AngeliPress

    AngeliPress

    Inaugurato al Sermig il nuovo magazzino farmaci del Banco Farmaceutico Torino

    È lo spazio dove i farmaci donati al BFTo vengono controllati, schedati e immagazzinati, in modo che medici e farmacisti possano assegnarli agli enti convenzionati in base alle richieste delle persone in difficoltà sanitaria. La presidente Clara Cairola Mellano: “Grazie ai nostri volontari, grazie a chi ci aiuta a trasmettere il nostro messaggio di condivisione e gratuità”.

    Ospitato in un locale del Sermig - Arsenale della Pace e realizzato grazie al contributo di Reale Foundation, il nuovo magazzino farmaci del Banco Farmaceutico Torino - intitolato alla memoria del volontario Enrico Beruto, recentemente scomparso - è stato inaugurato mercoledì 4 novembre alle ore 11, nel pieno rispetto delle vigenti normative di sicurezza. L’evento si è svolto in diretta Facebook. Sono intervenute: - Clara Cairola Mellano, presidente Banco Farmaceutico Torino; - Virginia Antonini, Head of Sustainability and Corporate Communication Reale Group; - Maria Pia Bronzino, direttrice sanitaria Sermig

    BANCO FARMACEUTICO TORINO

    È presente da 16 anni a Torino e provincia come espressione territoriale e sussidiaria della Fondazione Banco Farmaceutico onlus e risponde - attraverso la collaborazione con le realtà che operano contro la povertà sanitaria - al bisogno farmaceutico e sanitario delle persone e delle famiglie che versano in un particolare stato di difficoltà. I tre principali canali di raccolta dei farmaci sono: - Giornata di Raccolta del Farmaco; - Donazioni Aziendali; - Progetto Recupero Farmaci Validi Non Scaduti

    BFTo risponde alle specifiche richieste di prodotti farmaceutici degli enti del terzo settore e delle associazioni di volontariato del territorio che, a loro volta, soddisfano le richieste degli utenti finali, fornendo loro gratuitamente i prodotti donati.

    PERCHE’ UN MAGAZZINO FARMACI? E COME FUNZIONA?

    Ogni prodotto donato (non solo farmaci, ma anche presidi sanitari come materiale per medicazione, prodotti per igiene, ecc.) viene controllato con attenzione e le informazioni identificative che ne assicurano trasparenza e tracciabilità - quantitativo, scadenza, integrità, provenienza e destinazione - vengono inserite nel gestionale.
    Il nuovo magazzino farmaci è il luogo attrezzato per svolgere questo lavoro. Non sarà aperto direttamente al pubblico, ma medici e farmacisti assegneranno agli enti quanto
    disponibile in base a necessità e tempi di utilizzo. Durante la settimana si alterneranno nel servizio medici e farmacisti responsabili di magazzino, un operatore addetto alla logistica e due volontari per ogni turno, per 5 giorni alla settimana.

    UN ANNO DI LAVORO: IL 2019 IN NUMERI

    Nel 2019 circa 28mila persone hanno usufruito dei farmaci donati dal BFTo tramite le 70 realtà assistenziali convenzionate, che hanno ricevuto complessivamente donazioni per un valore di poco inferiore a un milione e quattrocentomila euro.

    LE DICHIARAZIONI

    “Banco Farmaceutico Torino - commenta la presidente Clara Cairola Mellano - lavora quotidianamente per il sostegno alle persone in difficoltà sanitaria, da sempre in rete con realtà come il Sermig, con un’attività che non esito a definire frenetica da quando è scoppiata l’emergenza sanitaria: purtroppo le esigenze sono destinate ad aumentare con l’acuirsi della crisi economica. Devo ringraziare i nostri volontari, sempre fantastici, e chi sostiene il nostro impegno, in questo caso Reale Foundation. Il nuovo magazzino farmaci è insieme un punto di risposta ai bisogni, un’area operativa, un polo di apprendimento e un laboratorio di buone prassi, fondamentale per lo sviluppo della nostra attività al servizio delle persone e delle famiglie fragili e per trasmettere il nostro messaggio di educazione alla condivisione e gratuità”.

    “Siamo molto felici che sia finalmente inaugurato questo magazzino” ha dichiarato Virginia Antonini, Head Of Sustainability and Corporate Communication di Reale Group. “Siamo convinti che fare rete, specialmente con partner storici e radicati sul territorio come Banco Farmaceutico Torino, sia l’ingrediente fondamentale per generare impatti positivi e, sempre guidati dai principi mutualistici, intendiamo impegnarci affinché si possano raggiungere risultati concreti per la collettività, come quello ottenuto oggi.”

    “Da anni il Banco Farmaceutico - interviene Maria Pia Bronzino, direttrice sanitaria Sermig - ha una collaborazione con l’Arsenale della Pace per la donazione di farmaci da offrire ai pazienti senza risorse che accedono al poliambulatorio dell’Arsenale. L’iniziativa del recupero dei farmaci ancora validi attivata dal Banco ha reso più stretta questa
    collaborazione. È nata così l’occasione di ospitare una sede del Banco tra le mura dell’Arsenale della Pace, che penso offrirà modalità nuove ed efficaci per rispondere alle
    sempre più numerose richieste di farmaci che ci raggiungono”.

    Gigi, che ora rivede le stelle

    Su "I fiori del male" un bellissimo pezzo a firma Paola Veneto su Gigi Proietti, recentemente scomparso, di cui vi riportiamo un breve estratto e il link all'articolo completo:

    Fra pochi minuti sarà mezzanotte, una mezzanotte di inizio novembre che quest’anno si dilata nel tempo all’infinito, probabile preludio di molte prossime notti a mezzogiorno.

    E’ facile che ci si ritrovi a riflettere a lungo oggi, mentre ancora splendeva un bel sole ignaro, se scrivere qualcosa su Gigi Proietti e sul vuoto che lascia, nel cuore ma soprattutto nella memoria di tutti quelli che hanno la nostalgica fortuna di possedere ricordi ed eco di risate che se già ieri sembravano vintage, oggi hanno tutto il sapore del sogno irraggiungibile.

    Proietti era un maestro, sicuramente molto apprezzato ed amato e riempie il cuore vedere in quanti e con che passione lo stiano celebrando dal momento del suo addio.

    Qui il pezzo completo: https://www.ifioridelmale.it/articoli/gigi-che-ora-rivede-le-stelle

    FoamFlex200: la spugna che rimedia ai disastri ambientali nei mari

    Oggi parliamo di idee, di idee rivoluzionarie che si tramutano in realtà, in delle realtà che animano speranza e che soprattutto entrano in soccorso a tutti. Una spugna è l’innovazione lanciata da Alessandro Taini, fondatore nel 2015 della startup Test1; questa spugna è in grado di assorbire oli che per un motivo o per un altro finiscono nei nostri mari. L’intuizione viene da lontano, dagli anni ’70, quando un amico del padre di Taini progettava, nel suo periodo di lavoro come chimico per la Montedison, una spugna in grado di assorbire il petrolio, ma il progetto non venne in seguito sviluppato. Erano altri tempi, si veniva dal ’68, dai movimenti per i diritti umani e per la salvaguardia del Pianeta; e in un certo verso, seppur con un differente panorama, si stanno riproponendo in questo periodo storico attraverso dei nuovi movimenti come Black Lives Matter e Fridays For Future, ovvero dei movimenti animati dalla stessa voglia di cambiamento culturale che era presente allora. In questo contesto si afferma l’idea rivoluzionaria di Taini, al quale forse è stato passato il testimone di quegli anni ’70, un testimone che ha visto la sua piena realizzazione nei giorni nostri.

    La spugna si chiama FoamFlex200: è economica, ha una rapida efficacia ed è stata già impiegata nel disastro ambientale verificatosi alle Canarie nel 2018; grazie al suo utilizzo sono stati recuperati nel giro di pochi giorni oltre il 50% dei liquidi tossici sversati nel porto di Gran Tajal. “Abbiamo deciso di riadattare l’idea della spugna, utilizzando materiali conformi alle leggi attuali – spiega Taini – abbiamo realizzato così diverse versioni di una schiuma poliuretanica a celle aperte in grado di assorbire oli, nafta e gasolio fino a decine di volte il proprio peso: un kg di spugna può assorbire 6 tonnellate di idrocarburi. È oleofila e idrofoba al 95%, quindi assorbe gli oli ma non l’acqua, e può essere strizzata e riutilizzata fino a 200 volte. A differenza dei panni, non crea rifiuti, e l’olio recuperato può essere mandato in raffineria”.

    La FoamFlex200 è stata chiamata ad intervenire anche per una fuoriuscita di petrolio avvenuta sul lago di Garda, i Vigili del fuoco hanno così potuto impiegare la spugna nelle operazioni di ripristino delle acque grazie alla collaborazione sorta con la startup bresciana. “I Vigli del fuoco hanno utilizzato il nostro prodotto e da quel momento hanno richiesto una fornitura di spugne abbinate a kit per tombini, utili a evitare che liquidi pericolosi vadano a inquinare la rete idrica”, racconta Taini. Ma le idee innovative di Test1 non si fermano qui: è infatti in via di sviluppo anche la costruzione di un drone marittimo comandato da remoto che sarà in grado di effettuare le attività di pulizia attualmente condotte dall’uomo. Idee come queste danno un pizzico in più di speranza, in un mondo che preferisce più curare che prevenire le emergenze, perché forse senza la presenza di persone come Taini che mettono a disposizione dell’umanità, e soprattutto a disposizione del Pianeta, le loro competenze, staremmo a parlare solo di disastri irrimediabili. E mai come ora la Terra sta invocando la mano dell’uomo, a patto che si tratti di quella giusta.

    A cura di Simone Riga

    Suor Alfieri: si avvii una collaborazione reale fra scuole statali e paritarie. Si intervenga sul problema dei trasporti

    “Mettere in strada i mezzi di trasporto pubblici e privati avrebbe scongiurato il rischio dei contagi provocato dall’effetto sardine in scatola, come è invece avvenuto. Il covid ha reso il re nudo: se la scuola non riparte non è per il covid o per mancanza di risorse finanziarie, ma per pura ideologia, nutrita di crassa ignoranza riguardo a ciò che veramente è utile all’essere umano”. Lo denuncia Anna Monia Alfieri, referente scuola Usmi, paladina delle paritarie, intervenendo con l’Adnkronos sulla misura di carattere nazionale contenuta nel nuovo Dpcm che il Governo si appresta a varare domani riguardo alla Dad al 100% alle superiori, illustrata dal premier Giuseppe Conte alla Camera.


    Massa Carrara, dalla Fondazione Marmo 23mila mascherine alle scuole del territorio

    Si è concluso ieri, con la consegna all'Istituto Gentili di Fossola Carrara, il primo ciclo di aiuti della Fondazione Marmo alle scuole della Provincia di Massa Carrara. In totale in questi giorni sono state consegnate 22.650 mascherine in ben 15 istituti scolastici che ne hanno fatto richiesta. Si tratta di scuole di tutta la provincia sia delle medie inferiori che delle medie superiori.


    Neandertal come noi: i loro neonati avevano gli stessi tempi di svezzamento dell’Homo sapiens

    Dall’analisi di tre denti da latte appartenuti a bambini neandertaliani vissuti tra 70.000 e 45.000 anni fa nell’Italia nord-orientale emerge che il loro ritmo di crescita era molto simile al nostro: la scoperta porta a escludere che uno svezzamento tardo possa essere tra le cause che hanno portato alla scomparsa di questa specie umana

     


    Coronavirus. Zampa: “Certa che la Lombardia fornisca dispositivi di protezione individuale ma lo comunichi ai propri medici”

    La Sottosegretaria di Stato alla Salute Sandra Zampa ha dichiarato: “Voglio rassicurare l’assessore Gallera: non parte da me il dubbio circa il fatto che la regione Lombardia fornisca un adeguato quantitativo di dispositivi di protezione individuale a medici e pediatri di famiglia. Mi pare tuttavia necessario che la stessa regione Lombardia lo comunichi ai propri medici di base, visto che è da una di loro che è arrivata l’accusa di non avere avuto quanto necessario a metterli in sicurezza per effettuare tamponi. Quanto affermato è facilmente verificabile riascoltando la puntata della trasmissione ‘L’Aria che tira’, alla quale oggi ho preso parte”. 

    SANITà: Covid-19, analisi della situazione epidemiologica

    Oggi, mercoledì 4 novembrealle ore 16, presso la sede del Ministero della Salute – Roma, Lungotevere Ripa, 1 – Auditorium “Cosimo Piccinno”, il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, e il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, terranno una conferenza stampa sull’analisi della situazione epidemiologica in Italia.


    Le sfide dell’apprendimento per gli adulti nel nuovo seminario Epale

    Evento online aperto con sessioni dal 4 al 6 novembre

    Firenze, 29 ottobre 2020 – “Educazione per il futuro: Epale e le sfide dell’apprendimento in età adulta” è il titolo del seminario nazionale online organizzato dal 4 al 6 novembre dall’Unità Epale Italia, la community per i professionisti dell’educazione degli adulti. A conclusione dei primi 5 anni di attività della piattaforma e sette anni del Programma Erasmus+ 2014-2020, l’incontro vuole fare il punto sull’educazione degli adulti in Italia, le sfide per valorizzare le competenze degli adulti e analizzare come è cambiata l’istruzione e formazione degli adulti in seguito alle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria.

    Il seminario permetterà di delineare uno stato dell’arte dell’educazione degli adulti in Italia da una prospettiva europea, a partire dall’osservatorio della piattaforma Epale, con i suoi oltre 7.000 iscritti italiani che hanno la possibilità di confrontarsi con circa 80.000 utenti in Europa e le reti di esperti che mette in contatto creando sinergie trasversali. Saranno proposte riflessioni teoriche, con contributi dalla ricerca accademica, ed esperienze di istruzione e formazione sul campo, che hanno tradotto in pratica l’innovazione con risultati tangibili.

    Il Presidente dell’Indire, Giovanni Biondi, che interverrà il 5 novembre, afferma “Se da un lato l'emergenza dovuta al Covid-19 ha accelerato la diffusione della didattica a distanza, dall’altro, è necessario che le scuole adottino un appropriato utilizzo delle tecnologie rispetto a una didattica online meramente “emergenziale”. La relazione docente-discente, che è alla base dell’apprendimento, deve essere mantenuta e vissuta nella nuova dimensione. Su questo aspetto, l'Indire è impegnata da anni a sostenere le scuole e i docenti in questo percorso di innovazione attraverso sperimentazioni e ricerche azione”. 

    Testimonianze che rafforzeranno la necessità di intervenire con proposte concrete sul cambiamento presente dove educare gli adulti rappresenta una protezione sociale cruciale in un tempo che richiede scelte nuove e nuovi rischi, e dove il contributo di tutta la comunità educante deve fare sistema per garantire l’apprendimento per tutti, per età diverse, e con l’accesso alle possibilità del mondo digitale perché non diventino nuovo elemento di disuguaglianza. 

    Per ognuno dei tre giorni del seminario verrà proposto un focus specifico:

    RICERCA. Mercoledì 4 novembre – Competenze e formazione degli adulti per il futuro:  stato dell’arte dell’educazione degli adulti in Italia nel contesto europeo, in collaborazione con la RUIAP – Rete Universitaria Italiana dell’Apprendimento Permanente, e con la partecipazione dell’associazione europea per l’educazione degli adulti EAEA (European Association for the Education of Adults);

    ESPERIENZE. Giovedì 5 novembre – Istruzione inclusiva, educazione in carcere e occupazione: testimonianze, approfondimenti e discussioni con la partecipazione di docenti e rappresentanti degli enti attivamente coinvolti nell’istruzione, formazione e orientamento degli adulti in Italia, in collaborazione con la rete degli Ambasciatori Epale. Si entrerà in carcere grazie alle video interviste realizzate nella casa circondariale di Augusta e nel carcere femminile di Pozzuoli, e interverrà Daniela Ferrarello, la docente siciliana che dopo aver vinto l’Italian Teachers’ Prize nel 2017 ha devoluto il premio a favore del carcere dove insegnava per dare vita al pluripremiato laboratorio di matematica “Vietato non toccare”.

    ERASMUS. Venerdì 6 novembre – L’educazione degli adulti in prospettiva europea: verso il nuovo programma Erasmus 2021-2027. Una riflessione sui risultati raggiunti e sulle prospettive future della collaborazione promossa da Erasmus, in collaborazione con l’Agenzia Erasmus+ Indire, e sui prossimi sviluppi di Epale, la learning community per l’apprendimento permanente.

    Programma e informazioni sul seminario: https://epale.ec.europa.eu/it/content/educazione-il-futuro-epale-e-le-sfide-dellapprendimento-eta-adulta

    L’evento si svolgerà online, con sessioni pomeridiane in diretta dalle 15.00 alle 18.00, cui sarà possibile contribuire con le domande in chat.

    Hashtag ufficiale dell’evento: #EpaleIT20

    Violenza donne: Oggi in Senato FI presenta proposta di legge

    Mercoledì 4 novembre alle ore 13.00, nella sala Caduti di Nassiriya del Senato i parlamentari di Forza Italia Maurizio Gasparri e Giusy Versace presenteranno con Maria Grazia Cucinotta, presidente di Vita senza paura Onlus, Solveig Cogliani, responsabile area giuridica di Vita senza paura Onlus e Maria Stella Giorlandino, presidente di Artemisia Onlus, le proposte di legge a loro prima firma sulla violenza sessuale e di genere per l'istituzione dell'albo delle associazioni e gli operatori specializzati e per l'assistenza delle vittime. Alla conferenza stampa parteciperanno anche le capogruppo di Forza Italia al Senato e alla Camera, Anna Maria Bernini e Mariastella Gelmini, e l'onorevole Catia Polidori, responsabile nazionale Azzurro Donna.

    (Fonte DIRE)

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.