03 Marzo 2021 - 10:49

    Progetto “Contemporanei a Palazzo Borromeo. Arte e design nell’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede”

    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Al termine dell’odierno incontro tra Italia e Santa Sede nella ricorrenza del novantaduesimo anniversario della firma dei Patti Lateranensi e del trentasettesimo anniversario dell’Accordo di modificazione del Concordato, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, insieme alle altre alte cariche dello Stato, il Segretario di Stato vaticano Cardinale Pietro Parolin e gli altri componenti delle delegazioni italiana e vaticana, visiteranno la mostra “Contemporanei a Palazzo Borromeo. Arte e design nell’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede”. Questo progetto nasce con l’intento di aggiornare lo stretto legame con l’arte, la cultura e i manufatti che hanno caratterizzato la lunga storia di Palazzo Borromeo e di arricchirne gli interni, il chiostro e i giardini, con opere d’arte di grandi artisti italiani contemporanei, che si aggiungono alle opere di maestri della tradizione. Gli interni, in particolare, sono punteggiati da esempi dell’eccellenza del design italiano degli ultimi settant’anni, capace di inserirsi armoniosamente negli arredi esistenti e di migliorare

    allo stesso tempo gli aspetti funzionali di varie sale.

    L’iniziativa vuole unire due dimensioni della promozione del nostro Paese: quella culturale, poiché intende dare il senso della forte continuità e del primato della tradizione artistica italiana con le espressioni culturali contemporanee, e quella economica, con l’obiettivo di dare ulteriore visibilità ad artisti e designers – già ampiamente conosciuti a livello internazionale – ed anche a nostre aziende e manifatture straordinarie, nello spirito di contribuire ad accrescere la loro presenza nei mercati esteri e a rappresentare nel mondo il meglio dell’arte e dell’eccellenza italiana. La collezione comprende, distribuite tra il giardino, il chiostro e i saloni del Palazzo, 15 opere d’arte e 10 oggetti concepiti da designersitaliani e prodotti da aziende italiane.

    L’arte contemporanea

    Mario Ceroli, Uomo con dodecaedro (Discorsi platonici sulla geometria)

    Pietro Consagra, Piana n.2 [Archivio Consagra]

    Giuseppe Ducrot, Busto di San Carlo Borromeo

    Maria Cristina Finucci, modulo dell’installazione HELP The Ocean

    Franca Ghitti, Alberi Bosco, [Fondazione Ghitti]

    Emilio Isgrò, Occhio Falcon (Paradiso, canto decimottavo)

    Massimo Listri, Musei Vaticani XIV Scala Simonetti [Fondazione Listri]

    Michelangelo Pistoletto, Autoritratto/Terzo Paradiso

    Arnaldo Pomodoro, La colonna del viaggiatore 1965/66 [Fondazione Pomodoro]

    Davide Rivalta, Rinoceronte n.2

    Il design

    Francesco Binfaré, divano Essential, Edra

    Achille e Pier Giacomo Castiglioni, lampada Taccia, Flos [Fondazione Castiglioni]

    Antonio Citterio, divano Magister, Flexform

    Michele De Lucchi, Battista Totem, Caimi Brevetti

    Davide Groppi, lampada da terra Origine, Davide Groppi

    Vico Magistretti, lampada da tavolo Atollo, Oluce

    Angelo Mangiarotti, seduta Clizia, Agapecasa

    Andrea Parisio, tavolini Bongo, Meridiani

    Gio Ponti, lampade da terra Pirellone, FontanaArte

    Ettore Sottsass, lampada da terra Callimaco, Artemide

    La mostra, promossa dall’Amb. Pietro Sebastiani e realizzata con il contributo della

    Banca del Fucino e del MAECI, è stata curata dall’arch. Cristina Mazzantini e in attesa

    di una inaugurazione pubblica nei prossimi mesi potrà essere visitata su prenotazione

    in piccoli gruppi anche attraverso il Touring Club nel rispetto delle misure anti Covid-

    1. Il video della mostra è disponibile sul sito https://ambsantasedevaticano.esteri.it/.

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.