19 Novembre 2020 - 06:35

    "PICCOLI GESTI, GRANDI CRIMINI" PRESENTATI AL SENATO I RISULTATI DELLA CAMPAGNA NAZIONALE DI MAREVIVO CONTRO L'ABBANDONO DEI MOZZICONI NELL'AMBIENTE

    Scritto da
    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    L’iniziativa pilota, realizzata in collaborazione con British American Tobacco Italia a Sorrento, ha registrato una riduzione del 69% dei mozziconi di sigaretta dispersi nell’ambiente e una diminuzione complessiva del 45% di altri piccoli rifiuti

     


     

    Infografica risultati.jpg

     

    Se messi uno sopra l’altro i mozziconi dispersi nell’ambiente raggiungevano un’altezza di 10.415 metri, superiore a quella dell’Everest. Dopo poche settimane dall'avvio della campagna gli effetti sono già stati tangibili tant'è che la "montagna" di mozziconi si è ridotta del 69% raggiungendo i 3.094 metri.

    Questo è solo uno dei risultati raggiunti da “Piccoli gesti, grandi crimini”, la campagna nazionale di sensibilizzazione contro l’abbandono di mozziconi partita lo scorso 23 luglio da Sorrento, località che è stata scelta come Comune “pilota” per la prima tappa di un progetto che nel prossimo futuro sarà esteso anche ad altre città italiane.

    I risultati dell’iniziativa - promossa da Marevivo in collaborazione con British American Tobacco (BAT) Italia e patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e, in questa fase, dal Comune di Sorrento -  sono stati illustrati oggi durante un evento trasmesso in diretta streaming dalla Sala Caduti di Nassirya di Palazzo Madama presso il Senato della Repubblica.

    All’evento hanno preso parte, tra gli altri, Lucio Malan Senatore presso la Commissione Affari Esteri, Laura D’Aprile Direttore Generale per l’Economica Circolare presso il Ministero dell’Ambiente, Maria Alessandra Gallone Senatrice della Commissione Ambiente, Raffaella Giugni Responsabile Relazioni Istituzionali di Marevivo e Roberta Palazzetti Presidente e AD di British American Tobacco Italia e Area Director Sud Europa. L’evento ha visto inoltre la partecipazione del Ministro per l’Ambiente Sergio Costa.

    Ogni anno nel mondo 4,5 trilioni di mozziconi finiscono nell’ambiente a causa di un piccolo gesto che viene fatto con disattenzione, un gesto solo apparentemente marginale che diventa un crimine per l’ambiente perché lo danneggia, rilasciando innumerevoli sostanze inquinanti, e che porta le sigarette ad essere il rifiuto più presente sulle spiagge di tutto il mondo.

    La campagna “Piccoli gesti, grandi crimini” è partita dalla ricerca qualitativa condotta da AICA con l’Università Federico II di Napoli, da cui sono emerse le tre motivazioni principali per le quali i cittadini fumatori ripetono comportamenti errati:

    1. Non hanno la consapevolezza del danno che causano all’ambiente gettando mozziconi a terra.
    2. Spesso non sono presenti abbastanza contenitori per mozziconi sul territorio.
    3. Le sanzioni previste per chi getta i mozziconi in terra non vengono applicate.

    La campagna quindi si è posta tre obiettivi fondamentali: sensibilizzare ed educare i cittadini sul tema del rispetto ambientale e delle conseguenze di comportamenti sbagliati; contrastare concretamente l’abbandono dei mozziconi attraverso il corretto posizionamento in città di cestini con porta mozziconi e la distribuzione di posacenere tascabili ai cittadini, nonché sensibilizzare le istituzioni locali ad applicare le sanzioni previste dalla legge per chi getta a terra piccoli rifiuti.

    Accanto alla campagna di sensibilizzazione, nel caso di Sorrento sono stati distribuiti a cittadini e turisti oltre 4.000 posacenere tascabili e, in accordo con il Comune, sono stati posizionati 50 nuovi cestini con posacenere incorporato.

    Contestualmente, sono stati organizzati degli interventi ad alto impatto visivo tra cui una campagna advertising e l’installazione di una vera e propria «scena del crimine» in cui, accanto alle vittime - raffigurate da sagome di pesci, tartarughe e stelle marine - è stata posta la riproduzione di un mozzicone gigante, simbolica arma del delitto. La «scena del crimine» ha suscitato oggi la curiosità di diversi passanti che si sono fermati ad osservare l’insolito spettacolo presso Piazza delle Cinque Lune a Roma, a pochi passi dal Senato.

    Il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha dichiarato in un video-messaggio: “Esprimo ancora una volta il mio apprezzamento per l’opera di Marevivo a tutela dell’ambiente. Questa campagna nazionale contro l’abbandono dei mozziconi di sigarette è una delle battaglie storiche dell’associazione: i risultati che vengono presentati oggi ci spingono a non abbassare la guardia. Perché anche un piccolo gesto può essere un grande crimine, per citare il titolo della campagna di sensibilizzazione 2020”.

    “Se non smaltiti correttamente i mozziconi di sigaretta rappresentano un danno enorme per l’ambiente: sono i rifiuti più frequenti sulle spiagge, rilasciano sostanze nocive nel mare, il loro filtro non è biodegradabile, si sminuzza in microplastiche e rimane in mare per sempre” ha dichiarato Raffaella Giugni, Responsabile Relazioni Istituzionali di Marevivo. “I risultati di questa prima tappa sono incoraggianti: nell’area di Sorrento durante la campagna abbiamo ottenuto una riduzione complessiva dei mozziconi nell’ambiente pari al 69%. Se tutti i comuni italiani aderissero al nostro appello, e se le persone si impegnassero a smaltire correttamente questo rifiuto, risparmieremmo all’ambiente non solo marino un ulteriore aggravamento delle sue condizioni.”

    Roberta PalazzettiPresidente e AD di British American Tobacco Italia, ha inoltre sottolineato: “Siamo orgogliosi di avere tra i nostri obiettivi la riduzione dell’impatto della nostra attività sull’ambiente, come dimostra l’inserimento di BAT – l’unica azienda del suo settore – nel prestigioso Dow Jones Sustainability Index per il 19° anno consecutivo. ‘Piccoli gesti, grandi crimini’ è una campagna di sensibilizzazione basata sulla corretta informazione ed educazione dei fumatori, sul potenziamento dei punti di raccolta e la fornitura di posacenere portatili per agevolare comportamenti virtuosi e sulla necessità di intensificare le attività di controllo e le sanzioni da parte dell’autorità pubblica. E’ indispensabile un’azione congiunta pubblico-privata che unisca aziende, istituzioni e cittadini per la tutela dell’ambiente e che funga da deterrente rispetto a comportamenti scorretti. Siamo pronti a fare la nostra parte e auspichiamo l’avvio di un dialogo fra Istituzioni e Industria basato su collaborazione, ascolto reciproco e analisi di dati oggettivi, che porti all’adozione di soluzioni efficaci e bilanciate per un recepimento condiviso e sostenibile della Direttiva SUP (single use plastics), a tutela di una filiera e un prodotto di cui l’80% del prezzo viene già incamerato dallo Stato sotto forma di tasse. Il successo di Sorrento dimostra che questa sinergia virtuosa è possibile e siamo fin da ora a disposizione del Ministero dell’Ambiente per avviare un confronto proficuo”.

    Inoltre, l’iniziativa ha previsto il monitoraggio di 16 siti, scelti tra le zone più frequentate della città di Sorrento, dove sono state riprese, analizzate e quantificate le diverse tipologie di rifiuti in due momenti distinti pre e post campagna, con l’obiettivo di verificare gli effettivi risultati dell’iniziativa. Le indagini sono state condotte utilizzando dei droni, per catturare le immagini relative ad ogni area monitorata. Le immagini sono state poi elaborate grazie alla tecnologia di apprendimento automatico di Ellipsis Earth - società specializzata nel rilevamento, categorizzazione e tracciabilità dei rifiuti in plastica nell'ambiente - che ha individuato 47 categorie di rifiuti, compresi i mozziconi e pacchetti di sigarette, con oltre il 90% di precisione e certezza.

    Anche la società Altran, parte del gruppo Capgemini e leader mondiale nei servizi di Engineering ed R&D per le aziende, in collaborazione con Penisolaverde del Comune di Sorrento, si è occupata di monitorare il quantitativo di mozziconi correttamente conferiti dai fumatori, raccogliendo dati quantitativi e qualitativi prima e dopo la campagna. Altran ha inoltre curato lo sviluppo di un modello di EPR (Extended Producer Responsibility) in linea con i paradigmi di Economia Circolare basandosi sui dati acquisiti durante il pre e post campagna di Sorrento. In particolare, Altran ha valutato e tenuto in considerazione nel suo schema di EPR  anche gli effetti positivi che la campagna di sensibilizzazione ha comportato sul numero di mozziconi dispersi nell’ambiente.

    Il Senatore presso la Commissione Affari Esteri Lucio Malan ha dichiarato che si tratta di: “Un’iniziativa importante: i piccoli gesti fanno davvero la differenza”.

    Laura D’Aprile, Direttore Generale per l’Economia Circolare presso il Ministero dell’Ambiente, ha inoltre voluto sottolineare: “L’economia circolare non è un paradigma astratto, ma è un nuovo modo di supportare modelli di produzione e consumo sostenibili ai quali tutti possiamo contribuire anche con piccoli gesti quotidiani. E’ per questo che ringrazio Marevivo per aver promosso questa campagna di sensibilizzazione i cui risultati testimoniano l’importanza del contributo dei cittadini alla sostenibilità ambientale”.

    La Senatrice Maria Alessandra Gallone della Commissione Ambiente ha dichiarato: "Le grandi rivoluzioni virtuose partono dai gesti più piccoli che però, se compiuti da tutti, fanno la differenza. È inaccettabile che gettare i mozziconi per terra, nella sabbia, tra gli scogli e in mare sia considerato un reato socialmente accettato. Il sacrosanto diritto alla tutela della libertà personale deve rispettare comunque il sacrosanto dovere di rispettare il bene comune. Se la Terra è la nostra casa, il mare è l’origine e la nostra sorgente di vita e merita ogni attenzione. Sarò sempre in prima linea per battaglie come questa".

    I risultati quantitativi Ellipsis

     

    Nel periodo considerato si sono registrati importanti risultati sul fronte ambientale, a partire da una riduzione del 69% dei mozziconi di sigaretta dispersi nelle aree coinvolte nell’iniziativa. Per tutti gli altri rifiuti si è invece registrata una diminuzione complessiva del 45% . Inoltre nelle zone in prossimità dei nuovi cestini i piccoli rifiuti sono diminuiti del 70%.

    I mozziconi di sigaretta si sono rivelati tra i rifiuti più diffusi, con percentuali che variavano dal 98% nelle aree pedonali più turistiche (come Via Veneto, la principale via di passaggio tra Marina Grande e le altre spiagge), fino al 51% nelle principali aree di ritrovo come spiagge e caffè di strada, con una media dell'81% nel periodo pre-campagna e del 78% dopo la campagna. Tra gli altri rifiuti più comuni ritrovati nell’ambiente sono stati catalogati: ricevute di carta, tappi di bottiglia e coperchi, bicchieri di plastica per bevande, cannucce e rete da pesca, che hanno contribuito per oltre il 75% del totale.

    Un altro dato mostra gli ottimi risultati ottenuti grazie all’iniziativa: prima della campagna erano stati quantificati in totale 10.415 mozziconi di sigaretta. Nel periodo successivo alla conclusione dell’iniziativa sono stati invece ritrovati 3.094 mozziconi, con una riduzione appunto del 69%.

     

    Contrasto del littering: il report di Aica e Università Federico II di Napoli

    Parallelamente alla campagna di sensibilizzazione e di monitoraggio svolta a Sorrento, durante i giorni pre e post campagna, è stato realizzato un report di indagine qualitativa per valutare quali possano essere le migliori strategie per contrastare il fenomeno del littering, ovvero l’abbandono, deliberato o involontario, di rifiuti di piccole dimensioni in spazi pubblici o aperti come strade, piazze, parchi, spiagge.

    I volontari di Marevivo hanno somministrato un questionario - realizzato da AICA (Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale) e dall’Università Federico II di Napoli con il contributo di British American Tobacco Italia - con l’obiettivo di misurare l’impatto qualitativo della campagna di comunicazione di “Piccoli gesti, grandi crimini” sulla percezione dell’intervistato.

    In base alla ricerca, il ruolo più importante nel processo di raccolta dei rifiuti dovrebbe essere svolto, secondo gli intervistati, dai cittadini (45%); in secondo luogo dagli enti e istituzioni locali (39%), e solo in via residuale dai produttori (16%).

    Dal report è emerso che le motivazioni principali per cui i fumatori gettano i mozziconi a terra sono:

    - Mancanza di sensibilità verso l’ambiente (62% delle risposte degli intervistati)

    - Mancanza di consapevolezza sul danno arrecato all’ambiente (36,6%)

    - Mancanza di cestini dove gettare i rifiuti (26,5%)

    Tra le principali motivazioni che potrebbero incentivare i cittadini a partecipare alle attività di raccolta dei rifiuti, gli intervistati hanno evidenziato:

    - Regalo di piccoli premi o gadget (43,7% delle risposte degli intervistati)

    - Soddisfazione per aver fatto qualcosa di utile per la comunità (30,9%)

    - Soddisfazione per aver fatto qualcosa di utile per l’ambiente (23,4%)

    Tra gli approcci ritenuti più utili per migliorare lo smaltimento responsabile dei rifiuti gli intervistati hanno poi indicato le campagne di sensibilizzazione rivolte ai fumatori, le sanzioni per chi getta mozziconi a terra, e l’installazione di un numero maggiore di cestini e posaceneri sul territorio.

    I risultati del questionario mostrano dunque come iniziative di sensibilizzazione e l’applicazione di sanzioni per chi getta i mozziconi a terra possono essere validi incentivi per ridurre la pratica del littering nei centri abitati e stimolare un comportamento corretto nella popolazione.

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.