15 Novembre 2020 - 05:20

    Rebecca Zoe De Luca: “La DAD, una misura necessaria, ma non per questo meno triste”

    Scritto da
    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Sono ormai tre settimane che noi sciagurati studenti delle superiori siamo in DAD, una misura sicuramente necessaria, ma certamente non per questo meno triste. Sì, perché la didattica a distanza è oggettivamente triste, non starò neanche a parlare del livello di apprendimento, è sempre scuola e, se presa seriamente ed organizzata bene, di certo si può imparare. La tristezza della DAD consiste nella mancanza di tutta quella atmosfera, quell’ambiente che si crea se si ha la fortuna di far parte di una bellissima classe come la mia. In questi ultimi giorni, devo ammettere, che la nostalgia ha iniziato a farsi sentire: sono quelle piccole cose, a cui prima magari non facevo neanche caso a mancarmi. Le buche di Via Orti, persino i monopattini parcheggiati sempre in mezzo al marciapiede, le facce dei miei compagni distrutti di prima mattina, le luci accecanti del neon ed anche i pianti isterici di alcuni miei compagni - che prima non riuscivo a concepire e che, trovavo irritanti - la puzza di fumo davanti a scuola ed il venditore ambulante sempre sorridente che mi saluta sempre per nome, l’inimitabile Musta. Onestamente trovo la DAD molto più stancante rispetto alla scuola in presenza. Non solo passiamo ore e ore seduto davanti ad uno schermo - io seduta lo sono sempre - ma anche studiare diventa più pensante. Il fatto è che non si riesce mai a staccare veramente il cervello, cosa che, prima, in un modo o nell’altro, si faceva. La cosa peggiore sono i problemi di connessione, la voce metallica che va e viene e il continuo essere buttato fuori dalle lezioni - per riconnessione - senza apparente motivo. Molti professori purtroppo sono fermamente convinti che i famosi problemi di connessione siano delle scuse per non partecipare alle lezioni. Certo, c’è anche qualcuno che ne approfitta, i così detti ‘fantasmini’, come li chiamiamo io e i miei amici, ovvero coloro che, per ragioni ignote a noi comuni mortali, spariscono ogni qualvolta venga, anche solo per sbaglio, pronunciato il loro nome. Anche in DAD i professori sono sempre una certezza - escludendo i momenti in cui ci dicono che dovremo convivere per sempre con il virus e che le nostre vite non torneranno mai più ‘normali’ - è incredibile come anche con uno schermo frapposto e una pandemia globale in corso, riescano a metterci in soggezione per una semplice interrogazione. DAD o non DAD l’ansia, in quinta ginnasio ed in particolare nella mia classe, regna sempre sovrana.

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.