04 Novembre 2020 - 07:11

    Una vignetta di Stefano Disegni

    Scritto da

    Da ieri, martedì 3 novembre, pubblicheremo alcune vignette di Stefano Disegni. Le vignette sono state realizzate per il programma televisivo in onda su Rai 2 la domenica "O anche no", condotto da Paola Severini Melograni, con tema l'inclusione, la solidarietà e la diversabilità.

    Il rapporto pubblicato da World Resources Institute (WRI) e dalla Amazon Network of Georeferenced Socio-Environmental Information (RAISG) ha evidenziato come sia estremamente negativo l’impatto delle estrazioni minerarie nelle zone abitate dagli indigeni nella foresta amazzonica; oltre un quinto del loro territorio è invaso da concessioni minerarie e attività d’estrazione illegali.

    Quasi 1,5 milioni di indigeni vivono in queste terre e circa 445mila chilometri quadrati di territorio sono sovrastati dalle estrazioni. “Le terre indigene con attività mineraria hanno mostrato un tasso più elevato di perdita di foreste nel periodo di 15 anni, dal 2000 al 2015, rispetto alle terre indigene che non sono direttamente interessate dall'attività mineraria”, ha affermato Peter Veit, direttore dell'iniziativa terra e risorse del WRI. Il tasso di deforestazione è stato più alto laddove erano presenti attività minerarie: Bolivia, Ecuador e Perù tre volte superiore rispetto alle zone dove non ci sono operazioni minerarie; mentre, da una a due volte superiore in Venezuela e Colombia. Oltretutto il rapporto afferma che con l’avvento della pandemia, il conseguente ritiro delle forze armate e la crescita del prezzo dell’oro, le attività d’estrazione illegali sono aumentate. “Sotto la protezione della pandemia COVID-19 è andata peggiorando”, ha detto Michael McGarrell, un rappresentante dell'Associazione popolare amerindia in Guyana. Le comunità indigene non sono contrarie all’estrazione mineraria, che ritengono una risorsa, a patto che questa avvenga responsabilmente preservando la salute dell’ambiente.

    https://www.reuters.com/article/us-latam-indigenous/amazon-mining-overlaps-20-of-indigenous-land-worsening-deforestation-report-idUSKBN26S2LE

    A cura di Simone Riga

    03 Novembre 2020 - 07:00

    Una vignetta di Stefano Disegni

    Scritto da

    Da oggi, martedì 3 novembre, pubblicheremo alcune vignette di Stefano Disegni. Le vignette sono state realizzate per il programma televisivo in onda su Rai 2 la domenica "O anche no", condotto da Paola Severini Melograni, con tema l'inclusione, la solidarietà e la diversabilità.

    L’iniziativa presentata in occasione di Ecomondo 2020 darà il via a una piattaforma online con la quale anche enti e università potranno condividere l’utilizzo di laboratori di ricerca e strumentazioni avanzate 

    ACEA ed ENEA, in occasione di Ecomondo 2020, la fiera della Green Economy di Rimini che quest’anno si svolgerà in modalità digitale, avviano LabSharing, il progetto volto a mettere in comune laboratori, tecnologie e know how per favorire la ricerca e il monitoraggio in campo ambientale con un approccio aperto al mondo dell’innovazione e della sostenibilità. Grazie a questa iniziativa, attraverso una piattaforma online dedicata, sarà possibile anche per soggetti terzi richiedere l’utilizzo di strutture d’eccellenza e supporto scientifico nel campo dei controlli ambientali di elevata complessità. Le analisi riguarderanno soprattutto stato e qualità di acqua, aria, suolo ed ecosistemi, oltre a misurazioni di indicatori e pressioni ambientali associate a scarichi, rifiuti, siti contaminati ed emissioni. Labsharing è nata dall’iniziativa “Acea Open Asset”, volta allo sviluppo delle attività di Open Innovation dell’azienda.

    L’accordo fra ACEA - multiutility attiva nella gestione e nello sviluppo di reti e servizi nei business dell’acqua, dell’energia, dell’ambiente e primo operatore idrico nazionale - ed ENEA – l’Agenzia nazionale di riferimento per lo sviluppo economico sostenibile - darà vita ad un polo scientifico e tecnologico per attività di monitoraggio e salvaguardia dell’ambiente. Tutto ciò con l’obiettivo di raccogliere anche l’interesse degli Enti di Ricerca e delle Università, offrendo un accesso semplice e diffuso alle migliori tecnologie di analisi, tramite una sinergia fra strumentazioni di eccellenza, esperienze e know how, quali quelle di Acea Elabori di Grottarossa a Roma e i laboratori di ENEA dislocati sul territorio nazionale.

    LabSharing è il risultato della collaborazione tra ENEA ed ACEA iniziata nel 2019, volta a valorizzare i rispettivi asset condividendoli con l’ecosistema esterno. Con questa iniziativa ACEA consolida il proprio ruolo di catalizzatore dei processi di open innovation e sviluppo tecnologico. Questo progetto, che l’Azienda lancia insieme ad un partner come ENEA, leader in campo scientifico, ha l’obiettivo di mettere a fattor comune expertise di alto livello, per facilitare e supportare la ricerca e la salvaguardia dell’ambiente.

    02 Novembre 2020 - 09:57

    Pesticidi, dal 2021 stop al mancozeb

    Scritto da

    L’EU Standing Committee on Plants, Animals, Food and Feed (SCoPAFF) ha approvato con una votazione a maggioranza qualificata il divieto all’uso del mancozeb, ossia il principio attivo alla base dei pesticidi fungicidi tra i più diffusi in Europa. La messa al bando entrerà in vigore dal 2021. Da diverse ricerche effettuate sulle proprietà era emersa la similarità del mancozeb a quella di un interferente endocrino, causa di alterazioni del sistema endocrino, e, oltretutto, era legato al manifestarsi di problemi neurologici come il morbo di Parkinson. Diverse agenzie dell’Ue avevano già allertato riguardo la tossicità del mancozeb, ad esempio l’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) identificò questa sostanza come dannosa per il sistema riproduttivo; mentre l’Autorità europea per la sicurezza alimentare la inserì in sei categorie di rischio. Il capitolo è finalmente concluso, dopo un lungo ed estenuante confronto tra il Parlamento europeo, da sempre propenso a vietare il mancozeb, e i singoli ministri dell’agricoltura degli stati membri che erano invece contrari al bando dell’interferente endocrino. Dall’altra parte, la Commissione europea decise di non prendere posizione, e la decisione finale slittò di continuo, nonostante le inconfutabili prove scientifiche che riferivano della pericolosità della sostanza. Ora si può dire che tutto è finito, ma ogni tanto sarebbe meglio prendere delle posizioni, soprattutto quando c’è di mezzo la salute di tante persone.

    https://www.endseurope.com/article/1698217/eu-governments-agree-ban-pesticide-mancozeb-next-year

    A cura di Simone Riga

    Lo scorso 21 ottobre il Gruppo FS e Snam hanno firmato un Memorandum of Understanding che comporterà uno studio tecnico-economico per un’ipotetica introduzione di treni ad idrogeno sulla rete ferroviaria del paese. “Continuiamo a innovare e sviluppare soluzioni di mobilità sicure ed ecologiche che consentiranno alle nuove generazioni di vivere in un Paese più sostenibile e competitivo, secondo un modello che pone sempre di più le persone al centro. I trasporti ferroviari a idrogeno rappresentano in questo senso una fondamentale innovazione in grado di rendere più ecologici i viaggi di passeggeri e merci sulle residue tratte ferroviarie non ancora elettrificate”, ha sottolineato Gianfranco Battisti, Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo FS Italiane.

    Al centro dello studio delle due aziende vi sarà la realizzazione di alcuni progetti che portino alla sostituzione dei combustibili fossili, attualmente impiegati in parte del trasporto, con l’idrogeno che contribuirebbe ad una mobilità sostenibile. Al momento in Italia ci sono 4.763 chilometri di linee diesel, ovvero il 28% del totale. FS dovrebbe investire 1,4 miliardi di euro nei prossimi cinque anni per l’elettrificazione di altri 670 chilometri di linee e un’ipotetica soluzione con Snam sarebbe di ulteriore sostegno in quest’ottica. Si tratta di un passo in avanti nel processo di completa elettrificazione del trasporto ferroviario, in attesa di possibili alternative, anche se i tempi sembrerebbero un tantino dilatati; con un rapido calcolo, qualora il ritmo di riconversione restasse inalterato, bisognerà aspettare almeno altri 35 anni circa per la sostituzione delle linee diesel. Di certo quello che si chiede con insistenza dagli esperti e da gran parte della comunità internazionale è rapidità. Una rapidità di azione che stenta ancora ad arrivare nella pratica, ma si ferma a parole che servono ancora a ben poco.

    https://www.fsitaliane.it/content/fsitaliane/it/media/comunicati-stampa/2020/10/21/fs-italiane-e-snam--al-via-collaborazione-per-promuovere-lo-stud.html

    https://www.rinnovabili.it/mobilita/veicoli-ecologici/treni-a-idrogeno-italia-fs-italiane-snam/

    A cura di Simone Riga

    La nave Nabarima, ferma per un guasto da oltre 20 mesi nel Golfo di Paria, potrebbe ribaltarsi, e qualora si verificasse una catastrofe del genere 300 milioni di litri di petrolio finirebbero in mare, ovvero il suo intero carico. Sono state pubblicate di recente delle immagini che mostrano la nave che pende pericolosamente su un fianco; nel caso i barili si rovesciassero i danni all’ecosistema sarebbero inimmaginabili. La nave di stoccaggio e trasbordo è gestita dalla compagnia Petrosucre, una joint venture tra la compagnia petrolifera statale venezuelana Petroleos de Venezuela (Pdvsa) e la compagnia italiana Eni, quale detiene una quota del 26%.

    Al centro della storia ci sono anche gli Stati Uniti, nella fattispecie il Dipartimento di Stato con a capo Mike Pompeo che ha imposto delle sanzioni salatissime ai danni della compagnia venezuelana, e questa situazione di stallo impedisce un’azione concreta per mettere in sicurezza il carico della nave; da un lato la Pdvsa non dispone di un’imbarcazione adibita al trasbordo del gregge, mentre dall’altra parte, a causa delle sanzioni Usa non è consentito l’intervento, quindi l’avvicinamento, di navi battenti bandiera straniera alla Nabarima. In caso lo sversamento si verificasse si tratterebbe del peggior disastro petrolifero della storia, superiore a quello avvenuto nel lontano 1989 in Alaska dove la Exxon Valdez rilasciò 40,9 milioni di litri di petrolio. Al momento tale situazione sta seriamente preoccupando le associazioni ambientaliste, come la Trinidad and Tobago Fishermen and friends of the sea (Ffos) che spiega “nelle nostre fotografie, scattate il 16 ottobre c’è un’enorme macchia di ruggine sul lato sinistro dello scafo della nave, che non è evidente nelle immagini inviateci dal nostro contatto venezuelano il 19 ottobre”.

    https://www.newsweek.com/oil-tanker-nabarima-caribbean-1540082

    https://www.facebook.com/FFOSTT/

    A cura di Simone Riga

    Dallo studio pubblicato da CE Delft sul livello di inquinamento e i conseguenti costi sociali nelle metropoli europee si è riscontrato in Italia un livello critico nelle città di Roma, Milano, Torino, Brescia, Padova, Venezia. La qualità dell’aria in queste città è pessima, ciò è dovuto soprattutto alla grande mole di traffico su gomma. Lo studio ha preso in esame i dati raccolti nel 2018 e alla ricerca ha collaborato anche Legambiente che ha confrontato i costi relativi allo smog con il numero di auto in circolazione e lo sviluppo dei mezzi pubblici. L’inquinamento atmosferico in Italia contribuisce ad una maggiore spesa per i cittadini che si ritrovano anche a subire gli effetti derivanti dall’inquinamento: come la riduzione dell’aspettativa di vita e i maggiori ricoveri ospedalieri; queste cifre vanno a pesare mediamente 1.400€ sulle tasche di ciascun cittadino, equivalente a circa il 5% del PIL; mentre in Europa questo valore medio resta più basso (1.250 euro e il 3,9% del PIL).

    Bucarest conquista la vetta di questa speciale classifica dei costi sociali, seguita da Milano, Torino al nono posto, mentre Roma si piazza al diciassettesimo. Per la Capitale il dato più allarmante confluisce sull’“altissimo tasso di motorizzazione di Roma, [quale]ha una ricaduta ambientale che vediamo davanti a noi tutti giorni, con strade, monumenti e spazi invasi dal traffico veicolare, causando un inquinamento atmosferico” ha detto Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio. Scacchi ha evidenziato inoltre le criticità con le quali la città si trova a convivere da sempre: su tutte l’insufficiente rete di trasporti pubblici su ferro (tram e metropolitane) comparata a quella delle altre capitali europee. “Ci vuole una poderosa cura del ferro ferma invece da venti anni, un rilancio in totale sicurezza del TPL, il sostegno a tutta la mobilità nuova, da quella ciclabile alla micromobilità elettrica; il tutto per abbattere il numero di veicoli circolanti a partire da un blocco
    progressivo ma incessante dei Diesel che ora sembra essere completamente dimenticato”, conclude Scacchi. In vista delle elezioni che si terranno con probabilità nella primavera 2021, arriverà mai davvero una giunta comunale che metterà al centro della propria agenda una vera e propria rivoluzione ecologica che coinvolga tutti i rami della città?

    https://cedelft.eu/en/publications/2534/health-costs-of-air-pollution-in-european-cities-and-the-linkage-with-transport

    https://www.adnkronos.com/sostenibilita/tendenze/2020/10/21/costi-sociali-smog-roma-milano-torino-tra-prime-cittaeuropee_RVkpaqEnRb32cabnCpdaHI.html?refresh_ce

    https://www.romatoday.it/politica/smog-roma-inquinamento-europa-legambiente.html

    A cura di Simone Riga

    L’ultimo rapporto Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (Unep) è chiaro, il futuro del Mediterraneo è a forte rischio: la perdita di biodiversità, l’aumento delle disuguaglianze, l’esponenziale crescita dei cambiamenti climatici e la forte pressione che subiscono le risorse naturali potrebbero portare ad un punto di non ritorno. Nel documento si mette in risalto come l’elevata pericolosità della degradazione dell’ambiente potrebbe portare a conseguenze molto gravi per la salute dell’uomo e la sussistenza della regione.

    Le cifre parlano di un 15% di vittime nel Mediterraneo causate da prevedibili fattori legati all’ambiente; nel 2016 erano stati oltre 228mila i decessi prematuri dovuti all’inquinamento dell’aria. L’area geografica del Mediterraneo si stima che sia inondata da circa 730 milioni di tonnellate di plastica ogni giorno, e un altro fattore che influisce non poco è la presenza di specie non indigene, più di mille, che minacciano la biodiversità. Infine, il surriscaldamento climatico cresce il 20% più veloce rispetto alla media mondiale “È in gioco il futuro del Mediterraneo. Negli ultimi mesi, il mondo si è chiesto come sarà il mondo in futuro”, ha affermato François Guerquin, Direttore di Plan Bleu. Il rapporto ha stilato una lista delle azioni da intraprendere in modo da poter salvaguardare la regione mediterranea: eliminare gli incentivi per attività dannose all’ambiente, per esempio le fonti non rinnovabili; una stretta cooperazione in tutti i settori della società dell’implementazione politiche ambientali; mettere in campo delle azioni di prevenzione; rafforzare la resilienza nelle situazioni di incertezza adottando delle strategie sostenibili; rinforzare l’applicazione delle disposizioni in materia ambientale, seguendo anche le direttive della Convenzione di Barcellona e dei suoi relativi protocolli.

    https://www.unep.org/resources/report/state-environment-and-development-mediterranean

    A cura di Simone Riga

    Lo scorso 12 ottobre, dopo 13 mesi di ricerche, la nave Polarstern ha fatto ritorno nel Vecchio Continente, gli studiosi a bordo hanno raccolto una quantità enorme di dati e sperimentazioni per oltre un anno nel Circolo polare Artico e sono riusciti a vedere con i propri occhi gli effetti spaventosi dei cambiamenti climatici che stanno affliggendo la calotta artica al doppio della velocità rispetto alle altre regioni del Pianeta. “Abbiamo osservato la calotta morire - ha affermato il capo della missione, il climatologo Markus Rex - se continueremo in questa direzione, entro qualche decennio osserveremo un oceano artico completamente privo di ghiacci nel corso delle stagioni estive”. Gli scienziati si sono ritrovati di fronte, anche al Polo Nord, a ghiaccio “fuso, assottigliato e friabile” e ad estese aree con acqua allo stato liquido.

    La quantità di informazioni raccolte è talmente elevata che ci vorranno uno o due anni per analizzarle ed avere quindi delle risposte che saranno estremamente necessarie per fare il punto della situazione odierna e di quella che sarà un domani. I ricercatori hanno rilevato nel periodo invernale delle temperature molto più calde rispetto a quelle degli anni passati; il tutto è stato possibile attraverso l’installazione di quattro stazioni scientifiche in un’area estesa per 40 chilometri dal punto dove era attraccata la Polarstern. Sono stati così raccolti dei campioni, sia di acqua che di ghiaccio, che saranno poi analizzati nei laboratori; e la successiva analisi su questi campioni e l’elaborazione dei dati raccolti daranno una prospettiva di quello che avverrà tra 50 o 100 anni.

    “Riteniamo di essere riusciti a penetrare nella comprensione del sistema climatico artico”, ha dichiarato Rex. Speriamo che queste ulteriori conoscenze potranno aiutarci ad evitare il peggio, e che soprattutto saranno ascoltate attentamente da chi dovrà prendere delle decisioni, quali ricadranno sull’intera umanità.

    https://www.bbc.com/news/science-environment-54515518

    https://www.dw.com/en/german-research-vessel-to-return-from-dying-arctic/a-55238214

    https://www.arctictoday.com/an-arctic-expedition-plans-to-spend-a-year-in-ice-to-investigate-epicenter-of-climate-change/

    https://www.mosaic-expedition.org/wp-content/uploads/2019/09/mosaic-factsheet-facts-on-sustainability.pdf

    A cura di Simone Riga

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.