AngeliPress

    AngeliPress

    Il cantiere del terzo settore nella fase post-Covid

    Il cantiere del terzo settore nella fase post-Covid, di Gianfranco Piombaroli* e Angelo Palmieri** su Open Calabria

    Siamo ad un passo dalla più profonda recessione economica del dopoguerra e dinanzi a dinamiche sociali imprevedibili. L’Istat stima per il secondo trimestre del 2020 una contrazione del PIL del 12,8% (il dato peggiore dal 1995), un milione di posti di lavoro in meno entro l’anno, la cancellazione di una azienda su tre. Sono in atto effetti macro-economici dagli inevitabili riverberi in termini di coesione sociale sulle nostre comunità.

    In questo scenario alquanto chiaro, il Terzo Settore, da sempre un avamposto di prossimità, è in forte affanno: i livelli minimi di assistenza e cura sono stati garantiti dai numerosi soci, nel mentre ci si è dotati di codici etici di comportamento e linee guida fai-da-te, sì da poter gestire in modo ancor più efficace ogni processo organizzativo teso a prevenire qualsiasi evento ostativo in assenza di un qualsiasi protocollo scientifico stilato dal governo centrale o da quello regionale. Ciononostante, nei quattro mesi di emergenza sanitaria, sono stati garantiti gli interventi essenziali (basti pensare al lavoro di cura nelle RSA).

    Qui il link all'articolo completo: https://www.opencalabria.com/il-cantiere-del-terzo-settore-nella-fase-post-covid/

    Giornalisti minacciati in Italia, i numeri del Viminale

    Dall'osservatorio voluto dal Ministero dell'Interno emerge un lungo elenco con una serie di aree più a rischio di altre: tra queste Caserta e il Lazio in testa. Seguono Campania, Sicilia, Calabria e Lombardia

    Nei primi sei mesi del 2020 sono stati 83 gli episodi di minacce denunciate, in aumento rispetto al 2019.

     

    Brasile: parità salariale tra Nazionale maschile e femminile di calcio

    Lo ha annunciato la Confederazione calcistica brasiliana. Le giocatrici riceveranno la stessa cifra giornaliera dei giocatori e anche i premi saranno livellati, seppur proporzionati ai vari premi in denaro della Fifa ai Giochi Olimpici e ai Mondiali.

    Lucia Abbinante prima donna alla direzione ​dell'Agenzia Nazionale per i Giovani

    Lucia Abbinante prima donna alla direzione ​dell'Agenzia Nazionale per i Giovani su proposta del ministro Spadafora.

    Così la 32enne barese in una nota: «Sono onorata del conferimento dell'incarico di Direttrice Generale dell'Agenzia Nazionale per i Giovani, che negli anni si è distinta come presidio di Politiche pubbliche e modelli per l'attivazione e la sensibilizzazione dei giovani. Sono profondamente grata al Ministro Spadafora, con cui abbiamo condiviso importanti sfide in questi anni, e che non ha mai smesso di credere ed investire nelle giovani energie del nostro Paese. In continuità col il mandato di Domenico De Maio, che ringrazio per il suo operato appassionato e per quanto nel tempo abbiamo condiviso dal punto di vista umano e professionale».

    «L'obiettivo è continuare a connettere sempre più giovani alle opportunità e ai programmi promossi da Ang attraverso il coinvolgimento attivo dei territori e degli stakeholder determinanti in questi processi. In un momento storico di transizione e di rigenerazione dei modelli di socialità, economia, cultura è determinante la valorizzazione dell'impegno e del lavoro degli youth worker, il mantenimento di forti sinergie tra i network giovanili attivi nel contesto dei programmi europei e domestici di Ang e il costante investimento nell'empowerment delle competenze trasversali dei giovani come leva per determinare un reale cambiamento sociale che parta dall'essere cittadini attivi e consapevoli». 

    Giornata Europea della Cultura Ebraica

    Domenica 6 settembre (corrispondente al 17 di Elul del calendario ebraico) in occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica il cui tema di questa edizione è “Percorsi ebraici”, la Comunità ebraica di Ferrara e il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah-MEIS propongono un programma ricco di eventi, realizzato in collaborazione con l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.

    Tutte le attività sono gratuite tranne l’arena MEIS, il cui biglietto costa 2 euro, e l’ingresso alla mostra permanente “Ebrei, una storia italiana”, la cui tariffa speciale è di 5 euro. Il museo sarà aperto dalle 9.45 alle 18 e dalle 19.45 alle 23.00 per la proiezione dell’arena estiva.

    VISITA AL MEIS “DA DENTRO” E CACCIA AL TESORO
    Appuntamento alle 10 al MEIS per una doppia attività dedicata ai più grandi e ai piccini: gli adulti potranno visitare il museo “da dentro” accedendo al piano degli uffici, dove un tempo si trovavano le celle del carcere di via Piangipane e il ballatoio, e assistere alla proiezione di “Con gli occhi degli ebrei italiani” curato da Simonetta Della Seta e Giovanni Carrada. Per i bambini dai 6 ai 10 è prevista una caccia al tesoro nel Giardino delle domande; in palio quattro kit per il back to school.
    Si ringrazia per il sostegno Sprayground (distributore per l’Italia ZES S.r.l.) e Cartolerie Internazionali - Roma.
    INFO I posti sono 20 per la visita negli uffici e la proiezione e 16 per la caccia al tesoro, la prenotazione è obbligatoria, entrambe le attività durano 1 ora circa. Sarà possibile visitare gli uffici e assistere alla proiezione di “Con gli occhi degli ebrei italiani” anche alle ore 15 e alle 17. Per prenotare: tel. 0532 1912039 e 342 5476621 (attivi martedì-giovedì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 18 e venerdì-domenica 10.00-18.00) o email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

    TOUR IN BICI PER LA FERRARA EBRAICA

    Alle ore 16.30 davanti all’ingresso del MEIS inizia un tour in bicicletta per esplorare i principali luoghi che raccontano la storia millenaria della Ferrara ebraica. L’attività è realizzata in collaborazione con la Comunità ebraica e include le visite alle sinagoghe di via Mazzini e al cimitero ebraico guidate dal Rabbino capo di Ferrara Luciano Meir Caro e dal Presidente della Comunità ebraica Fortunato Arbib.
    INFO Il giro ha una durata di 75 minuti e prevede un massimo 22 visitatori, prenotazione obbligatoria. Per prenotare: tel. 0532 1912039 e 342 5476621 (attivi martedì-giovedì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 18 e venerdì-domenica 10.00-18.00), email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

    UN VIAGGIO VIRTUALE ALLA SCOPERTA DELL’ITALIA EBRAICA

    Dalla collaborazione con i musei ebraici italiani, nasce il video collettivo “Un viaggio, tante storie” con contenuti speciali dedicati ai luoghi ebraici di tutta la Penisola. Il video verrà proiettato al MEISHOP alle 16.45 e sarà disponibile sulla pagina Facebook del MEIS @MEISmuseum. Le immagini scorreranno in loop negli spazi del museo per tutta la giornata.

    ARENA MEIS, PROIEZIONE DI “PECORE IN ERBA”

    Alle 20.30 si conclude con “Pecore in erba” di Alberto Caviglia, ultima proiezione dell’arena estiva organizzata dal MEIS “Ebreo chi? Una, nessuna, centomila identità”. Il protagonista dell’esilarante mockumentary è Leonardo Zuliani, antisemita in crisi. A sorpresa i cammei di tantissime star del cinema italiano come Margherita Buy, Francesco Pannofino e Vinicio Marchioni.
    INFO Il biglietto avrà il costo simbolico di 2 euro. Il film inizierà alle 20.30, l'accesso è consentito a partire dalle 19.45. Il film si potrà guardare seduti sulle sedie ma anche sdraiati sui plaid in omaggio che potranno essere portati a casa finita la proiezione.
    Presso i distributori del MEIS sarà possibile acquistare bibite e snack. Prima di ogni proiezione, il Direttore, lo staff del museo e alcuni ospiti faranno una breve introduzione sui temi trattati suggerendo letture di libri reperibili al MEISHOP. I posti disponibili sono 92. È possibile prenotare il biglietto chiamando ai numeri 0532 1912039 e  342 5476621 (attivi martedì-giovedì dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 18 e venerdì-domenica 10.00-18.00) e scrivendo a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.. L’iniziativa è stata resa possibile grazie al sostegno di Holding Ferrara Servizi, Vito Tecnologie e della Cooperativa Le Pagine e alla collaborazione del Comune di Ferrara e di ARCI FERRARA APS.

    Tutti i percorsi formativi di Nestore

    Mercoledì 16 settembre alle ore 16 Nestore terrà un webinar in cui verranno presentati i diversi percorsi formativi previsti tra settembre e dicembre e le principali iniziative culturali di settembre- ottobre.

    In questo modo sarà possibile non solo avere una panoramica dell’ultimo semestre del 2020, ma anche porre domande al riguardo e proporre altri temi su cui vorreste fossero organizzati percorsi formativi o specifiche attività culturali.

    Nella seconda metà di settembre sono previsti inoltre:

    1. un webinar, a cura di Carla Facchini e di Paolo Trivellato, in cui verranno presentati i dati generali, ma con un’attenzione a quelli dei soci Nestore, della ricerca su ‘Vivere ai tempi del Covid 19: la percezione del rischio e le strategie di resistenza in quarantena degli over 65’, coordinata dall’Istituto Besta e a cui abbiamo partecipato nello scorso aprile. Soprattutto, vorremmo che questo incontro fosse l’occasione per un confronto con/tra i nostri soci su come è stato vissuto questa emergenza e sulle strategie con cui affrontare tali emergenze, sia a livello individuale, che come ‘Nestore’, anche a partire dalle risposte date ad alcune domande proiettive che abbiamo inserito nel questionario.
    2. Il terzo incontro, sempre come webinar, su temi di carattere economico, tenuto dalla prof.ssa Paola Villa.

    Master in comunicazione musicale

    Mercoledì 16 settembre alle ore 18.00 il Master in comunicazione musicale promosso dall’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, organizza un webinar sul tema “I CONCERTI IN STREAMING: come funzionano (e perché non possono sostituire il “live”)”. Il seminario verrà trasmesso in streaming sui canali social (Youtube, Facebook, Twitter e Linkedin) dell’Università Cattolica, all’interno della Open Week dell’Ateneo dedicata alla formazione post-laurea. 

    L’incontro, pensato per gli interessati al settore del music business, addetti ai lavori ed ex-studenti e rivolto ai futuri alunni del Master come introduzione al corso in partenza a gennaio 2021, affronterà uno degli argomenti centrali dell’industria e del consumo musicale odierno. Il fenomeno dei concerti in streaming a pagamento è una realtà già consolidata nei paesi anglosassoni, ed è una tendenza ormai globale, in una fase contraddistinta dallo stop imposto dalla pandemia agli eventi “live”. Il seminario cercherà di inquadrare il tema affrontandone sia le potenzialità (un nuovo modello complementare di distribuzione della musica), sia i limiti (l’impossibilità di sostituire l’esperienza in presenza della performance) e delineando le implicazioni sulle figure professionali coinvolte.

    Il seminario vedrà la partecipazione di docenti del Master ed esperti professionisti nel settore musicale, che racconteranno il punto di vista dei promoter, dei media, delle piattaforme:

    VERONICA CORNO (Responsabile comunicazione Friends & Partners), ALEX BRAGA (Musicista e ideatore della piattaforma di streaming di musica dal vivo A-Live),

    LUCA DE GENNARO (Head of Talent & Music MTV/VH1 - Curatore Artistico Milano Music Week) e

    MARCO PONTINI (Direttore didattico del Master Fare Radio e vice presidente di Radio Italia). Introduce e modera l’incontro il direttore didattico del Master

    GIANNI SIBILLA.

    Il Master in Comunicazione Musicale, promosso dall’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore presso la sede di Milano, è rivolto a laureati e laureandi di qualsiasi facoltà (e/o titolo equipollente, es. diplomati al conservatorio) che desiderano conoscere le dinamiche e le professioni della comunicazione nel mondo della musica, fornendo una visione d’insieme sul music business attraverso lezioni, laboratori, project work e stage.

    Confermandosi negli anni come il percorso più valido nella formazione alle professioni del settore musicale per la sua particolare attenzione all’aggiornamento all’innovazione, Il Master in Comunicazione Musicale  nel 2021 compirà 20 anni: continua a formare a 360° i suoi studenti, portando in cattedra professionisti del settore, docenti universitari, artisti e un numero sempre maggiore di ex alunni del

    Master, chiamati a testimoniare e a tenere lezioni sulle case history delle aziende in cui ora lavorano. Il percorso prevede un periodo di stage finalizzato all'inserimento formativo dello studente nel mondo del lavoro: il Master ha maturato una consolidata collaborazione negli anni con le aziende che lavorano nei vari settori dell’industria musicale, dalla comunicazione alla discografia, agli eventi, ai media, al digitale.

    Le percentuali di placement si attestano tra il 66% e il 90% a sei mesi dal termine delle lezioni. Quest’anno il termine per la presentazione delle domande di ammissione è fissato per il 16 ottobre, mentre i colloqui di selezione si svolgeranno ad inizio novembre, con inizio delle lezioni a gennaio 2021. Le iscrizioni sono già aperte e sono disponibili ben 6 borse di studio per i primi classificati nella graduatoria di selezione.

    Strutturato in 1500 ore distribuite nell’anno accademico, il Master in Comunicazione Musicale è dedicato allo studio dell’industria della musica pop e al suo rapporto con il mondo della comunicazione e dei media. In20 anni sono stati selezionati oltre 450 studenti, svolte oltre 7500 ore di lezione - incontri con gli operatori del settore, laboratori e lezioni sulla discografia, distribuzione, promozione e marketing - e attivato oltre 450 stage.  

    I sogni degli italiani nel nuovo disordine mondiale

    Incontro con Massimiliano Valerii al Festival della Mente di Sarzana (4-6 settembre 2020)

    Il tema del Festival della Mente 2020 è il sogno. «Sono parole, come “sogno”, che sprigionano un fascino misterioso» spiega il direttore del Censis Massimiliano Valerii, uno degli ospiti della manifestazione. «La ragione è semplice: aprono uno squarcio su ciò che non siamo e su quello che non abbiamo. Coltiviamo sempre l’aspirazione a una vita più degna. Noi viviamo nel dominio della possibilità, del non ancora realizzato. Vale anche per le leggi invisibili della società». Dati alla mano, quali sono i ritardi da colmare per essere un paese migliore? Quali sono le tappe da percorrere per avverare i nostri sogni di progresso e smentire le profezie più funeste? Nel mezzo della recessione globale causata dalla pandemia, esitiamo tra gli errori della percezione e la certezza dei segnali di allarme. In equilibrio come funamboli sognanti sulla corda tesa tra l’immaginazione e la realtà, c’è però qualcosa che ciascuno di noi può fare. Questo il tema al centro dell’incontro I sogni degli italiani nel nuovo disordine mondiale con Massimiliano Valerii al Festival della Mente sabato 5 settembre alle ore 14.45 in Piazza Matteotti.

    Massimiliano Valerii è il curatore dell’annuale Rapporto sulla situazione sociale del Paese, pubblicato dal 1967 e considerato uno dei più qualificati e completi strumenti di interpretazione della realtà socio-economica italiana. A fine agosto uscirà per Ponte delle Grazie La notte di un’epoca.

    Plessi, l'età dell'oro: dal 1 settembre al 15 novembre 2020

    Al Museo Correr, Piazza San Marco dal 1 settembre al 15 novembre 2020

    Nelle cascate d'oro è racchiusa la scritta Pax Tibi, l'incipit della locuzione stampata sul Vangelo che il leone veneziano tiene tra le zampe. Pax Tibi, Marce, evangelista meus, Pace a te, Venezia, senza tempo come il nobile e puro materiale. L'oro a Venezia è simbolo, è anche sapienza artigiana di indoratore, che Fabrizio Plessi traduce in un flusso digitale contemporaneo, a saldare come sempre l'apparente opposizione fra elementi primordiali e tecnologie, natura e artificio, tradizione e futuro. Le finestre del Museo Correr, nel lato di Piazza San Marco opposto alla Basilica, sono la sede dell'apparizione scenografica, luminosa e sonora, di cascate d'oro senza origine né fine, di un potente e dirompente loop magmatico che si mostra nel cuore di quella che fu la Serenissima. L'Età dell'Oro è un tempo sospeso e circolare, che senza nostalgia ma con concreto senso del presente avvolge Venezia, città oggi ferita ma di eterna incorruttibile bellezza che a tutto sopravvive. L'arte qui non inganna, l'immateriale tecnologico non si finge altro ma espande in una fluida eternità l'aurea materia, a pervadere il tempo e lo spazio della città di pietra avvolta dalla laguna e dalle infinite rifrazioni della luce. Nel luogo che vent'anni fa ospitò l'installazione Waterfire Fabrizio Plessi con L'Età dell'Oro torna, allo scadere dei suoi ottant'anni, con un omaggio profondo e commosso alla sua città d'elezione e di vita, prologo della grande retrospettiva che con lo stesso titolo aprirà nell'autunno nella Galleria Internazionale d'Arte Moderna di Ca' Pesaro.

    Il CNDDU propone nelle scuole "I have a dream"

    Era il 28 agosto 1963 quando Martin Luther King, davanti ad un'enorme folla radunatasi davanti al Lincoln Memorial di Washington a conclusione della manifestazione di protesta per i diritti civili ed economici per gli afroamericani, denominata Marcia su Washington per il lavoro e la libertà, pronunciava il suo famoso discorso I have dream.

    Il CNDDU ritiene fondamentale proporre nelle scuole il testo del discorso in modo da sensibilizzare i giovani sui temi del razzismo e della solidarietà. Oggi viviamo ancora in una società in cui purtroppo si continua a discriminare in ordine a differenze di carattere razziale, sessuale o economico.

    5.340 violenze verbali, 901 aggressioni fisiche, 177 danneggiamenti alla proprietà e 1.008 casi di discriminazione tra il 1° gennaio 2008 e il 31 marzo 2020 sono alcuni dati che emergono dal Quinto Libro Bianco sul razzismo in Italia presentato dell'associazione Lunaria ad agosto del 2020 e allarmano.

    Contro ogni pregiudizio e sostenendo il principio della solidarietà ribadiamo l’importanza di coinvolgere i giovani sempre più sui temi della libertà, della tolleranza e del divieto di discriminazione. È necessario acquisire una forma mentis “civica”, il cui scopo conclusivo consiste nel potenziare e incrementare le competenze civiche-sociali, comunicative, digitali; rispettare sé, gli altri e l’ambiente circostante; essere responsabili e consapevoli; essere costruttivi, creativi, cooperativi; riflettere criticamente; condividere esperienze e mediare; risolvere problemi, fare scelte e prendere decisioni.

    Proprio per questo Martin Luther King è veramente attuale. Io ho davanti a me un sogno, che un giorno sulle rosse colline della Georgia i figli di coloro che un tempo furono schiavi e i figli di coloro che un tempo possedettero schiavi, sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza.

    Io ho davanti a me un sogno, che un giorno perfino lo stato del Mississippi, uno stato colmo dell’arroganza dell’ingiustizia, colmo dell’arroganza dell’oppressione, si trasformerà in un’oasi di libertà e giustizia. Io ho davanti a me un sogno, che i miei quattro figli piccoli vivranno un giorno in una nazione nella quale non saranno giudicati per il colore della loro pelle, ma per le qualità del loro carattere. Ho davanti a me un sogno, oggi!

    Io ho davanti a me un sogno, che un giorno ogni valle sarà esaltata, ogni collina e ogni montagna saranno umiliate, i luoghi scabri saranno fatti piani e i luoghi tortuosi raddrizzati e la gloria del Signore si mostrerà e tutti gli essere viventi, insieme, la vedranno. È questa la nostra speranza. Questa è la fede con la quale io mi avvio verso il Sud. (Parte tratta dal discorso I have dream)

    Prof. Romano Pesavento, Presidente CNDDU

    Please publish modules in offcanvas position.

    We use cookies

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.