffanculo ma siamo stati attaccati. Io ero per terra, coprendomi il volto per non avere altre ferite più importanti. Tiravano calci in faccia. Questa violenza si può spiegare solamente perché erano alterati. Attacco omofobo? Sì: è stato un attacco omofobo. Ce l’avevano con me. Già al pomeriggio […] ero stato fatto oggetto di battute però non ho veramente colto la loro provocazione. Dopo di che l’alcol… e un’aggressività ancora più incattivita perché non rispondevo alle loro provocazioni”.

    Non è la prima volta che Parisi subisce dileggi e botte. Ora però, i fatti sono molto più gravi.

    Molte sono state le attestazioni di solidarietà ma, puntualmente, è anche iniziata la campagna di dileggio, l’omofobia dopo l’omofobia, le beffe dopo le botte. Ha cominciato Il Piccolo, nota testata di Trieste, mettendo in forse la matrice omofoba dell’accaduto. Rigirando una frase di Antonio, arriva insinuare che la stessa vittima neghi il movente d’odio dell’aggressione:

    “Il noto esponente della comunità Lgbt Trieste chiarisce l’accaduto di martedì sera a Rupingrande: non escludo la matrice omofoba, ma a far scattare la rissa è contribuito il clima euforico della serata”.

    Basta seguire attentamente il video apparso su Tele Friuli per notare quanto sia distorta la ricostruzione che Il Piccolo vuol dare. Ma proprio questa ricostruzione falsata ha permesso di dare la stura a commenti vergognosi, schifosi, da parte di personaggi politici locali e, segnatamente, a consiglieri della Lega.

    Non citerò nè nomi nè fonti perché è esattamente quello che vogliono. Tanto, sono personaggi già talmente noti per le loro periodiche affermazioni omofobe, misogine, razziste, che chiunque li potrà riconoscere.

    Già nel 2019, un consigliere regionale leghista, commentanto un episodio precedente in un confronto televisivo con Antonio, aveva sentenziato:

    “Sei stato picchiato perché ti vesti in modo eccentrico. Lo stesso discorso vale per una donna eterosessuale che va in giro in minigonna”.

    Vale evidentemente anche per i gay, l’adagio osceno del “te le vai a cercare”. Ma ora, un consigliere comunale di Trieste va molto oltre, con un twitt che stupisce per volgarità e idiozia:

    “Scoppia il caso omofobia a Trieste. Siamo in campagna elettorale e succede ogni volta ma forse ha litigato col fidanzato per la vasellinaGrande solidarietà da parte di tutte le forze politiche ma ricordiamoci che in più di un terzo dei paesi al mondo non esiste il problema omofobia perchè per i gay c’è il carcere o la pena di morte. Noi avevamo il rogo un tempo, mentre in Russia c’è la legge anti-gay come in tutto l’est e per questo loro non accolgono palestrati che fuggono da paesi omofobi“.

    Ogni commento è non tanto superfluo quanto impossibile. Notiamo solo che queste sono precisamente le parole di odio che, chi contesta la legge Zan, vuole difendere facendole passare per libera espressione. Sì perché, se si nota, a parte la faccenda penosa della vasellina, nessuna di esse contiene insulti diretti nè giustifica esplicitamente le botte. L’autore si limita a dare una propria “visione” del problema. Peccato che è una “visione” scriteriata.

    A certi consiglieri, abituati a ostentare cattolicume salvo non cogliere la contraddizione tra religiosità e barbarie, bisognerebbe ricordare che, seppure la legge è insufficiente, esiste un’altra Giustizia alla quale essi stessi dicono di credere. E un giorno dovranno risponderle.

    Pandemia: sottoscritto protocollo d’intesa con i medici di medicina generale per le vaccinazioni

    “Abbiamo sottoscritto oggi un importante protocollo d’intesa con  i medici di medicina generale per le vaccinazioni da Covid-19 che ci permette di guardare al futuro organizzativo della campagna vaccinale con maggiore ottimismo”, dichiara Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni.

    “Con la sottoscrizione di questo nuovo accordo – spiega Bonaccini - potremo infatti organizzare in modo più efficace e capillare sul territorio le vaccinazioni e implementarle, dando così respiro a tutti gli altri comparti sanitari in prima linea. 

    Ringrazio sia il ministro Speranza che le organizzazioni di rappresentanza dei medici di medicina generale per il positivo lavoro svolto. 

    Si tratta di una cornice nazionale che vede il coinvolgimento diretto dei medici di medicina generale e che poi dovrà essere coniugata a livello regionale sia in base alle fasce della popolazione da vaccinare che alla definita logistica di conservazione dei vaccini.

    Ogni medico avrà un approvvigionamento certo che gli garantirà di rispettare i tempi organizzativi verso i propri assistiti e l’aggiornamento dell’anagrafe vaccinale. In tal senso sarà utilizzata un’apposita piattaforma di registrazione delle vaccinazioni effettuate a livello regionale da trasferire nei dati nazionali. 

    Sono disciplinate anche le modalità della prestazione e l’obbligo di dotazione specifica dello studio medico, come già previsto per la somministrazione dei vaccini nell’ambito dei programmi di vaccinazione antinfluenzale.  

    E’ possibile inoltre  l’intervento professionale dei medici di medicina generale presso i locali delle aziende sanitarie (centri vaccinali) a supporto o presso il domicilio del paziente, a seconda di quanto prevedono gli accordi regionali.  

    Ci sarà un finanziamento aggiuntivo ad integrazione del Fondo sanitario e c’è l’impegno del Governo ad adottare uno o più provvedimenti di urgenza per lo stanziamento delle risorse necessarie.

    Siamo sulla buona strada, - conclude Bonaccini - che è quella della concertazione e del coinvolgimento di tutti gli attori del nostro sistema sanitario per rispondere con forza alla pandemia”.

     

    Ufficio Stampa
    Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

    Il libro: La nostra Siria grande come il mondo

    La nostra Siria grande come il mondo, un libro di  Mohamed e Shady Hamadi, edito da ADD editore.

    Mohamed e Shady Hamadi, un padre e un figlio, due storie diverse legate da una terra: la Siria. Per uno, luogo dell’infanzia e della giovinezza da cui fuggire, per l’altro, luogo della scoperta e della memoria a cui ‘tornare’.

    In questo libro due generazioni si parlano e raccontano, riscoprendo un dialogo che non sempre è stato facile: diversi i percorsi, le ansia, le aspirazioni. Avventurosa e sorprendente la vita di Mohamed che per molto tempo ha nascosto al figlio ciò che ha subito nelle carceri siriane, riflessiva e impegnata quella di Shady.

    Nei capitoli le voci si alternano, trovando poco a poco assonanze nella condivisione di ricordi ed emozioni. Ascoltandoli, seguiamo il racconto di cosa fosse la Siria cinquant’anni fa, di cosa volesse dire opporsi al regime e di come si vivesse allora in Italia da stranieri, ma anche le confidenze di cosa sia la Siria per chi non ci è nato ma che lì sente le proprie radici.

    Tante storie: la politica vissuta da protagonista da Mohamed a Sesto San Giovanni, la scoperta continua di Milano, il volontariato come guida turistica per le chiese della città e i loro tesori artistici, la perdita della moglie. E per Shady, i libri scritti, la collaborazione con giornali, le presentazioni nelle scuole, nei festival e nelle librerie, le partecipazioni in TV, la voglia di fare che si scontra con un’Italia che offre poche opportunità ai giovani, la vita a Londra ma con le radici ben salde in una Siria amata, desiderata, ormai grande come il mondo.

    Un 8 marzo dalla parte delle donne che arrivano nel nostro paese

    La chiamano immigrazione clandestina ma è traffico di esseri umani perlopiù donne e i loro figli.E in Europa si fa ancora troppo poco a 20 anni –inverno 2000 a Palermo, l’Italia ha ospitato la conferenza delle Nazioni Unite in cui è stata presentata la Convenzione contro la criminalità organizzata e dunque la tratta di esseri umani : “La prostituzione e altre forme di sfruttamento sessuale, il lavoro o il servizio forzato, l’accattonaggio e la schiavitù,  l’espianto di organi, e nuove forme sconosciute di sfruttamento in aumento.” Gli ultimi dati diffusi dall’Unione Europea relativi all’anno 2017 – 2018 parlano di oltre 26.268 vittime. La stragrande maggioranza di esse nel nostro continente sono ancora donne e ragazze (72%), dove lo sfruttamento sessuale è lo scopo primario del loro traffico (60%).  In questi due anni, i paesi con il maggior numero di vittime registrate sono stati il Regno Unito, la Francia, l’Italia, i Paesi Bassi e la Germania. Tre quarti dei trafficanti sono cittadini uomini dell’Unione Europea, che operano principalmente nel loro paese di cittadinanza e i  dati forniti mostrano che generalmente la metà delle vittime della tratta di esseri umani sono cittadini europei, sfruttati principalmente all’interno del loro paese d’origine. Tra le cittadinanze europee, le persone più sfruttate provengono dalla Romania, seguono poi Regno Unito, Ungheria, Francia e Polonia. Allo stesso tempo, anche i cittadini non europei, soprattutto donne provenienti dalla  Nigeriani, l’Albania, il Vietnam, la Cina e il Sudan vengono trafficate e portate all’interno dei confini dell’Unione Europea. L’adescamento delle donne avviene per la maggior parte dei casi da parenti o persone molto vicine alle vittime, partner o uomini che con la promessa di una vita migliore adescano giovani donne nelle zone più povere dell’Est Europa, portandole poi ha farle prostituire sul nostro territorio nazionale. Da oltre 30 anni l’Italia rappresenta poi la destinazione europea e punto di arrivo nel continente della tratta e dello sfruttamento sessuale sopratutto delle donne nigeriane. Arrivando in un nuovo paese, le donne non sono consapevoli di quale tipo di aiuto legale possono cercare, mentre altre hanno paura di chiedere aiuto a causa delle conseguenze e ripercussioni delle  maledizioni pseudo religiose di riti pagani su di loro e sulla loro famiglia. Con la pandemia, le attività di sensibilizzazione in strada svolte dalle ong per aiutare le vittime della tratta di esseri umani sono fortemente diminuite, lasciando ancora più casi da sostenere .

    La crisi sanitaria e il confinamento hanno fatto si che lo sfruttamento sessuale online  sia aumentato drasticamente; i predatori  hanno sfruttato la vulnerabilità dei e delle più giovani adescandoli su piattaforme online. Secondo la Commissione Europea la domanda di materiale pedopornografico sarebbe aumentata fino al 30% in alcuni stati membri dell’Unione.  In un recente rapporto , Europol l’Agenzia europea di polizia ha registrato un aumento dei reati informatici e dello sfruttamento sessuale dei bambini. L’Europol, inoltre afferma che, il 30% degli autori del reato che sono in possesso di materiale pedopornografico e attivi negli scambi online  sono inoltre coinvolti direttamente nelle azioni di coercizione ed estorsione. La legge emanata ventanni fa, non si pronuncia su realtà e fenomeni non ancora esistenti o ampiamente discussi all’epoca. Il traffico sessuale delle persone ltgb è comunemente trascurato e raramente segnalato dai governi locali e nazionali. Anche la maternità surrogata  è interpretata come una forma di sfruttamento e traffico di esseri umani. Secondo l’Ilo, la commercializzazione della maternità surrogata legale ha già dato vita a  una nuova forma di sfruttamento.La madre vende il suo ventre  e il bambino viene visto come una merce  consegnata al compratore dal genitore del bambino. Si può parlare di sfruttamento e vulnerabilità dei bambini, ma al contempo, dello sfruttamento della debolezza e situazione economica di alcune donne, costrette a espatriare nei paesi europei per intraprendere processi di fecondazione in vitro in cambio di un’ingente somma di denaro. Il rapporto della Commissione Europea inoltre menziona che il numero effettivo di vittime è probabilmente molto più alto di quello registrato, soprattutto perché al momento, rimane molto complicato identificare le vittime come tali, e riconoscere i nuovi fenomeni emersi. La promozione della cooperazione giudiziaria tra i paesi dovrebbe essere una priorità per combattere la criminalità transnazionale. Il parlamento e la Commissione Europea deve affrontare con più forza la sfida di questo orribile delitto inclusa l’accoglienza certa e la domanda di beni e servizi  da fornire alle vittime. Lo svantaggio degli immigrati (uomini e sopratutto donne) nel mercato del lavoro dei paesi riceventi è enorme.

    Sono svantaggiate a causa del loro livello di qualificazione: questo vale in particolare per le migranti provenienti da Africa, Asia e America Latina, dove i tassi di istruzione sono in generale relativamente bassi. In secondo luogo, il loro capitale umano e  i titoli di studio stranieri, ad esempio, non vengono riconosciuti dai datori di lavoro e la distanza linguistica spesso impedisce di usare le proprie competenze nel paese di destinazione. Oltre alla lingua e ai titoli di studio, altre risorse occupazionalmente rilevanti sono localizzate e possono perdere di valore con lo spostamento territoriale: la maggior parte dei migranti dispone di informazioni limitate sul funzionamento del mercato del lavoro nei paesi di destinazione, e dunque essi faticano a trovare un lavoro adeguato alle proprie competenze e aspettative . Le  migranti di norma sono privi di sostegno familiare, e quindi devono trovare lavoro per potersi mantenere e per poter mandare denaro a casa. Rispetto ai lavoratori e lavoratrici nativi, sono quindi più propensi a inserirsi negli strati inferiori del mercato del lavoro, dove c’è una costante richiesta di lavoro ma con condizioni lavorative e retributive relativamente basse e scarse possibilità di crescita professionale. Questo è particolarmente vero in paesi come l’Italia, dove i migranti hanno difficoltà ad accedere ai benefici del welfare state.  in Italia coesistono una regolazione del mercato del lavoro relativamente rigida sul piano formale, e una sostanziale tolleranza per l’economia illegale, dove il mercato del lavoro è regolato in modo informale ed estremamente flessibile, creando occupazione dequalificata, poco pagata e pericolosa soprattutto per le donne. Negli ultimi anni si è sviluppata un’ampia letteratura internazionale che ha analizzato le cosiddette “catena di cura globali”, intese come una forma di esternalizzazione delle risorse di cura dai paesi più poveri a favore delle famiglie dei paesi più ricchi che possono permetterselo . Per esempio, molte donne dell’Europa dell’Est,ma ultimamente anche dei paesi orientali, anche se molto scolarizzate, lasciano mariti, figli e genitori anziani per emigrare in Italia e svolgere lavori poco qualificati come, appunto, quelli legati all’assistenza degli anziani. Il Governo Italiano e Draghi  ha promesso di occuparsi della situazione femminile: bene ci siamo e ci saremo per noi e altre che già sono nel nostro Paese e che hanno bisogno di solidarietà e azioni concrete. 

    Alessandra servidori 
    Presidente Nazionale di TutteperItalia

    8 Marzo, Il nostro appello alle Ministre

    Anche quest'anno "ci tocca" l'8 marzo, con tutto il suo seguito di mimose e buoni propositi per valorizzare il ruolo delle donne nella società. Una ricorrenza che lascia, il 9 marzo, l'amaro in bocca (per non dire altro!). Vi chiediamo invece il sostegno attraverso la possibilità di aggiungere il vostro nome al nostro per un appello alle ministre Lamorgese (interni), Bonetti (famiglia e politiche sociali), Dadone (per le politiche giovanili) e Carfagna (per il sud) perché prendano una posizione netta e fattiva sul contrasto alla Tratta di esseri umani. Sono donne che arrivano nel nostro Paese con la speranza di un futuro migliore (in particolare provenienti dall'Africa e dall'est Europa). Le loro condizioni sono spaventose e le prospettive terribili, anche per i loro figli.
    A questo proposito abbiamo già registrato una puntata de "La Sfida della Solidarietà" che andrà in onda su Radio Rai Gr Parlamento alle 20 del giorno 8 marzo, con ospiti Maria Pia Bonanate (autrice di "Io sono Joy", San Paolo Edizioni) e suor Rita Giarretta, fondatrice di Casa Ruth, ricordando anche il lavoro di TALITAKUM, la rete contro la tratta, capitanata da suor Gabriella Bottani, che voi ben conoscete, essendo stata una delle nostre ospiti dei "Dialoghi a Spoleto". 
    Cosa si può fare? In primo luogo raccontare la realtà, poi lavorare per una educazione ai sentimenti e alla sessualità maschile attraverso ogni mezzo, inoltre impegnarsi per la legalità, riportandola dove è scomparsa (ad esempio nella città di Castel Volturno, dove impazza la mafia nigeriana). Vi proponiamo quindi l'hashtag "non più schiave in Italia" e Vi aspettiamo con noi nel flashmob da condividere dalle 11 alle 23 dell'8 marzo 2021 .
     
    Siamo pronte a raccogliere tutti gli spunti, le proposte e le indicazioni e le promuoveremo sulla nostra rete (agenzia e radio). 
     
     
    Paola Severini Melograni
    Direttore di angelipress.com
     

    Lia Tagliacozzo e Marino Sinibaldi per "Passaggi Festival"

    Il prossimo Venerdì 26 febbraio alle ore 19 "Passaggi Digitali" con Lia Tagliacozzo autrice di “La generazione del deserto". 

    Un libro di Manni Editori che racconta la storia di due famiglie ebraiche, una salvata dai “giusti” e l’altra condannata dagli “infami”, un racconto sull'ebraismo, sull'identità, sulla memoria. 

    L'incontro sarà trasmesso in diretta sulle pagine di Passaggi FestivalManni EditoriLibrerie Coop e Visit Fano

    ENEA: una compostiera per trasformare i rifiuti organici domestici in compost

    ENEA ha brevettato un’innovativa compostiera per trasformare i rifiuti organici domestici in compost con elevate qualità agronomiche e nel rispetto dell’ambiente. Il dispositivo consente di risparmiare sia sull’energia consumata per attivare il processo aerobico che sulla tariffa per lo smaltimento dei rifiuti.

    “La compostiera sfrutta un sistema di produzione di energia elettrica con pannello fotovoltaico integrato nella struttura che alimenta il sistema di aerazione, con una piccola resistenza elettrica per il pre-riscaldamento del materiale in ingresso. Grazie al controllo della temperatura è anche possibile velocizzare il processo nei periodi freddi”, spiega Daniele Fiorino del Dipartimento Sostenibilità dei Sistemi Produttivi e Territoriali dell’ENEA.

    La compostiera è fornita di 3 camere poste in verticale separate da pannelli estraibili che permettono il trasferimento del materiale per caduta. Al suo interno è dotata di un sistema di movimentazione del materiale, di un sistema di fornitura di aria fresca che sfrutta il calore contenuto nei gas esausti prodotti dalla reazione di degradazione della sostanza organica e di un bio-filtro che assicura l’abbattimento della carica odorigena dei gas prodotti.

    “Nel progettarla abbiamo pensato di realizzare un vero e proprio elettrodomestico: ne abbiamo previsto una versione stand-alone, ovvero autonoma, grazie all’integrazione di un pannello fotovoltaico nel coperchio di apertura, per una sua installazione in balcone, in giardino o in tutte le utenze isolate. Ma trattandosi di una compostiera domestica stagna, che non consente fuoriuscita di cattivi odori dovuti a rimescolamenti e/o emissione di aria, è possibile anche un suo utilizzo in ambienti interni, direttamente allacciata alla rete elettrica”, aggiunge Daniele Fiorino.

    La quantità di rifiuto che può essere trattato dal prototipo realizzato è di circa 5 kg/giorno, ma è in corso la realizzazione di prototipi più piccoli per un uso strettamente familiare.

    Grazie al compostaggio domestico è possibile ridurre i volumi della frazione organica dei rifiuti, costituiti essenzialmente da acqua, e quindi i costi dovuti alla raccolta e movimentazione degli stessi. A regime, questo si tradurrebbe in una riduzione della tariffa sullo smaltimento dei rifiuti.

    “La compostiera è un formidabile strumento casalingo di economia circolare, perché trasforma uno scarto in risorsa (compost), permette un risparmio di emissioni di CO2 equivalente nella filiera integrata di gestione dei rifiuti urbani e garantisce una totale indipendenza nella gestione dei propri rifiuti organici permettendo così alle singole utenze di ridurre il costo della tariffa. Dopo la fase di test stiamo migliorando il design dell’oggetto in modo che possa integrarsi gradevolmente con l’ambiente domestico circostante”, conclude Maria Velardi del Dipartimento Sostenibilità dei Sistemi Produttivi e Territoriali dell’ENEA.

    La compostiera ha un TRL alto, pari a un Livello di Maturità Tecnologica 7 (su 9) che corrisponde a un prototipo sperimentato in ambiente operativo.

    G20: AL VIA I LAVORI INTERNAZIONALI DEL WOMEN 20

    Si svolgerà lunedì 22 e martedì 23 febbraio il Kickoff del Women20, appuntamento online che dà il via ai lavori internazionali dell’engagement group del G20 a presidenza italiana, che ha la funzione di avanzare proposte e raccomandazioni sulla parità di genere ai leader delle principali venti economie mondiali.

    La due giorni inizierà lunedì alle 13.00, con gli interventi della Chair del W20, Linda Laura Sabbadini, della Ministra per le pari opportunità Elena Bonetti e della Sherpa del W20, Martina Rogato e vedrà protagoniste le delegazioni dei Paesi membri del G20 che si confronteranno sulle sfide relative all'empowerment femminile a partire dai temi centrali che il governo italiano ha proposto alle maggiori economie del mondo: People, Planet e Prosperity. In un mondo caratterizzato da una crisi globale innescata dalla pandemia COVID-19, l’obiettivo è quello di perseguire una ripresa equa, basata sulla valorizzazione delle risorse femminili nell’economia e nella società, fondamentali per una crescita più sostenibile del pianeta. Per la prima volta il G20 dovrà varare una road map su women empowerment che sarà presentata ai leader mondiali.

    Nel corso dell’incontro interverranno su temi specifici i rappresentanti delle organizzazioni internazionali delle Nazioni Unite che collaboreranno come knowledge partner ai lavori del W20 e verranno inoltre annunciati dalla capo delegazione Elvira Marasco speciali commissioni e comitati scientifici su Salute di genere e Cambiamenti culturali, coordinati rispettivamente dalla Dr. Flavia Franconi e dalla Prof.ssa Fabiana Giacomotti

    La kermesse internazionale delle delegate di 19 paesi e dell’Unione europea che rappresentano più dell’80% del PIL mondiale, il 75% del commercio globale e il 60% della popolazione del pianeta proseguirà, nella seconda giornata, con la composizione di working group che segneranno l’inizio dei lavori nel contesto mondiale.

    IFO: LA GIORNATA DELLE MALATTIE RARE SI CELEBRA CON LA SPERIMENTAZIONE

    Un nuovo farmaco innovativo contro la Porfiria Epatica Acuta, è stato somministrato per la prima volta a un paziente, colpito dalla malattia rara, all’ IRCCS Dermatologico San Gallicano di Roma. La molecola rivoluzionaria si chiama Givosiran, ed è il primo trattamento specifico contro la malattia.  

    La porfiria epatica acuta in genere colpisce i giovani di età dai 25 ai 35 anni, per lo più donneDolori addominali, degli arti, della schiena, a volte di grande intensità, e in grado di interferire in modo importante con le attività della vita quotidiana, si alternano alle crisi acute caratterizzate da dolore addominale grave e sintomi neurologici.  

    Oggi c'è una speranza concreta per una patologia che comunque rimane cronica, Il nuovo farmaco - spiega Marco Ardigò, Responsabile della Unità Operativa di Porfirie e Malattie Rare – svolge un'azione di “silenziamento genico” sull’enzima con ruolo chiave nella malattia, l’ALA sintetasi 1. I dati di letteratura e le sporadiche esperienze in Italia ed in Europa sembrano dimostrare una alta percentuale di risposta alla terapia.” 

    Siamo particolarmente ottimisti e confidiamo in una risposta significativa alla terapia anche da parte del nostro paziente – prosegue Aldo Morrone, Direttore Scientifico ISG. - Per l’Istituto San Gallicano e per tutti i pazienti del Lazio e del Centro-Sud Italia questa nuova possibilità terapeutica rappresenta una importante svolta nella gestione di questi malati rari con gravi sintomatologie, compromissione della qualità della vita e rischio per la stessa.” 

    Al San Gallicano, centro di eccellenza per la diagnosi e cura delle porfirie, è stata somministrata la prima dose a base di Givosiran ad un paziente affetto da Porfiriea Acuta Intermittente, una variante di porfiria epatica acuta, con manifestazione particolarmente severa della malattia. La porfiria epatica acuta,  fino all’avvento di questa nuova molecola, non aveva una terapia specifica, ma gli attacchi acuti derivanti dall’aumento di acido aminolevulinico (ALA) venivano gestiti mediante somministrazione di un emoderivato dall’emoglobina, o con alte dosi di glucosio, ma si avevano risposte altalenanti alle terapie. 

    “Il farmaco – spiega Marco Ardigò - rappresenta una nuova frontiera terapeutica per questi pazienti. Appartiene infatti ad una nuova classe di molecole che agiscono a livello genico. In particolare, agisce provocando il blocco della sintesi di un enzima chiave chiamato acido aminolevulinico sintetasi 1 (ALAS1) a livello epatico riducendo i livelli circolanti dei prodotti neurotossici che rappresentano le principali cause di attacchi acuti di dolore, e i sintomi legati alla porfiria epatica acuta. I dati fino a oggi sembrano dimostrare una alta percentuale di risposta alla terapia con casi di normalizzazione completa degli indicatori di attività della malattia.” 

    Ci prepariamo alla giornata delle malattie rare ( 28 febbraio p.v.) con da 2 incontri in calendario il 22 e 26 p.v. in cui i nostri esperti parleranno in diretta Facebook delle 22 patologie rare di cui siamo centro di riferimento, come lo siamo per i tumori rari nel network europeo (EURACAN) e risponderanno ai quesiti che perverranno attraverso le piattaforme social.

    Torino candidata agli Special Olympics Winter Games del 2025

    L'Italia con Torino, si candida a ospitare nel 2025, gli Special Olympics World Winter Games. L'atto di candidatura è stato presentato dal Comitato Promotore composto da Governo, Regione Piemonte, Comune di Torino, Coni, Cip, Arpiet e presieduto dal Presidente Special Olympics Italia Angelo Moratti. Special Olympics International, esprimerà la valutazione finale sulle candidature il prossimo 18 giugno. 

    Lo sport come mezzo di integrazione e inclusione

    La kermesse sportiva si svolgerà dal 29 gennaio al 9 febbraio e coinvolgerà oltre 3mila tra atleti e allenatori, migliaia anche tra giornalisti, volontari, personale medico e staff e più di 300mila spettatori. "I Giochi Mondiali Invernali di Special Olympics 2025 – come evidenzia una nota del comitato promotore - rappresenteranno un’occasione per diffondere in Italia, in modo ancora più forte, un intenso messaggio di inclusione e per promuovere la creazione di un mondo in cui tutte le persone possano essere riconosciute per le proprie capacità e non discriminate per le loro differenze".

    “Siamo lieti di sostenere la candidatura di Torino per ospitare gli Special Olympics World Winter Games del 2025 nella nostra città - ha commentato l'assessore allo Sport, Roberto Finardi -. Da sempre consideriamo lo sport quale importante strumento di integrazione e inclusione per tutte le persone a rischio di emarginazione, tra cui gli atleti con disabilità fisiche e mentali. Riteniamo che le attività condotte da Special Olympics abbiano la capacità di trasmettere agli atleti la consapevolezza che il proprio corpo possa esser posto in un'ottica positiva, da valorizzare e far esprimere e non come ostacolo e impedimento.”

    Si lavora anche per le Universiadi

    Ma il 2025 potrebbe essere un anno davvero speciale per Torino, memore del grande evento olimpico del 2006. Ci sono buone possibilità infatti che sotto la Mole tornino anche le Universiadi Invernali, già sul suolo sabaudo nel 2007. Anche in questo senso infatti si sta procedendo per la candidatura della città al grande evento sportivo universitario. La scorsa settimana, il ministro Vincenzo Spadafora ha firmato l’atto per la garanzia economica necessaria alla presentazione del documento.

    "La Regione Piemonte è fortemente intenzionata a portare sul suo territorio due grandi eventi come Universiadi e Special Olympics - ha commentato l'assessore allo Sport della Regione, Fabrizio Ricca -. Anche la lettere ricevuta la scorsa settimana dal Governo conferma l’avanzamento del percorso che stiamo compiendo. Sono molto felice di apprendere che tutte le forze politiche vedano di buon occhio il lavoro che abbiamo fatto fino a oggi su questo tema. E’ importante che le istituzioni rispondano in modo unitario quando si parla di grandi eventi e investimenti per il territorio”.

    Inoltre le Universiadi 2025 potrebbero essere un'ottima occasione per recuperare aree dismesse in città: ad esempio per la realizzazione del villaggio artleti. L’idea generale è comunque che l’organizzazione di questi grandi eventi sportivi - sia Universiadi che Special Olympics - possa lasciare un’eredità utile e positiva al territorio, come l’utilizzo del villaggio atleti a integrazione delle residenze universitarie nel dopo evento. Circa 2mila posti letto supplementari per gli studenti.

     

    Fonte: https://www.torinotoday.it/

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.