15 Novembre 2020 - 05:30

    Una lettera a Mattarella sui percorsi scolastici differenziati

    Scritto da
    Vota questo articolo
    (0 Voti)

    Riceviamo e pubblichiamo una lettera al presidente Mattarella da parte dei seguenti firmatari: Caregiver Familiari Comma 255; Toni Nocchetti Ass. Tutti a scuola onlus; Luca Trapanese A ruota libera onlus; Angelica Viola L’orsa maggiore Coop. Sociale.

    "Egregio Presidente Mattarella,

    Nonostante il tempo burrascoso e le divisioni che attraversano la politica, Lei ha sempre indicato una strada comune e, come anche papa Francesco ricorda continuamente, ha sempre rifiutato la cultura degli “scarti”.
    Noi genitori di figli con disabilità, noi caregiver familiari, impariamo presto a riconoscere sulla nostra pelle questa sensazione di esclusione.
    La legislazione del nostro Paese rappresenta sicuramente una tutela essenziale ed un punto di partenza indispensabile per garantire ai nostri figli una vita meno faticosa ma, come Lei sa, non è ancora abbastanza.
    Ci rivolgiamo a Lei con l'intenzione ferma di evidenziare che nella nostra Penisola, a partire dalla Regione Campania, sta accadendo qualcosa di assolutamente inaccettabile.
    L'ordinanza numero 82 della Campania per prima, poi, seppur meno esplicite le ordinanze delle diverse Regioni italiane, fino al DPCM del 3 novembre u.s., stabiliscono che la frequenza scolastica debba essere prevista per gli alunni con disabilità, senza assicurare loro la presenza del gruppo dei pari.
    Questo accade nonostante il 5 novembre u.s., la Ministra Azzolina, ribadendo i principi già delineati nel DM 39 del 26/06/2020, sottolinei, in una nota ministeriale, come l'unica strada percorribile per la didattica in presenza sia quella di individuare piccoli gruppi inclusivi.
    Si stanno prefigurando inquietanti sperimentazioni di qualcosa che nel 1977 avevamo cancellato: le classi differenziali.
    La scuola italiana è, orgogliosamente, pioniera nella inclusione e nella solidarietà. Quanto sta accadendo va esattamente nella direzione opposta: l'esclusione e l'isolamento per i nostri figli con disabilità.
    La presenza di una pandemia non può giustificare la creazione di percorsi differenziati per i nostri figli.
    Sono differenti gli strumenti che governo ed enti locali hanno a disposizione per rispondere ai bisogni degli alunni con disabilità. Esistono figure professionali preposte ad accompagnare gli alunni con disabilità nel proprio percorso scolastico (ASACOM): è sufficiente che dette figure si spostino al domicilio dell’alunno per consentirgli la fruizione della didattica proposta dagli insegnanti e del gruppo dei pari.
    Se l’emergenza sanitaria è tale da impedire la frequenza scolastica la tutela precauzionale è diritto di tutti. Se consente la frequenza di piccoli gruppi, allora è un diritto che va garantito a tutti gli allievi che per le più svariate ragioni necessitano di didattica in presenza, ricreando piccoli gruppi inclusivi.
    La scuola italiana è, per fortuna e per merito di donne e uomini che oltre 40 anni fa hanno costruito su valori comuni, la scuola di tutti.
    Lei ne è stato, da sempre, un attento testimone e autorevole protagonista.
    Ci aiuti a farlo comprendere a chi, evidentemente, non ne ha gli strumenti culturali e la sensibilità
    necessaria. Ci aiuti a salvare questo baluardo italiano di democrazia, inclusione e pari opportunità."

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.