16 Novembre 2020 - 16:27

    Covid, Ricciardi: Italia ferma da 10 anni sull’assistenza digitale

    Scritto da
    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    “Tantissimi potevano essere assistiti con la telemedicina” sostiene Walter Ricciardi, docente di Igiene all’Università Cattolica di Roma e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, nel suo intervento alla IV Conferenza nazionale sull’assistenza primaria “Sfida alla cronicità”, organizzata dall’Istituto Superiore Studi Sanitari Giuseppe Cannarella online fino al 18 novembre

     


     

    “L’Italia è ferma da 10 anni sull’innovazione digitale in sanità, veniamo sorpassati da Paesi in via di sviluppo. Ci sono tantissimi italiani positivi al Covid confinati a casa, che nella stragrande maggioranza potevano essere assistiti in maniera digitale. In Germania hanno obbligato per legge questo tipo di strumenti con la telemedicina. L’Italia deve cambiare ma non lo fa, soprattutto nella sua articolazione burocratica. La telemedicina non è neanche nei Lea e questo è un segnale di un forte ritardo nell’innovazione del Ssn”. Lo ha affermato – come riporta l’agenzia Adnkronos Salute- Walter Ricciardi, docente di Igiene all’Università Cattolica di Roma e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, nel suo intervento alla IV Conferenza nazionale sull’assistenza primaria ‘Sfida alla cronicità’, organizzata dall’Istituto Superiore Studi Sanitari Giuseppe Cannarella, evento online da oggi al 18 novembre. “In Italia non c’è un problema tecnologico, ma di lentezza burocratica – precisa Ricciardi – Se guardiamo all’India in tre anni ha fatto un balzo in avanti. In zone remote arrivano operatori con un telefonino e lavorano senza problemi. C’è stata però un grande impegno del primo ministro e del Governo. Noi invece abbiamo l’incapacità di decidere e la frammentazione sul territorio”.

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.