31 Gennaio 2021 - 05:00

    Gariwo e Fondazione CDEC collaborano per formare insegnanti ed educatori

    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    La banca dati Fondazione CDEC a disposizione di Gariwo per le ricerche sui Giusti

    La Fondazione Gariwo, la foresta dei Giusti (Gariwo) e la Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (Fondazione CDEC) hanno sottoscritto una convenzione in base alla quale la Fondazione CDEC mette a disposizione la sua banca dati, l’archivio e la biblioteca per ricerche e approfondimenti, in particolare modo per la valutazione delle candidature pervenute a Gariwo dalla società civile per l’inserimento nel Giardino del Monte Stella o nel Giardino Virtuale.

    L’accordo, in vigore da oggi, nasce dalla consapevolezza dell’importanza della formazione di docenti ed educatori sui temi su cui le due associazioni sono da anni impegnate: 

     

    - per Gariwo, la conoscenza e la memoria dei genocidi del Novecento e dei Giusti e la sensibilizzazione delle giovani generazioni allo scopo di prevenire il ripetersi di eventi analoghi;

    - per la Fondazione CDEC, la promozione e lo studio delle vicende, della cultura e della realtà degli ebrei oggi in Italia dall’Emancipazione ai giorni nostri, con particolare riferimento alla storia contemporanea e al periodo nazi-fascista.

    Le due parti intendono collaborare per organizzare conferenze e seminari per insegnanti ed educatori e per creare progetti di approfondimento per le scuole di ogni ordine e grado, dando rilievo alla ricerca attraverso lo studio delle fonti storiche e delle storie dei Giusti.

    “La convenzione con la Fondazione CDEC, riferimento imprescindibile in Italia per la memoria della Shoah, sarà molto importante per la ricerca dei Giusti, che Gariwo conduce in tutto il mondo”, ha dichiarato il presidente di Gariwo Gabriele Nissim. “In un’epoca in cui le democrazie sono spesso messe in discussione e odio e antisemitismo appaiono in nuove forme, è necessario trasmettere la conoscenza storica, affinché ogni nuova generazione abbia gli strumenti culturali per cogliere gli elementi premonitori, che possono portare a nuovi genocidi e totalitarismi. 

    “Radicare nella documentazione storica certa le riflessioni contemporanee sulla memoria della Shoah – ha sottolineato il direttore della Fondazione CDEC Gadi Luzzatto Voghera – è un passaggio fondamentale per contrastare ogni forma di negazionismo e di uso pubblico improprio della storia. La collaborazione fra CDEC e Gariwo risale operativamente a molti anni fa e oggi si rafforza ulteriormente per operare in modo più efficace con insegnanti e studenti.”

     

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.