25 Gennaio 2021 - 06:47

    Le iniziative della Fondazione Circolo Rosselli

    Scritto da
    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Martedì 26 gennaio, la Giornata della Memoria, agli Uffizi,

    L’iniziativa vede la partecipazione della Fondazione Circolo Rosselli con un intervento di Valdo Spini, sul tema “Amelia Rosselli Pincherle. Dopo l'uccisione dei figli: dieci anni di esilio"

    -         “LA SITUAZIONE SOCIALE DEL PAESE” Giovedì 28 gennaio/4febbraio/11febbraio/18febbraio ore 17-18.30, si svolgeranno quattro webinar di discussione di alcuni capitoli del Rapporto 2020 del Censis sulla situazione sociale del paese. L’iniziativa è frutto della collaborazione tra la nostra Fondazione e il Censis. Link: https://us02web.zoom.us/j/327598981

    -         Venerdì 29 gennaio, ore 16, conferenza dell’AICI “Il concetto d'Italia e della sua lingua da Dante a Machiavelli” 

    Quaderni del Circolo Rosselli

    Il 139/o fascicolo dei “Quaderni del Circolo Rosselli”, n. 3/2020, Paolo Barile a vent’anni dalla scomparsa è già in circolazione e verrà presentato nel mese di Febbraio 2021 presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Firenze.

    Vi preannunciamo inoltre che è in corso di stampa alla Casa Editrice Pacini il Quaderno n. 4-2020 “Loris Fortuna. A cinquant’anni dalla legge sul divorzio”,

    a cura di Michele Mioni.

    Una via per Amelia

    La Fondazione Circolo Rosselli si è rivolta al Sindaco di Firenze, Dario Nardella, all'assessore alla toponomastica Alessandro Martini, all’assessore alla cultura, Tommaso Sacchi per chiedere l'intitolazione di una via o comunque di uno spazio pubblico ad Amelia Rosselli Pincherle nell'anno centocinquantesimo della sua nascita (1870-2020).

    Queste le motivazioni:

     Amelia Rosselli ha avuto tre figli: il primo Aldo caduto volontario nel 1916 nella Prima guerra mondiale e gli altri due Carlo e Nello, uccisi per il loro antifascismo.

    Amelia veniva da una famiglia risorgimentale mazziniana e fu decisiva nella formazione dei suoi figli al senso del dovere e al servizio degli ideali di libertà e di democrazia. Se vogliamo riscrivere la storia al femminile le dobbiamo questo riconoscimento.

    Amelia Rosselli non solo è stata la madre coraggiosa e totalmente solidale di Carlo e Nello Rosselli uccisi nell’esilio francese dalla Cagoule (un’organizzazione terroristica di destra) su mandato del governo fascista italiano. Non solo è stata la guida e il punto di riferimento, dopo il loro assassinio, del gruppo formato dalle due nuore   vedove e dai sette piccoli nipotini rimasti orfani negli anni della fuga e dell’esilio dal 1937 al 1945, conducendoli prima in Francia, poi in Svizzera e in Gran Bretagna e finalmente negli Usa. Essa è stata la prima donna drammaturgo dell’Italia unita, scrivendo sia in italiano che nel suo dialetto di origine, il veneziano. I suoi drammi teatrali come Anima o Il Refolo, furono recitati nei grandi teatri italiani. Scrittrice anche di libri per l’infanzia, abbandonò la sua attività letteraria dopo l’assassinio di Carlo e Nello, per dedicarsi tutta alla memoria dei figli. Presidente della sezione letteraria del Lyceum venne dichiarata decaduta come ebrea all’avvento delle leggi razziali.

    Amelia Rosselli, veneziana di nascita, può essere considerata fiorentina di adozione: venne a stabilirsi nel 1903 nella casa di via Giusti dove una lapide di Piero Calamandrei ricorda i suoi figli dove ritornò dopo l’esilio americano nel 1946 e vi morì nel 1954.

    È doveroso che la città si ricordi di lei dedicandole una strada o comunque un significativo luogo pubblico.

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.