11 Ottobre 2020 - 06:32

    La storia di MALALA dalla penna di Adriana Carranca - dal 27 ottobre in libreria

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    La giornalista brasiliana Adriana Carranca affronta un viaggio emozionante e rischioso per visitare la famiglia, gli amici e i luoghi di Malala e ci regala una biografia potente e delicata allo stesso tempo. 
    La storia di un’eroina dei giorni nostri, la più giovane vincitrice del premio Nobel per la pace, ci insegna il coraggio di lottare per la libertà e l’importanza di avere un’istruzione.

     Webp.net-resizeimage - 2020-10-09T094448.374.jpg

    Malala vive nella regione pakistana dello Swat, è la più brava della classe e ama i libri. Quando è solo una bambina, la sua vita viene sconvolta improvvisamente. Il paese cade nelle mani dei talebani, estremisti islamici che impongono rigide regole a tutti gli abitanti della valle, pena la morte. Da quel momento vengono banditi i canti, i balli e le feste. Le donne non possono più indossare abiti colorati o andare al mercato. Soprattutto, alle ragazze è vietato frequentare la scuola. Malala, però, è molto coraggiosa; suo papà Ziauddin le ha insegnato che contro le ingiustizie si può lottare ed è decisa a ribellarsi per far valere i suoi diritti e riconquistare la libertà. A undici anni, quindi, decide di usare le uniche armi di cui dispone: la penna e la parola. Apre un blog tramite il quale fa conoscere al mondo intero il dramma delle bambine dello Swat e rivendica per tutte le donne la necessità di ricevere un’istruzione. La strada che ha intrapreso non è facile e la sua vita viene gravemente messa in pericolo da un terribile attentato sullo scuolabus che la riporta a casa... Ma la sua forza e la sua determinazione saranno più forti di qualunque attacco.

    "Tutto quello che sto per raccontare è accaduto davvero. È incredibile che sia così, ma è accaduto. Io lo so perché sono stata lì. Ho attraversato mezzo mondo con una missione: scoprire cosa fosse successo veramente a una ragazza di nome Malala Yousafzai e per quale motivo la stessero perseguitando. Ho intrapreso questa missione perché è questo che fanno i giornalisti: indagano e ficcano il naso dappertutto, seminano domande e raccolgono storie."

     

     

     

     

    unnamed (9).jpg

     

     


    Comunicato Stampa DeAgostini

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.